Spagna, la spesa dei turisti stranieri aumenta quasi del 15%

Spagna, la spesa dei turisti stranieri aumenta quasi del 15%

La spesa totale dei turisti stranieri che hanno visitato la Spagna nel primo semestre del 2017 è aumentata del 14,8% rispetto allo stesso periodo del 2016, fino a toccare quota 37.217 milioni di Euro. Questo incremento si deve in particolar modo alla rilevante crescita del numero dei turisti e della spesa media.

 

I dati, corrispondenti all’Encuesta de Gasto Turístico (EGATUR) dell’INE (Istituto Nazionale di Statistica spagnolo) ed analizzato dalla Federación Española de Hostelería, indicano che ogni turista ha speso in media 1.023€, il 2,8% in più rispetto al primo trimestre del 2016. La spesa media giornaliera è stata di 139 Euro (+4,7%).

 

La spesa turística per Comunità
Le Comunità Autonome dove i turisti hanno speso di più risultano essere Catalogna e Canarie (rispettivamente 22% e 21,2% del totale). Entrambe le Comunità hanno registrato una forte crescita della spesa media (rispettivamente +14,8% e 13%). Seguono Andalucia (15,1% del totale), Baleari (14%), Madrid (18,7%) e Valencia (17,5%).

 

Il 21% della spesa totale corrisponde al trasporto internazionale, che è stato inoltre il settore che ha visto crescere maggiormente la spesa (+20,2%). Seguono le spese per i pacchetti turistici (20,6% del totale ed incremento dell’8,8%) e per attività varie (18,2% del totale e +17,4%).

 

Per quanto riguarda gli alloggi, la maggior parte della spesa è sostenuta dai turisti che pernottano in hotel. Tuttavia, questo tipo di spesa cresce con minore intensità rispetto a quella sostenuta per il resto degli alloggi di mercato (+24,9% rispetto a +`10,8%). La spesa dei turisti che hanno scelto alloggi non di mercato è cresciuta del 19,2%.

 

Rispetto alla forma di organizzazione del viaggio, la spesa dei turisti che non hanno viaggiato con un pacchetto turistico è aumentata del 17,3%, mentre quella dei viaggiatori che hanno optato per i pacchetti del 9,5%.

 

Fonte: Diariodegastronomia.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Spagna: in aumento la spesa dei turisti stranieri

Spagna: in aumento la spesa dei turisti stranieri

I turisti stranieri che hanno visitato la Spagna durante il mese di ottobre hanno speso 7.305 milioni di Euro, un 16,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Questo incremento interannuale è il maggiore che si è prodotto nel 2016, con un aumento della spesa media giornaliera del 13,5% (fino a 137 Euro) e della spesa media per turista del 4,8% (1.023 Euro).

 

Nei primi dieci mesi del 2016, la spesa totale da parte dei turisti stranieri ha raggiunto i 68.929 milioni di Euro, superando la cifra di spesa complessiva del 2015 (aumento dell’8,4% rispetto allo stesso periodo del 2015).

 

Tuttavia, i dati, che si evincono dalla Encuesta de Gasto Turístico (EGATUR) dell’INE, analizzati dalla Federación Española de Hostelería (FEHR), indicano che la durata media dei viaggi dei turisti stranieri in Spagna si è ridotta del 7,7%, con una media di 7,5 giorni per viaggio.

 

I turisti che spendono di più
I tursiti che più hanno speso nel mese di ottobre provengono da Regno Unito (20% della spesa complessiva e crescita interannuale della spesa del 9,3%) e Germania (17,1% del totale spesa e 22% di aumento interannuale). Al terzo posto troviamo i Paesi nordici, con un aumento dell’11,4%. La Francia, che si è situata in quarta posizione, ha visto una diminuzione della spesa interannuale pari al 3,5%.

 

La durata media del viaggio è scesa in tutti i principali Paesi eccetto che in Italia e nei Paesi nordici, che hanno registrato una crescita dei soggiorni rispettivamente del 12,8% e del 4,4%.

 

Per quanto riguarda le Comunità Autonome, Catalunia e Canarie sono quelle che hanno ricevuto la maggior parte della spesa dei turisti stranieri, con un rispettivo 20% e 19,6% del totale. Rispetto al 2015, la spesa è aumentata di un 4,8% in Catalunia e di un 24,8% alle Canarie. Baleari ed Andalusia si sono piazzate subito dietro, ciascuna con il 16,5% della spesa totale ed un incremento del 29,2% e del 14,8% rispetto all’anno passato. In tutte le Comunità Autonome principali, la durata del soggiorno è diminuita rispetto al 2015, eccetto che nella Comunità di Madrid, dove è aumentata di un 16,9%. La Comunità di Madrid, però, è l’unica che ha visto scendere la spesa media giornaliera.

 

Forme di viaggiare
Il pacchetto turistico ha rappresentato la maggiore percentuale di spesa degli stranieri (22,4%), seguito dal trasporto internazionale (non incluso nel pacchetto turístico), che ha rappresentato il 20,9%. Entrambi hanno evidenziato importanti incrementi rispetto al 2015, rispettivamente del 18,8% e del 22%. Una crescita importante è stata evidenziata anche con riguardo alla spesa in attività (+21,7%), che risulta la terza voce di questa classifica. Subito dietro troviamo le spese per vitto ed alloggio, in crescita del 5,6% e del 12,8%.

 

La spesa per alloggio in hotel è aumentata del 15,7% e quella per alloggi non di mercato del 14,6%, entrambe su base interannuale.

 

Le spese per attività di svago sostenute dai turisti nel mese di ottobre rappresentano l’84,6% del totale, un 19,7% in più rispetto al 2015. La spesa di chi ha viaggiato per affari, invece, è aumentata del 23,1%. La durata dei viaggi d’affari è cresciuta del 3,9%, mentre quella dei viaggi per svago è diminuita del 7,2%.

 

Fonte: DIARIODEGASTRONOMIA.COM

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Nel 2015 la spesa per ristorazione è aumentata del 2,5% in Spagna

Nel 2015 la spesa per ristorazione è aumentata del 2,5% in Spagna

Il paese ibérico continua ad essere il paese della UE28 con maggiore spesa per questo settore.

“The Ostelea School of Tourism & Hospitality” (www.ostelea.com) ha presentato lo studio La spesa di ristorazione in Spagna che analizza ed osserva la situazione di questo settore rispetto al suo fatturato e alla sua capacità di creare impiego, sia nel presente che in un arco di quattro anni nel futuro. Nello stesso modo, analiza le differenze tra le tendenze di consumo, sia a livello internazionale che regionale.

Secondo lo studio, nel 2015 la spesa per ristorazione in Spagna è stata di 40.600 milioni di euro (dati stimati), dati che determinano un aumento del 2,5% rispetto al 2014. Nel 2015, la spesa media in ristorazione per famiglia è stata di 2.232,€ . Questa cifra rappresenta un consolidamento della tendenza crescente registrata già nel 2014 (+3,2%), d’accordo con il recupero del consumo nelle famiglie spagnole.

Secondo le considerazioni presentate nello studio, la Spagna è il paese occidentale in cui la spesa per la ristorazione ha il peso più importante sul totale del consumo delle famiglie, nonostante l’impatto della crisi economica. Si mantiene al primo posto nella EU-28 in termini di ristorazione con un una spesa totale del 17,1% nel 2014.

Nel 2014, la spesa per ristorazione ha rappresentato un 14,61% della spesa totale delle famiglie spagnole, e la previsione per il 2015 è che questo dato aumenti, fino a raggiungere il 15%.

La differenza tra la spesa per ristorazione nelle case più ricche rispetto a quelle più povere, è aumentata significativamente dal 2009, passando dalle 9,1 volte in più alle 12,9 volte in più, nel 2014. L’impatto del recupero economico si mostra chiaramente diseguale tra le varie estrazioni sociali spagnole.

I dirigenti e gestori hanno mantenuto praticamente costante la spesa media per ristorazione nel 2014 rispetto al 2013 (-0,8%), mentre questa differenza è stata massima nel caso delle occupazioni elementari (+7%), seguite dagli operatori di installazione e macchinari (+6%).

La Catalogna è stata quella che ha presentato la spesa totale per ristorazione più significativa del 2014, con quasi 6.600 milioni di euro. D’altra parte, i Paesi Baschi sono stati la prima regione per spesa per ristorazione individuale, con 1.251€ a persona.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X