Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Lo studio legale LETSLAW, socio della CCIS, presenta il nuovo accordo fra le due sponde dell’atlantico sul trattamento dati personali, che sostitisce il Safe Harbour

Dopo che la Corte di Giustizia Europea ha dichiarato invalidi, lo scorso 6 aootobre, gli accordi del Safe Harbor ritenendo che gli Stati Uniti non garantivano una corretta protezione dei dati personali degli utenti europei, la Commissione Europea e lo stato nordamericano hanno stipulato un nuovo accordo denominato Privacy Shield.

In base a questo accordo, le due parti stabiliscono un nuovo ámbito di protezione legale per il trasferimento internazionale dei dati personali dei cittadini dell’Unione Europea.

Contrariamente a quanto stabilito nel Safe Harbor, il Privacy Shield comprende una serie di obblighi più severi che dovranno rispettare le imprese statunitensi, nonché una maggiore vigilanza da parte del Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti (Federal Trade Commission – FTC), che comporterà una maggiore cooperazione con le Aautorità Europee di Protezione dei Dati.

In concreto, nel Privacy Shield sono state inserite le seguenti clausule:

(i) Le compagnie con sede nel USA dovranno sottostare a severi obblighi nell’ambito del trattamento dei dati personali di cittadini europei

In questo senso, si prevede che il Dipartimento di Commercio degli Stati Uniti eserciti un controllo affinché le compagnie statunitenti informino sul trattamento che stanno realizzando sui dtati personali dei cittadini europei e sulle garanzie per la corretta protezione dei loro diritti. La violazione di questo obbligo sarà sanzionata dalla Commissione Federale di Commercio.

Allo stesso modo, si stabilisce che le compagnie che realizzino trasferimenti internazionali di dati dall’Unione Europea dovranno compromettersi ad agire in conformità delle decisioni delle Autorità garanti europee.

(ii) l’accesso da parte delle autorità statunitensi ai dati personali trasferiti dall’Unione Europea sarà sottoposto a limiti, garazie e meccanismi di controllo 

Gli Stati Uniti hanno fornito agarnzie vincolanti all’UE sul fatto che le autorità americane avranno accesso ai dati personali di cittadini europei sono quando giustificato da motivi di sicurezza nazionale.  non ci saranno inoltre  attività di monitoraggio indiscriminato e non proporzionale.

Per garantire il compimento di questi obblighi, si prevede la convocazione di una riunione annuale tra gli esperti in sicurezza nazionale degli USA e le autorità europee di protezione dei dati.

(iii) I cittadini europei che ritengano i propri diritti violati negli Stati Uniti avranno diversi strumenti gratuiti di tutela

Nel caso in cui un cittadino europeo reclami l’uso improprio dei suoi dati personali, la compagnia oggetto dela reclamazione sarà obbligata a rispondere entro i termini stabiliti.

Allo stesso modo, sarà possibile per i cittadini europei richiedere consulenze o effettuare reclami attraverso la figura di un nuovo Difensore del cittadino specializzato in materia di protezione dei dati.

Al momento, l’accordo di Privacy Shield non è vincolante, dal momento che la Commissione Europea deve infromare il Gruppo Articolo 29 su tutte le questioni contemplate nell’accordo. In concreto, la commissione ha tempo fino al fine febbraio per consegnare al Gruppo  Articolo 29 tutta la documentazione inerente all’accordo di Privacy Shield.

Fonte: LETSLAW – www.letslaw.es

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Nuova piattaforma digitale per la risoluzione stragiudiziale di conflitti in materia di consumo

Nuova piattaforma digitale per la risoluzione stragiudiziale di conflitti in materia di consumo

Gestita dalla Commissione Europea, mira a contribuire alla soluzione delle controversie sulle vendite online tra consumatori e imprese residenti nell’Unione Europea

La Commissione Europea ha creato una nuova Piattaforma con l’obiettivo di offrire la possibilità di risolvere in modo semplice, efficace, veloce e accessibile le controversia che derivano dalla relazione contrattuale online tra consumatori e imprese residenti nell’Unione Europea e favorire l’affidabilità del mercato unico digitale.

Lo sviluppo di questa Piattaforma è il risultato dell’applicazione di una normativa che regola l’attività delle imprese ubicate nella UE che sottoscrivono contratti di compravendita o di prestazione di servizi con i consumatori europei in relazione a prodotti e/o servizi che vengono offerti attraverso il proprio sito web.

La creazione di questa nuova piattaforma comporta il compimento di nuovi obblighi da parte delle imprese che prestano i propri servizi attraverso internet:

  1. fornire una e-mail di contatto affinché i consumatori possano risolvere la disputa senza pasarse per mecanismo di risoluzione stragiudiziale.
  2. Inserire nella propia piattaforma un link identificabile e di facile accesso che rimandi alla Piattaforma di risoluzione stragiudiziale di conflitti.
  3. In caso di realizzare un invio di comunicazioni commerciali relative ai prodotti e servizi che offre l’impresa, includere il link alla Piattaforma di risoluzione stragiudiziale di conflitti.
  4. Includere nei termini e condizioni di contrattazione tutta l’informazione relativa alla nuova Piattaforma di risoluzione strragiudiziale di conflitti.

La Piattaforma sarà attivata a partire dal 15 febbraio 2016. Tuttavia, l’obbligo di includere il link alla stessa (http://ec.europa.eu/consumers/odr/) è inmediato.

È possibile scaricare il comunicato esplicativo realizzato da LETSLAW, con le infromazioni dettagliate sulla Piattaforma ed il suo funzionamento, attraverso il seguente link

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X