“10 platos hoy para degustarlos mañana”, un percorso in dieci tappe per scoprire l’autentica cucina italiana

“10 platos hoy para degustarlos mañana”, un percorso in dieci tappe per scoprire l’autentica cucina italiana

Prende il via in questi giorni l’iniziativa “10 platos hoy para degustarlos mañana” (10 piatti oggi per degustarli domani): gli amanti della cucina italiana avranno pertanto la possibilità di assaporare gli autentici prodotti del Belpaese grazie alle proposte speciali dei ristoranti italiani a Madrid che hanno aderito all’iniziativa.

Dalle saporite tagliatelle al  ragù di agnello con petali di carciofi croccanti e Pecorino agli scialatelli ai frutti di mare, passando per i tradizionali spaghetti alla carbonara e l’originale pizza al tartufo nero, questo percorso gastronomico in 10 tappe risveglierà senza dubbio la passione per i prodotti italiani sani, buoni e autentici.

Per degustare i piatti speciali, i ristoranti che partecipano all’iniziativa mettono a disposizione un buono per l’acquisto di 10 piatti autentici italiani, che si potrà richiedere attraverso la web dedicata. Una volta ottenuto il buono, si potranno scegliere i piatti e le quantità, nonché optare per quando e dove degustarli: nello stesso ristorante o direttamente a casa (grazie al servizio di delivery), durante i 12 mesi successivi alla data di acquisto.

L’iniziativa mira, da un lato, a diffondere l’autentica cucina italiana e la sua gran varietà di prodotti, e dall’altro ad appoggiare un settore, quello della ristorazione, che sta soffrendo particolarmente in questo periodo di incertezza e difficoltà, a seguito delle restrizioni messe in atto per contrastare la diffusione del Covid-19.

Per il raggiungimento di questi obiettivi conta sull’appoggio di un comitato gastronomico, denominato “Amigos de la pasta”, che garantisce l’autenticità delle ricette proposte e dei prodotti utilizzati. Il comitato è formato da Simone Turchetta (Consigliere Economico e Commerciale dell’Ambasciata d’Italia a Madrid), Maurizio Di Ubaldo (Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina, delegazione di Madrid), Giovanni Aricó (Segretario Generale della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, CCIS), Alessandro Cresta (Chef di Mó Better Food), Manfredi Bosco (Presidente della Federazione Italiana Cuochi, delegazione in Spagna) e Andrea Lazzari (creatore e coordinatore di Amigos de la pasta).

L’iniziativa fa parte del progetto True Italian Taste, per la valorizzazione dei prodotti gastronomici italiani certificati e autentici. Tale progetto è promosso e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e realizzato da Assocamerestero, con il supporto delle Camere di Commercio Italiana all’estero.



#trueitaliantaste 

#iffoodcouldtalk

#extraordinaryitaliantaste

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

I prodotti italiani autentici protagonisti delle masterclass dello chef Ferdinando Bernardi

I prodotti italiani autentici protagonisti delle masterclass dello chef Ferdinando Bernardi

Lo chef Ferdinando Bernardi, dell’ Orobianco di Calpe, unico ristorante di alta cucina italiana con stella Michelin in Spagna, presenterà alcuni dei prodotti gastonomici italiani più apprezzati nel mondo nelle due masterclass organizzate dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS),  che si terranno i giorni 24 giugno e 8 luglio.

L’iniziativa fa parte del progetto True Italian Taste – 100% Auténtico,  che mira alla valorizzazione e alla promozione in Spagna dei prodotti enogastronomici italiani autentici.

Bernardi, già testimonial del progetto in precedenti iniziative, utilizzerà prodotti come il Pecorino toscano val d’Orcia, il guanciale,  il Grana Padano Dop ed il riso carnaroli per preparare due ricette . la prima è una proposta particolarmente rappresentativa della personalità dello chhef, che usa combinare piatti della tradizione culinaria italiana con prodotti locali. In questa occasione, lo chef Bernardi preparerà un risotto alla parmigiana con citrici e gamberetti di Santa Pola.  La seconda proposta è uno dei piatti più famosi e rappresentativi della gastronomia italiana, ma la cui preparazione continua ad essere fonte di errori e dubbi. Bernardi spiegherà quindi come preparare correttamente gli spaghetti alla carbonara secondo l’autentica ricetta tradizionale.

Ferdinando Bernardi nella Eat School della CCIS

Per via delle attuali restrizioni sanitarie per frenare la propagazione del Covid-19, le due masterclass, a cui prenderanno parte un selezionato gruppo di blogger e giornalisti gastronomici, si trasmetteranno in diretta online dalla cucina dello chef. Si tratta di un format nuovo, che permetterà di continuare a promuovere l’autentica cucina italiana, i suoi prodotti e gli inconfondibili sapori.

Il progetto True Italian Taste – 100% Auténtico è promosso e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e realizzato da Assocamerestero, l’Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero, di cui fa parte la CCIS.

Per maggiori informazioni sul progetto e le iniziativa in Spagna: True Italian Taste – 100% Auténtico

 #trueitaliantaste

#iffoodcouldtalk

#extraordinaryitaliantaste

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

True Italian Taste – ¡100% auténtico!

True Italian Taste – ¡100% auténtico!

Il progetto ha come obiettivo valorizzare e promuovere i prodotti agroalimentari italiani autentici nel mercato spagnolo e sensibilizzare i consumatori sulle caratteristiche qualitative e di produzione che li differenziano da quelli italian sounding, ovvero quei prodotti non italiani che attraverso l’uso di  immagini, marche e denominazioni evocano l’Italia a scopi promozionali e commerciali.

Read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Prima cena regionale sensoriale

Prima cena regionale sensoriale

Immagini della prima cena regionale sensoriale – Madrid 12 novembre 2019

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’Area Italia al Salone dei Gourmets di Madrid chiude con un nuovo record di espositori e prodotti

L’Area Italia al Salone dei Gourmets di Madrid chiude con un nuovo record di espositori e prodotti

La XXXIII edizione del Salón de Gourmet di Madrid si è conclusa con numeri altamente positivi, superando le più rosee aspettative della vigilia. Dall’8 all’11 aprile, infatti, si sono dati appuntamento nel quartiere fieristico di IFEMA 2.023 espositori, 57.000 prodotti e oltre 107.000 operatori del settore agroalimentare, il 18,7% in più rispetto all’edizione precedente e la maggior affluenza di pubblico nella storia della manifestazione.

Ancora una volta, l’Italia e le sue eccellenze enogastronomiche sono state protagoniste in questa importante fiera internazionale. La Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna (CCIS) ha gestito anche quest’anno uno spazio espositivo di 320 m2 dedicato alla gastronomia italiana, che ha visto la presenza di 21 imprese espositrici e oltre 200 rappresentate da distributori locali. Cifre record per l’Area Italia, che, dal 2009, è parte rilevante della più grande manifestazione fieristica dedicata alla gastronomia tipica e di qualità.

Il presidente del Grupo Gourmets, Francisco López Canis, l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino e il Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, insieme agli espositori dell’Area Italia

I professionisti presenti in fiera hanno potuto conoscere da vicino una grande varietà di prodotti tipici della tradizione gastronomica del Belpaese, tra cui insaccati, formaggi, farine, caviale, pane artigianale, conserve, pasta fresca e secca, dolci artigianali, latticini, caffé, cereali, vini, liquori e macchinari per la produzione di gelati.

L’Area Italia è stata inaugurata ufficialmente l’8 aprile, alla presenza di una delegazione istituzionale composta dal Ministro spagnolo dell’Agricoltura, Pesca e Alimentazione, Luis Planas Puchades, il Presidente del Grupo Gourmets, Francisco López Canis, ed il Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò.

Inaugurazione ufficiale dell’Area Italia

Come da tradizione, lo staff del dipartimento Servizi Commerciali e Fiere della CCIS, guidato da Donatella Monteverde (responsabile) e Nertila Gjeci (collaboratrice), ha organizzato diverse attività collaterali durante i 4 giorni di fiera, con l’obiettivo di far conoscere ai professionisti del settore le caratteristiche dei prodotti più emblematici della gastronomia italiana. In particolare, sono stati realizzati numerosi showcooking in collaborazione con la delegazione in Spagna della Federazione Italiana Cuochi, rappresentata dal suo presidente, Manfredi Bosco, oltre a presentazioni e degustazioni di alcuni dei prodotti esposti nell’Area Italia, realizzate dalle imprese espositrici.

Showcooking dello chef Manfredi Bosco

Da sottolineare inoltre lo showcooking organizzato dalla CCIS, “LA DOLCE VITA”, realizzato dagli chef Alessandro Cresta  e Marco Bozzolini nello spazio uffficiale del Salone il secondo giorno di fiera, durante il quale sono state preparate ricette tipiche italiane al ritmo della musica dal vivo di Jonathan Colombo.

Gli chef Alessandro Cresta e Marco Bozzolini durante lo showcooking “La dolce vita”

Alla conclusione della manifestazione, gli espositori italiani si sono mostrati in generale molto soddisfatti dei contatti realizzati nei quattro giorni di fiera e sperano di poter concludere, nel corso delle prossime settimane, accordi per la distribuzione e commercializzazione dei propri prodotti nel mercato spagnolo.

Dal canto suo, lo staff della CCIS è già al lavoro per la prossima edizione del Salone dei Gourmets, prevista dal 30 marzo al 2 aprile 2020, con l’obiettivo di continuare a garantire alle imprese italiane ed i loro prodotti un ruolo da protagonisti in questa importante manifestazione.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Grande successo del Fórum Gastronómico di La Coruña

Grande successo del Fórum Gastronómico di La Coruña

La IVª edizione del Fórum Gastronómico di La Coruña si è tenuta dal 10 al 12 marzo nel quartiere fieristico Expocoruña.

L’evento è ormai diventato un appuntamento imprescindibile per gli operatori del settore enogastronomico ed il pubblico gourmet. In particolare, hanno partecipato le principali imprese del settore foodservice, dalle aziende di produzione di macchinari per l’industria alimentaria ai piccoli produttori del settore primario e dell’artigianato alimentare. Durante i tre giorni, più di 24.000 persone hanno vistato il Fórum. Si tratta di una cifra che supera quella del 2017 e conferma il consolidamento dell’evento.

Il segretario generale della CCIS, Giovanni Aricò, la responsabile dei Servizi Commerciali e Fiere, Donatella Monteverde  ed il responsabile dell’antenna territoriale CCIS a La Coruña, Francesco Milani, hanno presenziato alla fiera per realizzare incontri con imprese e professionisti del settore interessati a valutare possibili collaborazioni e per accompagnare l’azienda Perle de Italia, socio della CCIS. Lo stand di Perle de Italia è stato visitato da diversi operatori del settore, interessati ai prodotti esposti, tra i quali pasta secca e prodotti aromatizzati al tartufo.

Alcune immagini riguardanti la partecipazione italiana al Forum

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Grande successo della masterclass “Gastrofusion: encuentro de sabores”

Grande successo della masterclass “Gastrofusion: encuentro de sabores”

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), in collaborazione con Mo’ Better Food e la delegazione in Spagna della Federazione Italiana Cuochi (FIC) ha organizzato lo scorso 26 febbraio la masterclass “Gastrofusion: encuentro de sabores“.

Si è trattato di un’innovativa proposta di cucina creativa basata sulla fusione tra prodotti enogastronomici tipici delle tradizioni culinarie italiana e spagnola, con l’obiettivo di promuovere nel paese iberico nuove modalità di utilizzo e di consumo dei prodotti agroalimentari italiani autentici.

L’iniziativa si è svolta nei locali di A Punto – Centro Cultural del Gusto, nella centrica calle Hortaleza di Madrid ed ha visto la presenza di 25 invitati tra rappresentanti di imprese di distribuzione di prodotti gastronomici, GDO, esperti gastronomi, execcutive chef, imprese di catering, giornalisti, blogger e rappresentanti di associazioni del settore.

Gli chef Alessandro Cresta, Marco Bozzolini (entrembi membri della FIC) e la canaria Catalina Brennan Maza, hanno preparato un menú a base di originali ricette di cucina fusion italo-spagnola utilizzando prodotti tipici della tradizione culinaria regionale del Belpaese, tra cui il basilico di Pra’, la ricotta di bufala campana, le olive taggiasche, la scamorza, il tartufo bianco di Alba ed il riso carnaroli.

Gli invitati hanno potuto assistere alla preparazione dei piatti e conoscere così in prima persona le caratteristiche e le proprietà di ogni prodotto utilizzato, accompagnati dalla musica di Jonathan Colombo. In particolare, hanno avuto la possibilità di assistere alla preparazione integrale di uno dei piatti forti del menú proposto, il risotto con scamorza affumicata, ossubuco con salsa di midollo e polvere di patanegra, durante la quale lo chef Cresta ha parlato anche delle specificità del riso carnaroli che, grazie al suo diametro e all’ato contenuto di amido, si rende particolarmente adatto per questo tipo di piatti.

Da parte sua, prima della degustazione del menù elaborato per l’occasione, Giovanni Aricò, segretario generale della CCIS, ha voluto sottolineare l’importanza dell’iniziativa, che si inserisce nell’ambito del progetto ¡100% Auténtico! – True Italian Taste per la valorizzazione dei prodotti agrioalimentari italiani autentici in Spagna, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero (l’associazione delle Camere di Commercio Italiane all’estero).

Inoltre, Aricò ha anticipato ai presenti le altre attività che la Camera organizzerà nel corso dell’anno nell’ambito del progetto, tra cui il ciclo di cene sensoriali “20 Buone Regioni per chiamarla Italia“, per scoprire i segreti dell’autentica cucina regionale italiana e dei prodotti ad essa associati, che si lancerà nel mese di Aprile.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’Italia ancora protagonista alla fiera Gastrónoma di Valencia

L’Italia ancora protagonista alla fiera Gastrónoma di Valencia

La Fiera Gastrónoma di Valencia ha chiuso l’edizione 2018 lo scorso 13 novembre registrando un grande successo di pubblico. Oltre 17.000 visitatori hanno preso parte alla manifestazione per conoscere la maggior offerta commerciale del settore agroalimentario nella regione del Levante. Inoltre, la percentuale dei professionisti rispetto  al pubblico totale è cresciuta del 30% rispetto all’edizione precedente.

 

Come negli anni scorsi, la CCIS ha gestito la partecipazione di imprese italiane in un area espositiva dedicata esclusivamente ai prodotti gastronomici del Belpaese. In particolare, hanno partecipanto in qualità di espositori nell’Area Italia due imprese di produzione e due distributori di prodotti italiani, interessati a rafforzare la propria presenza commerciale nel mercato locale, particolarmente rilevante per il settore agroalimentare italiano.

gastronoma

 

Gastronoma 2018 si è caratterizzata anche per un ricco programma di attività collaterali: oltre 40 stelle Michelin sono passate per la “Cocina Central” dell’evento, con seminari e showcooking. Gastronoma ha esercitato una forte attrazione anche nei confronti di altre regioni spagnole e ha dato un ulteriore salto a livello internazionale, grazie alla collaborazione con Turisme Valencia e all’iniziativa “Ruta de la Seda”, uno spazio che ha accolto chef provenienti da numerosi paesi tra cui la Cina, la Svezia, il Giappone e la Turchia.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

TAPITALIA.eat: un’iniziativa per scoprire le migliori tapas italiane a Madrid

TAPITALIA.eat: un’iniziativa per scoprire le migliori tapas italiane a Madrid

È stato lanciato lo scorso 16 novembre TAPITALIA.eat, il percorso per scoprire a Madrid le migliori tapas a base di prodotti italiani.

L’iniziativa, organizzata dall’Ambasciata d’Italia in Spagna, la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) e ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, in collaborazione con  Mercados de Madrid, Accademia Italiana della Cucina, Scuola Materna Italiana, Federazione Italiana Cuochi (delegazione in Spagna ) e Mo’ Better Food, si svolgerà fino al 25 novembre e rientra nelle attività organizzate nell’ambito della III Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.

 

I 22 stabilimenti coinvolti nell’evento fanno parte di due circuiti: l’itinerario MERCADOS, formato da 5 locali situati nei mercati di Chamberí, La Paz, Vallehermoso e l’itinerario CITY, composto da 17 ristoranti e bar in diversi quartieri della città.

 

Proposte originali e uniche

Gli stabilimenti aderenti propongono una tapa speciale, accompagnata da una bevanda a scelta tra birra Nastro Azzurro, Martini Rosso Reserva e vino Astoria (Prosecco D.O.C Treviso, Puro Merlot 100% o Suade – Sauvignon Blanc). Tutte le proposte si caratterizzano per l’originalità e l’uso di alcuni prodotti tipici della gastronomia italiana. Tra queste si possono menzionare la focaccia con rucola e vitello tonnato, la lasagna al tartufo e porcini, la parmigiana di zucca e burrata affumicata, oltre ad originali proposte fusion come l’insalata caprese con perle di mozzarella e salmorejo cordobese (link all’elenco delle proposte).

 

Concorsi per vincere fantastici premi

Tutti coloro che visiteranno almeno 8 tra i locali selezionati nell’ambito dell’iniziativa potranno partecipare all’estrazione di 40 ceste di prodotti gastronomici italiani, offerti dalle aziende CBG e Negrini. Inoltre verrà lanciato un concorso sui social network per vincere una cassa di birra Nastro Azzurro, una bottiglia Astoria Fashion Victim Cuvée realizzata da artigiani del vetro di Murano o un set da cocktail Martini: basterà caricare su Instagram o Twitter una foto della combinazione tapa + bevanda degustata in una delle tappe degli itinerari di TAPITALIA.eat, utilizzando l’hashtag #Tapitalia (tutte le informazioni sui concorsi su questo link).

 

Showcookin nei mercati

L’iniziativa è anche un’occasione unica per conoscere i segreti delll’autentica cucina italiana.Dal 21 al 24 novembre, nei mercati di Chamberí, La Paz e Vallehermoso verranno organizzati diversi showcooking in collaborazione con la delegazione spagnola della Federazione Italiana Chef – FIC, i cui membri prepareranno piatti tipici della gastronomia del Belpaese utilizzando come base i prodotti delle marche Garofalo y Riso Scotti (calendario degli showcooking).

 

Per maggiori informazioni su TAPITALIA.eat: www.tapitalia.es

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X