Workshop in Ungheria con i partner del progetto IPER

Workshop in Ungheria con i partner del progetto IPER

Lo scorso 16-17 settembre, la responsabile dell’EU Desk della CCIS, Fadia Khraisat, ed i rappresentanti delle altre organizzazioni coinvolte nella gestione del progetto europeo IPER, si sono riuniti ad Holloko (Ungheria), paese situato a circa 10 kilometri al nordest di Budapest e dichiarato Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO, per analizzare i risultati ottenuti dalle azioni realizzate negli scorsi mesi e definire in dettaglio i prossimi step previsti dal progetto.

Holloko (Ungheria)

IPER è un progetto transnazionale sviluppato nell’ambito del programma Erasmus+ che mira a sfruttare la metodologia del “nano-learning” al fine di aggiornare le competenze dei professionisti che lavorano nel settore turistico-culturale e consentire loro di promuovere il patrimonio culturale dell’UE attraverso l’uso delle TIC e sfruttando i principi del turismo accessibile.

Nell’ambito del workshop di Holloko, i partner hanno avuto anche modo di ospitare Klaudia Klara Tvergyák, del Museo Nazionale Ungherese e Júlia Nagy, capo del dipartimento “comunicazione ed ecoturismo” del Parco Nazionale di Bükk, che hanno condiviso best practices nella promozione del patrimonio culturale locale.

Per maggiori informazioni: eudesk@italcamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Seminario “Negociaciones comerciales de la Unión Europea: ¿Tiene futuro el TTIP?”

Seminario “Negociaciones comerciales de la Unión Europea: ¿Tiene futuro el TTIP?”

Mercoledì 10 di maggio 2017, alle ore 9, presso la Sede della Rappresentanza della Commissione Europea in Spagna (Paseo de la Castellana, 46 – Madrid), si terrà il seminario “Negociaciones comerciales de la Unión Europea: ¿Tiene futuro el TTIP?”. L’evento sarà l’occasione per approfondire tematiche relazionete con il TTIP, il Trattato Transatlantico sul Commercio e sugli Investimenti, che la Commissione Europea sta negoziando con gli Stati Uniti. In particolare, si analizzeranno i contenuti del Trattato, gli effetti che potrebbe avere sulle politiche europee e nazionali e lo stato attuale delle negoziazioni.

 

Durante la giornata, si terranno tavole rotonde che tratteranno tematiche politiche, economiche e giuridiche riguardanti l’UE, oltre che interventi di famosi esperti di affari europei. Tra quest’ultimi si annoverano Miguel Angel Moratinos (ex ministro degli Esteri della Spagna) e Joachen Müller (Analista politico della Rappresentanza in Spagna della Commissione Europea). Apriranno il seminario la presidente delle Camere di Commercio Europee in Spagna, Marianna Koefoed, e la Direttrice della Rappresentanza della Commissione Europea in Spagna, Aránzazu Beristaín.

 

Per maggiori informazioni ed iscrizioni, inviare un’email a begona.pardo@italcamara-es.com.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS ente coordinatore del progetto europeo “Utilizzazione dei prodotti tipici locali come strumento per la valorizzazione del territorio”

La CCIS ente coordinatore del progetto europeo “Utilizzazione dei prodotti tipici locali come strumento per la valorizzazione del territorio”

Il progetto è stato selezionato lo scorso novembre nel bando straordinario di mobilità KA1VET dell’Agenzia Spagnola SEPIE.

 

La CCIS gestirà come ente coordinatore il progetto europeo “Utilizzazione dei prodotti tipici locali come strumento per la valorizzazione del territorio”, selezionato lo scorso mese di novembre nel bando straordinario di mobilità KA1VET dell’Agenzia Spagnola SEPIE.

Lo scopo di questo progetto è quello di fornire ai partecipanti (29 docenti di scuole professionali del settore alberghiero e turistico in Spagna) le conoscenze necessarie per trasmettere ai propri alunni nozioni relative all’utlizzazione dei prodotti tipici locali come strumenti per la valorizzazione del territorio.

Nel mese di giugno del 2017, i docenti permarranno una settimana in Umbria per partecipare a presentazioni di prodotti docg, doc, igt, igp e di modelli di filiera corta e laboratori di elaborazione di piatti tipici italiani, con particolare attenzione su quelli originari della Regione Umbria.

Le conoscenze acquisite dai docenti verranno trasmesse piú facilmente ai propri studenti, anche attraverso nuovi metodi e metodologie di insegnamento. Tali conoscenze potranno essere sfruttate dagli studenti quando entreranno nel mercato del lavoro come imprenditori o come impiegati nel settore albierghiero e turistico.

Per la gestione del progetto, la CCIS conterà sulla collaborazione dei seguenti partner: Centro público Integrado de Formación Profesional de Hostelería de Cartagena (Spagna); Centro Integrado de Formación Profesional Hostelería y Turismo de Gijón (Spagna); Fundación Cruzcampo (Spagna); Instituto de Enseñanza Secundaria Almeraya (Spagna); IES Diegos de Praves (Spagna); Università dei Sapori Soc. Cons. ARL (Italia).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Desayuno Europeo de la Innovación, 2 de diciembre de 2016

Desayuno Europeo de la Innovación, 2 de diciembre de 2016

Il tema che verrà trattato in questo nuovo appuntamento sarà: “La Trasformazione Digitale: elementi chiave per l’imprenditorialità”. Si terrà nella sede della Rappresentazione della Commissione Europea a Madrid il prossimo 2 dicembre.

 

Il prossimo 2 dicembre, dalle 9:00 alle 11:30, si terrà il nuovo appuntamento con i Desayunos Europeos de la Innovación, organizzato dalle Camere Europee in Spagna, di cui la CCIS è membro fondatore.

 

Dal titolo “Trasformazione Digitale: elementi chiave per l’imprenditoria” la gironata sarà l’occasione per trattare tematiche relative all’uso delle nuove tecnologie digitali per le imprese, la necessità di implementarle nell’ambito dellaloro attività, i nuovi modelli di relazione con il cliente, il talento umano e la nuova cultura imprenditoriale.

 

 

PROGRAMMA 

Venerdì, 02 Dicembre  2016, 9:00 – 11:30.

Location: Sede della Commissione Europea (P. de la Castellana, 46. Madrid)

 

9:00.  Ricezione dei partecipanti.

9:30.  Apertura Istituzionale.

– Rappresentazione in Spagna della Commissione Europea.

– Camere di Commercio Europee in Spagna. Marianne Koefoed. Presidente. Cámara de Comercio Hispano Danesa.

9:30 – 11:00.  Interventi.

– Kreab Consulting.  (Suecia). Nicolas Infer. Direttore di Comunicazione Digitale.

– IDC. (EEUU). Juan García Morgado. Senior Research Analyst.

– Digital Enterprise Show. (España). Alberto Planas. Direttore Generale.

– Ericsson. (Suecia). David Espadas. Business Development Director.

– Moderazioen e conclusioni. Marianne Koefoed. Presidente. Cámara de Comercio Hispano Danesa.

11:00 – 11:30.  Caffé e Networking.

 

La partecipazione è escluiva per i soci delle Camere Europee in Spagna.
Per iscriversi è necessario inviare un’e-mail a: begona.pardo@italcamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

GENERALI e Progressive, accordo di ricerca e sviluppo sulla telematica

GENERALI e Progressive, accordo di ricerca e sviluppo sulla telematica

La collaborazione consentiraL8; a Generali e Progressive di rafforzare le rispettive posizioni di leadership in Europa e negli USA sviluppando nuove soluzioni personalizzate nella car telematics

Il Gruppo GENERALI e The Progressive Group of Insurance Companies, tra i leader mondiali nel campo della telematica applicata all’assicurazione auto, hanno siglato un accordo di Ricerca e Sviluppo per rafforzare le rispettive competenze nell’ambito dei data analytics e potenziare l’offerta di prodotti.

Grazie a questa partnership, i due gruppi condivideranno le proprie conoscenze nel settore della telematica traendo beneficio dalle sinergie e dalla condivisione di competenze e obiettivi comuni. Forti delle esperienze di leadership maturate nei rispettivi mercati di riferimento, Generali e Progressive svilupperanno ulteriormente i loro sistemi dibehavioral profiling al fine di disegnare prodotti telematici innovativi che premino gli automobilisti piuL8; attenti alla sicurezza, aiutandoli a migliorare il proprio stile di guida attraverso un sistema di feedback individuale.

Valter Trevisani, Chief Insurance Officer di Generali ha commentato: “La partnership con Progressive consente a Generali di accelerare l’esecuzione della strategia legata alla Connected Insurance e all’advanced analytics. Unire le forze con Progressive, uno dei principali operatori del settore, ci permetteraL8; di compiere un ulteriore passo avanti nell’offerta di soluzioni sempre piuL8; sofisticate e nello sviluppo di competenze di data analytics, utili a migliorare ancora la nostra performance tecnica”.

Pat Callahan, Personal Lines President di Progressive Insurance, ha commentato: “Progressive eL8; stato un pioniere nell’utilizzo della telematica nel mercato assicurativo Auto negli Stati Uniti ed eL8; costantemente impegnata ad apportare miglioramenti a questa tecnologia a beneficio dei clienti. I consumatori scelgono di aderire al nostro programma volontario Snapshot con sempre maggiore frequenza e sappiamo che i loro “comportamenti chiave” alla guida – come le miglia effettivamente percorse, le frenate e gli orari di guida durante la giornata – offrono una capacitaL8; di previsione due volte superiore rispetto alle variabili tariffarie tradizionali, quali il profilo demografico del conducente e l’anno, la marca e il modello del veicolo assicurato. Collaborare a livello internazionale con Generali ci daL8; l’opportunitaL8; di allargare ulteriormente e approfondire la conoscenza dei nostri clienti per aiutare i guidatori piuL8; virtuosi a risparmiare ancora di piuL8; attraverso il nostro programma Snapshot”.

In Europa, Generali ha una posizione di leadership nella car telematics e nel 2011, in Italia, eL8; stato il pioniere nell’introdurre la soluzione pay-how-you-drive con Genertel, la compagnia del Gruppo specializzata nei canali diretti. Recentemente Generali Italia ha arricchito la propria offerta prodotto con il lancio di Generali Sei in Auto con Stile, soluzione pay-how-you-drive che interagisce col guidatore grazie al Real Time Coaching, un sistema interattivo di educazione alla guida responsabile.

Generali ha piuL8; di un milione di polizze telematiche concentrate in Italia con un’ampia offerta di soluzioni su misura per servire diversi segmenti di clientela, passando da quelle basate sul chilometraggio a quelle basate sullo stile di guida, distribuite sia attraverso la rete agenziale che attraverso i canali diretti.

A metaL8; del 2015 Generali ha acquisito il pieno controllo di MyDrive Solutions, start-up inglese fondata nel 2010, tra gli operatori leader nell’utilizzo degli strumenti di data analytics per la profilazione degli stili di guida, con l’obiettivo di definire prodotti innovativi, tailor-made per i clienti, e tariffe vantaggiose per gli assicurati piuL8; virtuosi.

Progressive eL8; il leader statunitense nella Usage Based Insurance. Da quando ha introdotto il primo dispositivo telematico wireless nel 2008, piuL8; di 4 milioni di automobilisti hanno provato Snapshot e in questi anni Progressive ha raccolto dati relativi allo stile di guida per oltre 15 miliardi di miglia. Snapshot eL8; un programma volontario di scontistica attraverso il quale gli automobilisti possono risparmiare sull’assicurazione auto condividendo con Progressive una fotografia del loro stile di guida. Le persone che guidano meno, in modo piuL8; sicuro e durante le fasce meno a rischio della giornata, hanno maggiori opportunitaL8; di ottenere uno sconto.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Lo studio legale LETSLAW, socio della CCIS, presenta il nuovo accordo fra le due sponde dell’atlantico sul trattamento dati personali, che sostitisce il Safe Harbour

Dopo che la Corte di Giustizia Europea ha dichiarato invalidi, lo scorso 6 aootobre, gli accordi del Safe Harbor ritenendo che gli Stati Uniti non garantivano una corretta protezione dei dati personali degli utenti europei, la Commissione Europea e lo stato nordamericano hanno stipulato un nuovo accordo denominato Privacy Shield.

In base a questo accordo, le due parti stabiliscono un nuovo ámbito di protezione legale per il trasferimento internazionale dei dati personali dei cittadini dell’Unione Europea.

Contrariamente a quanto stabilito nel Safe Harbor, il Privacy Shield comprende una serie di obblighi più severi che dovranno rispettare le imprese statunitensi, nonché una maggiore vigilanza da parte del Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti (Federal Trade Commission – FTC), che comporterà una maggiore cooperazione con le Aautorità Europee di Protezione dei Dati.

In concreto, nel Privacy Shield sono state inserite le seguenti clausule:

(i) Le compagnie con sede nel USA dovranno sottostare a severi obblighi nell’ambito del trattamento dei dati personali di cittadini europei

In questo senso, si prevede che il Dipartimento di Commercio degli Stati Uniti eserciti un controllo affinché le compagnie statunitenti informino sul trattamento che stanno realizzando sui dtati personali dei cittadini europei e sulle garanzie per la corretta protezione dei loro diritti. La violazione di questo obbligo sarà sanzionata dalla Commissione Federale di Commercio.

Allo stesso modo, si stabilisce che le compagnie che realizzino trasferimenti internazionali di dati dall’Unione Europea dovranno compromettersi ad agire in conformità delle decisioni delle Autorità garanti europee.

(ii) l’accesso da parte delle autorità statunitensi ai dati personali trasferiti dall’Unione Europea sarà sottoposto a limiti, garazie e meccanismi di controllo 

Gli Stati Uniti hanno fornito agarnzie vincolanti all’UE sul fatto che le autorità americane avranno accesso ai dati personali di cittadini europei sono quando giustificato da motivi di sicurezza nazionale.  non ci saranno inoltre  attività di monitoraggio indiscriminato e non proporzionale.

Per garantire il compimento di questi obblighi, si prevede la convocazione di una riunione annuale tra gli esperti in sicurezza nazionale degli USA e le autorità europee di protezione dei dati.

(iii) I cittadini europei che ritengano i propri diritti violati negli Stati Uniti avranno diversi strumenti gratuiti di tutela

Nel caso in cui un cittadino europeo reclami l’uso improprio dei suoi dati personali, la compagnia oggetto dela reclamazione sarà obbligata a rispondere entro i termini stabiliti.

Allo stesso modo, sarà possibile per i cittadini europei richiedere consulenze o effettuare reclami attraverso la figura di un nuovo Difensore del cittadino specializzato in materia di protezione dei dati.

Al momento, l’accordo di Privacy Shield non è vincolante, dal momento che la Commissione Europea deve infromare il Gruppo Articolo 29 su tutte le questioni contemplate nell’accordo. In concreto, la commissione ha tempo fino al fine febbraio per consegnare al Gruppo  Articolo 29 tutta la documentazione inerente all’accordo di Privacy Shield.

Fonte: LETSLAW – www.letslaw.es

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La Riunione delle CCIE dell’Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

La Riunione delle CCIE dell’Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

Le Camere di Commercio Italiane dell’Area Europa si sono date appuntamento a Madrid, dall’8 al 10 maggio 2014, per la riunione annuale che ha costituito il primo degli eventi organizzati dalla CCIS per celebrare i cent’anni di attività

Si è conclusa lo scorso 10 maggio la Riunione delle Camere di Commercio Italiane (CCIE) con sede nei principali mercati europei, che quest’anno si è celebrata in via straordinaria a Madrid (8-10 maggio 2014), organizzata dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) in occasione delle celebrazioni del proprio centenario.
I Presidenti ed i Segretari Generali di più di 20 CCIE si sono dati appuntamento nella capitale spagnola per trattare il tema dell’importanza del mercato europeo per le imprese italiane. “Europa, un mercato con futuro” è stato infatti lo slogan individuato per la Riunione, per porre l’accento sulla rilevanza di un mercato che assorbe 2/3 dei prodotti esportati dall’Italia ed oltre il 75% dei prodotti agroalimentari italiani.

La prima giornata di lavori si è svolta all’interno della sede di Iveco España, dove il Presidente della CCIS, Marco Pizzi, insieme al Presidente ed il Segretario Generale di Assocamerestero (Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero), Leonardo Simonelli e Gaetano Esposito, hanno accolto i rapppresentanti delle CCIE partecipanti.

Due tra i momenti più rilevanti della Riunione d’Area 2014 si sono svolti il giorno 9 maggio. Nella mattinata, infatti, è stato organizzato l’evento di presentazione di Expo Milano 2015 e della partecipazione spagnola  nell’elegante Padiglione dei Giardini di Cecilio Rodríguez, all’interno del Parco del Buen Retiro di Madrid. L’evento ha visto la presenza di autorità locali e rappresentanti delle istituzioni locali e della business community italo-spagnola. In particolare, il giornalista e scrittore spagnolo Alberto Granados, moderatore dell’atto, ha introdotto nell’ordine il Presidente della CCIS, Marco Pizzi, il presidente di Assocamerestero, Leonardo Simonelli, l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani, l’Assessore al Commercio, Attività Produttive, Turismo, Marketing Territoriale, Servizi Civici del Comune di Milano, Franco D’Alfonso, la direttrice generale di Acción Cultural Española (l’ente pubblico che gestisce la partecipazione spagnola alla Expo 2015), Elvira Marco, l’architetto fondatore dello studio che ha vinto il concorso per il disegno integrale del Padiglione Spagna in Expo Milano 2015, Fermín Vázquez, ed il Sindaco di Madrid, Ana Botella.

 

La Riunione delle CCIE dell'Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

 

Nel suo intervento, il Presidente Pizzi ha sottolineato l’importanza di celebrare un evento che ha riunito le principali istituzioni locali ed italiane in Spagna, insieme ai rappresentanti della business community italo-spagnola, proprio in occasione del Centenario della CCIS. Pizzi ha voluto rendere omaggio a quei “pionieri” che cento anni prima diedero inizio a un percorso di cooperazione e collaborazione tra imprese e istituzioni italiane e spagnole che si è consolidato nel corso degli anni nonostante le vicende, spesso tragiche, che hanno caratterizzato il secolo passato, superando indenne tre guerre (due mondiali e una “civile”), le divergenze ideologiche del XX secolo ed i drastici cambiamenti isttuzionali che hanno caratterizzato i due principali paesi del Mediterraneo. Sempre durante il suo intervento, il Presidente della CCIS ha presentato in anteprima il romanzo “CENTO”, pubblicato dalla CCIS in occasione del Centenario, invitando l’autore, Giorgio Silvestri, a presentarne brevemente la genesi ed i contenuti.

 

La Riunione delle CCIE dell'Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

 

Durante l’atto è stato anche presentato il video promozionale delle CCIE dell’Area Europa. Il video, visualizzabile attraverso il segunete link: Video CCIE Area Europa, punta a far conoscere le Camere Italiane in Europa attraverso le stesse persone che vi lavorano, oltre a sottolineare l’importanza che rivestono per le imprese italiane i mercati in cui le CCIE operano.
La chiusura dell’atto è stata affidata al Sindaco di Madrid, Ana Botella, che, nel suo intervento, ha sottolineato l’importante ruolo svolto dalla CCIS nello sviluppo e nel consolidamento delle relazioni economico-commerciali tra la Spagna e l’Italia, complimentandosi con il Presidente e lo staff per l’importante traguardo raggiunto, in riferimento ai cent’anni compiuti dalla Camera.

 

La Riunione delle CCIE dell'Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

 

In serata, a chiusura della Riunione d’Area, la CCIS ha organizzato nell’elegante “Cine Callao” di Madrid un concerto del cantautore e pianista italiano Raphael Gualazzi, che ha presentato agli 800 entusiasti invitati il proprio repertorio musicale frutto della fusione della tecnica ragtime dei primi anni del Novecento con la liricità del blues, del soul e del jazz nella sua forma più tradizionale. Il concerto ha visto anche la partecipazione delle Camere Europee in Spagna, riunite in occasione della festa dell’Europa del 9 maggio.

 

La Riunione delle CCIE dell'Area Europa ha aperto le celebrazioni del Centenario della CCIS

 

Il Centenario della CCIS farà da contorno anche alla tradizionale kermesse Passione Italia (31maggio – 8 giugno 2014), che quest’anno prevede un ricco programma di azioni da svolgere in alcune tra le location più emblematiche della capitale spagnola, e che verrà pubblicato sul sito camerale nei prossimi giorni.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X