Business Beyond Borders: incontri di affari alla fiera Genera 2017

Business Beyond Borders: incontri di affari alla fiera Genera 2017

Business Beyond Borders è un’iniziativa della Commissione Europea la cui funzione è quella di appoggiare le PMI europee nel loro processo di internazionalizzazione, attraverso dell’organizzazione di incontri B2B (Business to Business) e C2C (Cluster to Cluster) nelle principali fiere settoriali internazionali.

 

Nell’ambito del progetto Business Beyond Borders, in occasione della fiera GENERA, che avrà luogo il 28 febbraio nel complesso fieristico di Madrid – IFEMA –, Eurochambres organizza una serie di incontri B2B tra le imprese del settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica.

 

Genera è uno dei principali punti di incontro del settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energética. La fiera, come ogni anno, sarà il punto di incontro di PMI e Clusters di tutto il mondo, operanti nel settore dell’energia e del medio ambiente, che potranno trovare potenziali soci ed operare a livello internazionale.

 

I dati dell’ultima edizione (2016) sono i seguenti:
• 140 incontri organizzati
• 240 imprese tecnologiche presentate
• Più di 100 enti pubblici e privati partecipanti

 

Solo 200 imprese (selezionate per ordine di iscrizione) avranno l’opportunità di partecipare all’evento Business Matchmaking di Genera 2017.

 

Per maggiori informazioni ed iscrizioni clicca il seguente link: http://genera2017.businessbeyondborders.info/

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il progetto SPAINERGY per favorire l’occupazione giovanile nell’ambito della green economy

Il progetto SPAINERGY per favorire l’occupazione giovanile nell’ambito della green economy

La Commissione Europea ha approvato di recente la proposta progettuale coordinata dalla CCIS, nell’ambito del programma Erasmus+

 

È stato approvato dalla Commisione Europea il cofinanziamento per il progetto SPAINERGY, presentato nei mesi scorsi dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna in qualità di ente capofila.

 

Il progetto, che si inserisce nel programma europeo Erasums +, mira a favorire l’acquisizione di competenze professionali nell’ambito della green economy da parte di studenti Spagnoli.

 

In particolare, SPAINENERGY darà l’opportunità a 63 studenti di tutta Spagna di realizzare un periodo di stage, della durata di tre mesi,  all’interno di un’impresa attiva in uno dei settori relazionati con l’economia verde (energie rinnovabili, riciclaggio, ecc.), con sede in uno dei paesi europei coinvolti: Portogallo, Italia, Danimarca, Germania, Bulgaria

 

Il progetto avrà una durata totale di 24 mesi ed i primi flussi di mobilità saranno gestiti a gennaio 2017.

 

Dopo la positiva esperienza di TURISM FOR VET, tuttora in corso, con SPAINERGY la CCIS riafferma pertanto il suo compromesso con l’occupazione giovanile, attraverso la gestione di  progetti che favoriscono l’acquisizione di competenze professionali da parte degli studenti e la loro capacità di adattamento in un contesto differente da quello del proprio paese di origine.

 

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il progetto TOURISM FOR VET per promuovere l’occupazione giovanile nel settore turistico

Il progetto TOURISM FOR VET per promuovere l’occupazione giovanile nel settore turistico

Sono 22 gli studenti spagnoli che hanno appena concluso il loro periodo di formazione in uno dei 4 paesi europei convolti nel progettto. Alri 18 partiranno nelle prossime settimane per realizzare stage in imprese perun periodo di tre mesi.

Madrid, 22 giugno 2016. Si è da poco conclusa la prima fase del progetto europeo TOURISM FOR VET, che coinvolge un totale di 80 studenti di 7 centri di formazione in Spagna specializzati in turismo e ristorazione. TOURIM FOR VET è nato con l’obiettivo di incrementare le competenze professionali dei giovani spagnoli che si affacciano per la prima volta al mercato del lavoro in un settore, quello turístico, di importanza strategica per l’economia del paese, che rappresenta circa il 10 % del PIL e genera introiti diretti per più di 50 miliardi di euro (dati relativi al 2015).

Piatto-Web-TFV

Nella prima fase del progetto, attivato nel giugno dello scorso anno, per una durata complessiva di 24 mesi, sono stati 22 gli studenti selezionati per realizzare stage formativi in aziende del settore turístico, alberghiero e ristorativo localizzate in 2 Paesi europei: Italia e Portogallo. In particolare, 15 di essi hanno realizzato la propria esperienza formativo-professionale in alberghi e ristoranti ubicati nelle provincie italiane di Pistoia e Vibo Valentia.

Ognuno di loro ha realizzato un percorso formativo di tre mesi che ha permesso non solo di ampliare le proprie competenze professionali, lavorando a stretto contatto con professionisti internazionali del settore, ma anche di acquisire capacità di confronto e di adattamento in un ambiente nuovo, caratterizzato da diversità culturali, linguistiche e sociali.

La seconda parte del progetto è stata attivata ufficialmente all’inizio di questo mese, con la selezione di atri 18 studenti che realizzeranno il loro periodo di stage tra i mesi di luglio e di ottobre a Creta (Grecia), Sofia (Bulgaria) e Lisboa (Portogallo). I restanti 40 studenti partiranno invece in due flussi:  20 a novembre 2016 e altri 20 a febbraio 2017.

TOURISM FOR VET è un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Erasmus+ e gestito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna  (CCIS) in collaborazione con i seguenti enti partner: la Camera di Commercio Italiana per il Portogallo; la Camera di Commercio Italiana per la Bulgaria; la cooperativa sociale Kara Bobowski e le associazioni InProgress e CSCS in Italia; l’associazione ELI a Creta (Grecia).

I centri formativi spagnoli coinvolti nel progetto, da cui vengono selezionati gli studenti per gli stage previsti, sono dieci: IES María de Zayas y Sotomayor (Majadahonda – Madrid), Fuenllana Centro Cultural Pedralta, Escuela de Hostelería y Turismo de Alcalá de Henares, Fundación Cruzcampo (Heinekein), CIFP Hostelería y Turismo Gijón, CIFP Escuela de Hostelería y Turismo Simone Ortega (Móstoles – Madrid), Centro Superior de Hostelería del Mediterraneo (Valencia), CIFP de Hosteleria y Turismo de Cartagena, IES Almeraya (Almería) e IES Diego de Praves (Valladolid).

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Al via il progetto European Sweets Itineraries

Al via il progetto European Sweets Itineraries

La CCIS ha preso parte al primo incontro  tra i partner che si è svolto a Bruxelles il 14 e 15 Aprile. Si tratta di un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma COSME

Si svolto a Bruxelles, il 14 e 15 Aprile scorso, il primo incontro tra i partner del progetto “European Sweets Itinearies”, di cui fa parte la CCIS.

La responsabile dell’European Desk della Camera, Fadia Khriasat, accompaganta dal collaboratore Marco Zonta, hanno avuto modo di riunirsi con i responsabili degli altri 13 enti coinvolti nella gestione di questo importante progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma COSME, con l’obiettivo di coordinare le azioni che vedranno impegnati i partner nei prossimi mesi.

European Sweets Itineraries” è un progetto che prevede lo sviluppo di tre Educational Tours nell’ambito della produzione dolciaria in altrettanti paesi: Spagna, Portogallo e Italia. 36 giovani studenti lituani, frequentanti centri di formazione nell’ambito del turismo, ospitalità e catering, testeranno gli itinerari identificati con l’obiettivo di valutare la loro idoneità per essere proposti come mete turistico-formative per gruppi di studenti di tutta Europa, in particolare dei potenziali nuovi mercati, tra cui proprio la Lituania.

ESI-Poster Web

 

Oltre alla CCIS, sono coinvolti nel progetto i seguenti partner:

• Portogallo: Camera di Commercio Italiana per il Portogallo (ente capofila), Pinto Lopes Viagens SA, Clube Volei de Evora, Camara Municipal de Obidos.

• Spagna: Comunidad de Madrid, Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, International Institute of Gastronomy, Art and Turism.

• Lettonia:VISC – National center of Edication.

• Italia: Smart Travel, Cliff SAS, Centro Studi Cittá di Foligno, La Via del Cioccolato, Comune di Silvi.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Nuova piattaforma digitale per la risoluzione stragiudiziale di conflitti in materia di consumo

Nuova piattaforma digitale per la risoluzione stragiudiziale di conflitti in materia di consumo

Gestita dalla Commissione Europea, mira a contribuire alla soluzione delle controversie sulle vendite online tra consumatori e imprese residenti nell’Unione Europea

La Commissione Europea ha creato una nuova Piattaforma con l’obiettivo di offrire la possibilità di risolvere in modo semplice, efficace, veloce e accessibile le controversia che derivano dalla relazione contrattuale online tra consumatori e imprese residenti nell’Unione Europea e favorire l’affidabilità del mercato unico digitale.

Lo sviluppo di questa Piattaforma è il risultato dell’applicazione di una normativa che regola l’attività delle imprese ubicate nella UE che sottoscrivono contratti di compravendita o di prestazione di servizi con i consumatori europei in relazione a prodotti e/o servizi che vengono offerti attraverso il proprio sito web.

La creazione di questa nuova piattaforma comporta il compimento di nuovi obblighi da parte delle imprese che prestano i propri servizi attraverso internet:

  1. fornire una e-mail di contatto affinché i consumatori possano risolvere la disputa senza pasarse per mecanismo di risoluzione stragiudiziale.
  2. Inserire nella propia piattaforma un link identificabile e di facile accesso che rimandi alla Piattaforma di risoluzione stragiudiziale di conflitti.
  3. In caso di realizzare un invio di comunicazioni commerciali relative ai prodotti e servizi che offre l’impresa, includere il link alla Piattaforma di risoluzione stragiudiziale di conflitti.
  4. Includere nei termini e condizioni di contrattazione tutta l’informazione relativa alla nuova Piattaforma di risoluzione strragiudiziale di conflitti.

La Piattaforma sarà attivata a partire dal 15 febbraio 2016. Tuttavia, l’obbligo di includere il link alla stessa (http://ec.europa.eu/consumers/odr/) è inmediato.

È possibile scaricare il comunicato esplicativo realizzato da LETSLAW, con le infromazioni dettagliate sulla Piattaforma ed il suo funzionamento, attraverso il seguente link

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X