Vacanze 2020: il 97% ha scelto di restare in Italia

Vacanze 2020: il 97% ha scelto di restare in Italia

Enit- Agenzia Nazionale del Turismo ha intervistato oltre 4mila persone nell’ultima settima di agosto (dal 24 al 30) per fare il punto sull’estate. E dal bilancio emerge che il 41% degli italiani non ha potuto fare vacanza, mentre il 59% della popolazione ha effettuato almeno 1 periodo fuori casa: il 42% ha trascorso un periodo di vacanza mentre il 17% ha passato due o più periodi fuori dalla propria residenza. In media le ferie sono durate 7 notti (il 34% soggiorni tra le 3 e le 6 notti, il 24% 1 o 2 notti, il 22% tra le 7 e le 10 notti ed il 20% oltre 10 notti).

Gli italiani sono rimasti in patria nel 97% dei casi, preferendo destinazioni quali l’Emilia Romagna, la Puglia e la Sicilia, tutte sul podio del periodo scelte dal 9% dei vacanzieri italiani. Buone performance anche quelle della montagna con il Trentino Alto Adige (8%), ma anche la Toscana (8%), il Piemonte (7%) e la Lombardia (7%).

All’estero (3%), gli italiani sono rimasti in Europa mediterranea (35%), in Nord Europa (24%) o nell’Est europeo (14%). In media una famiglia ha speso 850 euro per una vacanza e tre su dieci arrivano a spendere mille euro. La maggior parte degli italiani è andato infatti in vacanza in coppia (46%) o in famiglia con i figli (40%), mentre solo il 17% si è spostato con amici. Il 7% ha scelto la vacanza da solo.

Dai dati emerge inoltre che il desiderio di vacanza si prolunga fino all’autunno e le previsioni lasciano sperare: il 58% di italiani ha in programma almeno un soggiorno in quel periodo stando ai dati.

Saranno ancora vacanze al mare (57%) o in montagna (48%), ma si prevede anche un ritorno alle città d’arte (42%). Tra gli altri tipi di soggiorni ci sono quelli enogastronomici (29%), al lago (29%) e alle terme (28%). Il 33% poi già pensa alle vacanze di Natale, per il 92% in Italia, in particolare in Lombardia, Sicilia, Piemonte e Campania. All’estero, on the top il Nord Europa. Sempre dall’indagine emerge che il ruolo importante al contributo delle spese svolto dal Bonus Vacanze, richiesto dal 23% dei vacanzieri, che servirà a sostenere anche le vacanze autunnali e di Natale poiché il 14% l’ha richiesto ma non lo ha ancora speso, mentre in estate l’ha utilizzato il 9% dei soggiornanti. La vacanza ricercata dagli italiani post lockdown ha visto prevalere la voglia di mare (60%) che alla fine ha addirittura doppiato la vacanza in montagna (30%) e quella naturalistica (25%). Ma i vacanzieri nostrani cercano dalla vacanza l’esperienza culturale (24%) e il relax (23%).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Seconda masterclasss virtuale True Italian Taste

Seconda masterclasss virtuale True Italian Taste

Immagini della masterclass dello chef Ferdinando Bernardi realizzata l’8 luglio 2020 nell’ambito del progetto True Italian Taste



Vdeo seconda masterclass virtuale “True Italian Taste”



Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

GERI ESP

    • Dipartimento: recupero crediti
    • Posto offerto: gestione di crediti
    • Spazio geografico di attuazione: Madrid
    • Principali funzioni: effettuare chiamate telefoniche, gestione mail, negoziazione piani di pagamento/riduzioni del debito
    • Dipendenza gerarchica: responsabile delle Operazioni
    • Formazione richiesta:  Laurea
    • Informatica: buona consocenza dei programmi informatici
    • Lingue: italiano e spagnolo madrelingua
    • Attitudini: doti di comunicazione, negoziazione, proattività
    • Necessità di viaggiare: no
    • Remunerazione: a seconda dell’esperienza fisso + variabile
    • Commenti: esperienza minima di 1 anno
  • SE INTERESSATI INVIARE CV A : informacion@geri.es
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

HELPHOUSING

  • Impresa di consulenza e servizi per studenti internazionali e giovani lavoratori.
    • Dipartimento: contabilità
    • Posto offerto: stagista Contabilità e Finanza
    • Spazio geografico di attuazione: Madrid
    • Principali funzioni: introduzione ed interpretazione di dati del software ERP della compagnia. Introduzione di scritture contabili (fatture di clienti, fornitori, movimenti bancari e di cassa). Interpretazione contratti commerciali
    • Dipendenza gerarchica: Finance Supervisor
    • Formazione richiesta:  formazione professionale / laurea
    • Informatica: Office livello utente
    • Lingue: spagnolo e italiano
    • Attitudini: spirito di iniziativa, proattività, attenzione al dettaglio
    • Necessità di viaggiare: no
    • Remunerazione: 350 € al mese
    • Commenti: gli stagisti avranno la possibilità di effettuare il part-time, se lo preferiscono alla giornata lavorativa completa.
  • SE INTERESSATI CONTATTARE: Mª Jesús Rodríguez – hr@helphousing.com
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Concorso “Prepara tu Futuro – Joven catador en vinos italianos”

Concorso “Prepara tu Futuro – Joven catador en vinos italianos”

In vista della quarta edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che si svolgerà dal 18 al 24 novembre 2019, la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) collabora nel lancio del terzo concorso “Prepara tu futuro-Joven catador en vinos italianos”, promosso dall’Ambascata d’Italia a Madrid 

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto ITmakES Food&Wine con il quale l’Ambasciata intende promuovere la collaborazione tra Italia e Spagna in ambito agroalimentare, offrendo opportunità di alta formazione ai giovani in Spagna interessati ad approfondire la conoscenza dell’enogastronomia italiana.

Oltre al supporto della CCIS, il concorso conta sulla collaborazione dell’Agenzia ICE, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA, l’Unión Española de Catadores (UEC) e la Cámara de Comercio de Madrid. L’obiettivo è quello di formare e offrire opportunità professionali a giovani sommelier, sia spagnoli sia italiani in Spagna, che desiderino specializzarsi in vino italiano.

I vincitori del concorso, che si terrà a Madrid il 22 novembre 2019, avranno l’opportunità di partecipare a un corso di formazione teorico e pratico di una settimana presso la scuola ALMA a Colorno (Parma), con visite a diverse regioni italiane per conoscere cantine, ristoranti e produttori dei vini e dei prodotti più rappresentativi della cultura enogastronomica italiana.

Il concorso sarà preceduto, il 21 novembre a Madrid, da una master class impartita dal Direttore della Alma Wine Academy Ciro Fontanesi, alla quale potranno accedere tutti i candidati idonei iscritti al concorso.

Le iscrizioni al concorso potranno essere inviate fino al 12 novembre attraverso il sito www.itmakes.net.

Per ulteriori informazioni: info.food-wine@itmakes.net.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

FCA sigla partnership con Enel X e il gruppo ENGIE per la mobilità elettrica

FCA sigla partnership con Enel X e il gruppo ENGIE per la mobilità elettrica

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha siglato due accordi per lo sviluppo di nuove soluzioni dedicate alla mobilità elettrica a sostegno della produzione e commercializzazione dei modelli ibridi plug-in (PHEV) e a batteria (BEV) previsti nel piano industriale di Gruppo per il 2018- 2022. Attraverso questi accordi, i concessionari di FCA offriranno soluzioni di ricarica e servizi innovativi dedicati ai clienti privati e a quelli business.

L’iniziativa prevede inoltre lo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie rivolte alla riduzione del costo totale di possesso dei veicoli elettrici a vantaggio del cliente finale.

I due partner, Enel X e ENGIE, sono entrambi leader globali nel settore energetico. La partnership con ENGIE include le controllate ENGIE Eps, società specializzata nelle soluzioni di energy storage con cui FCA collabora da oltre due anni, e EVBox, società di riferimento nella produzione di stazioni di ricarica. I partner lavoreranno con FCA in tutti i principali mercati europei per valorizzare al meglio le tecnologie sviluppate nel corso degli ultimi anni e si impegneranno nello sviluppo di soluzioni innovative dedicate ai clienti privati e a quelli business.

Enel X collaborerà con FCA in Italia, Spagna e Portogallo, mentre ENGIE affiancherà FCA in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Olanda, Polonia, Slovacchia, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

L’obiettivo principale delle due partnership è l’offerta di soluzioni di ricarica in ambito privato e pubblico a sostegno della vendita della futura gamma di veicoli elettrici di FCA, tra cui la Fiat 500 BEV e la Jeep Renegade PHEV.

Grazie alla collaborazione con i due partner, FCA offrirà ai suoi clienti la possibilità di installare presso la propria abitazione uno specifico punto personalizzato (la cosiddetta wallbox) per l’ottimizzazione e la gestione intelligente della ricarica in base alle effettive necessità. I partner cureranno con FCA la fase preliminare, rivolta alle verifiche di fattibilità e installazione, così come la fase di gestione e manutenzione della wallbox. Il cliente sarà dunque accompagnato e assistito durante l’intero ciclo di vita del veicolo e della sua wallbox. In aggiunta alla ricarica delle vetture elettriche in ambito privato, ai clienti saranno anche offerte soluzioni di ricarica economiche e facilmente accessibili in ambito pubblico. FCA collaborerà con i partner allo sviluppo di applicazioni necessarie alla localizzazione dei punti di ricarica, alla prenotazione e al pagamento della ricarica.

E tutto questo sfruttando le soluzioni integrate di connettività dei veicoli. Attraverso il supporto dei partner, inoltre, FCA proseguirà le attività di formazione ed elettrificazione di tutta la sua rete di concessionari che è già stata avviata in tutta Europa. Sono stati studiati programmi di formazione dedicati per la forza vendita e tutto il personale operante presso i concessionari del Gruppo. Per loro sono anche state pensate specifiche infrastrutture di ricarica destinate all’attrezzamento dei piazzali, dei parcheggi clienti, delle aree di test drive e delle officine.

Nel corso dei prossimi due anni, FCA installerà circa 700 punti di ricarica Enel X presso gli stabilimenti, i centri di ricerca e i parcheggi destinati ai dipendenti in Italia, i quali potranno usufruire di queste infrastrutture per ricaricare i propri veicoli durante l’orario di lavoro. In questo contesto, FCA ed Enel X avvieranno un programma sperimentale per lo sviluppo di nuovi servizi e soluzioni di ricarica.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il prezzo delle abitazioni in Spagna aumenta del 3,9% nell’ultimo trimestre del 2018

Il prezzo delle abitazioni in Spagna aumenta del 3,9% nell’ultimo trimestre del 2018

Secondo le statistiche pubblicate dal Ministerio de Fomento, l’ultimo trimestre del 2018 ha visto in Spagna un aumento del 3,9% del prezzo delle abitazioni rispetto ai valori ottenuti nello stesso periodo dell’anno precedente, raggiungendo un prezzo pari quasi a 1619 euro per metro quadrato.

Per poter vedere un incremento di tali proporzioni è necessario ritornare indietro al quarto trimestre del 2007, periodo nel quale si raggiunse una crescita del 4,8%. Nonostante quindi l’aumento dei prezzi del 2018 il costo delle case si è situato ai livelli del 2012, ossia pari ai dati rilevati quattro anni dopo che scoppiasse la bolla immobiliaria.

Il valore delle abitazioni in Spagna continua a rimanere quasi un 23% al di sotto dei livelli massimi raggiunti nel primo trimestre del 2008, quando si toccarono all’incirca i 2.014 euro per metro quadrato. Rispetto invece ai livelli minimi registratisi nel terzo trimestre del 2014 (1.456 euro) i prezzi sono aumentati dell’11%.

Con questo ultimo aumento sono già 15 i trimestri consecutivi di crescita, un cammino intrapreso a partire del secondo trimestre del 2015, in contrapposizione invece con i 26 trimestri che ottenero valori negativi dopo lo scoppio della bolla nel 2008.

A fine anno le abitazioni meno recenti si sono apprezzate in misura superiore rispetto a quelle di nuova costruzione. Il prezzo delle case con più di 5 anni è cresciuto di un 3,9% nel quarto trimestre fino a raggiungere i 1.612 euro per metro quadrato di fronte ad una crescita del 2,3% che hanno registrato invece le case costruite meno di 5 anni fa le quali hanno raggiunto i 1.846 euro per metro quadrato.

La crescita a Madrid è stata di un 8,1% mentre a Barcellona di un 5,8%.

Nel 2018 il prezzo delle case è aumentato in 13 delle 17 regioni della Spagna. Madrid e la Catalogna hanno registrato i livelli più alti rispettivamente con un 8,1% e 5, 8% seguite dalla Rioja con un 4,8%,  dall’ Andalusia con un 4,2%, dalle Canarie con un 4,0% e dalla regione Valenciana con un 3,7%.

Al contrario, sempre nel 2018 Asturia, Murcia, Paesi Baschi e Castiglia e León hanno registrato una diminuzione annuale tra l’1,4% e ño 0,1% del valore delle case.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X