L’Ambasciata d’Italia a Madrid cerca Presidenti di seggio, segretari e scrutatori (scadenza: 22.04.2024)

L’Ambasciata d’Italia a Madrid cerca Presidenti di seggio, segretari e scrutatori (scadenza: 22.04.2024)

In occasione della prossima tornata elettorale per il rinnovo del Parlamento Europeo, l’Ambasciata d’Italia a Madrid organizzerà i seggi nelle località di Madrid, La Coruña, Logroño, Malaga e Siviglia, presso i quali i connazionali ivi residenti potranno votare venerdì 7 e sabato 8 giugno.

Ogni sezione elettorale si compone di un Presidente, un segretario e 3 scrutatori. I requisiti richiesti per proporsi all’organico di una sezione di seggio sono:

– essere cittadino italiano inserito nell’elenco elettori (anche temporanei) della circoscrizione consolare dell’Ambasciata a Madrid;
– possedere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria di secondo grado (Maturità o equipollente titolo estero) per i Presidenti e segretari, scuola dell’obbligo per gli scrutatori;
– avere la padronanza della lingua italiana;
– NON aver richiesto di votare per i candidati spagnoli al Parlamento Europeo (solo per i cittadini italiani);
– NON rientrare nelle categorie escluse elencate all’art. 38 del DPR 30 marzo 1957, n. 361;
– inoltre, per l’incarico di Presidente e per quello di segretario, è previsto un limite massimo di età di 70 anni (alla data delle elezioni).

 

 

Qualora si intenda presentare la candidatura come componente di seggio, si prega di inviare entro il 22 aprile 2024 l’apposito modulo (scarica quia elezioni.madrid@esteri.it, allegando copia di un valido documento d’identità.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

XV Carrera GENERALI per l’inclusione

XV Carrera GENERALI per l’inclusione

Nell’ambito del suo impegno per una società più solidale ed egualitaria, Generali sponsorizza la 15ª Carrera per l’inclusione.

Questa classica corsa popolare si terrà domenica 26 maggio 2024 alle ore 9 a Madrid.
Migliaia di corridori, con e senza disabilità, parteciperanno alla corsa di 10 km.

 

 

Dopo la gara, anche i corridori più giovani potranno vivere l’esperienza di tagliare il traguardo nella Carrera Popular Infantil (fino a 16 anni), divertendosi così in famiglia.

Il ricavato sarà devoluto alla Squadra Promesse di Atletica Paralimpica del Comitato Paralimpico Spagnolo.

Per iscriversi, collegarsi a questa pagina: https://www.deporticket.com/web-evento/9615-xv-carrera-generali-por-la-inclusion

Ulteriori informazioni: https://www.carreraporlainclusion.es/ 

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Tavola rotonda “Conformità e gestione del rischio nel Consiglio di Amministrazione. Come affrontare gli ambienti VUCA/BANI: sfide, priorità e casi di studio”.

Tavola rotonda “Conformità e gestione del rischio nel Consiglio di Amministrazione. Come affrontare gli ambienti VUCA/BANI: sfide, priorità e casi di studio”.

Data e ora: 23 aprile, ore 9.30.
Luogo: Casa Club – C/ Pinar 17, Madrid.

 

La Fondazione Women Forward, organizzazione partner della Camera di Commercio Italiana per la Spagna, organizza una tavola rotonda il 23 aprile alle 9:30 per affrontare le tematiche legate alla gestione del rischio aziendale.

I Consigli di Amministrazione e gli Advisory Board si trovano sempre più spesso ad affrontare una crescente complessità normativa e societaria, in contesti qualificati come VUCA (Volatility/Uncertainty/Complexity/Ambiguity) e BANI (Brittle, Anxious, Non-linear, Incomprehensible).

L’evento si propone di spiegare quali sono le principali sfide e le attuali priorità, fornendo consigli su come affrontarle.

 

Programma

Benvenuto e presentazione. Dott.ssa Mirian Izquierdo. Presidente della Fondazione Woman Forward

Tavola rotonda: “Compliance e gestione del rischio nel Consiglio di Amministrazione. Come affrontare gli ambienti VUCA/BANI: sfide, priorità e casi pratici”

Dott.ssa Monserrat Artigas. Direttore dell’Audit interno – Processi e rischi, Sareb.

Dott. Christophe Canler. Amministratore indipendente
Dott.ssa Marta Margarit. Presidente del Consiglio di Amministrazione di Enagas Renovable.

Prezzo:
– Membri del Círculo de Alt@s Directiv@s y Consejer@s: gratuito.
– Non soci: 45€.

 

Link per la registrazione: https://www.eventbrite.es/e/entradas-compliance-y-gestion-de-riesgos-en-el-consejo-de-administracion-875255692337

 

Maggiori informazioni: https://womanforward.org/

 

 

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La European Open Business School consolida la sua posizione di punto di riferimento educativo ottenendo le certificazioni ISO.

La European Open Business School consolida la sua posizione di punto di riferimento educativo ottenendo le certificazioni ISO.

La European Open Business School ha consolidato la sua posizione di scuola di business leader a livello mondiale ottenendo le certificazioni ISO 9001, ISO 14001 e ISO 27001. Rilasciate dall’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione, riflettono l’impegno verso l’eccellenza nella gestione aziendale, ambientale e della sicurezza delle informazioni.

Lo standard di politica della qualità ISO 9001:2015 denota l’impegno della scuola per l’eccellenza dell’istruzione, l’innovazione dei contenuti e dei metodi di formazione. È lo standard più importante di tutti perché si basa sulle norme che regolano la qualità in generale dei prodotti e dei servizi offerti da un’azienda.

La politica di gestione ambientale ISO 14001:2015 dimostra l’impegno per la sostenibilità. L’istituzione va oltre i requisiti di base, attuando politiche e pratiche ambientali che mirano al miglioramento continuo e alla tutela dell’ambiente.

Infine, la norma ISO 27001:2013 sulle politiche di sicurezza delle informazioni evidenzia la garanzia di riservatezza, integrità e disponibilità delle informazioni nei suoi progetti di formazione.

Con queste certificazioni, European Open Business School non solo rafforza la sua posizione di istituzione impegnata, ma si posiziona anche come punto di riferimento nel settore dell’istruzione, promuovendo l’eccellenza e l’innovazione nella formazione accademica.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

II Edizione del Ranking de Empresas por la Igualdad Woman  Forward

II Edizione del Ranking de Empresas por la Igualdad Woman  Forward

La Fundación Woman Forward (FWF), in seguito alla pubblicazione del report “Lo stato dell’uguaglianza in Spagna“, mostra che, alla fine del 2023, solo il 40% delle aziende spagnole ha rispettato l’obbligo di registrare il proprio Piano di uguaglianza (Plan de Igualdad). I sindacati sottolineano la mancanza di risorse economiche e di bilancio per realizzare le misure di attuazione dei Piani di uguaglianza in molte aziende, in particolare in quelle più piccole per mancanza di risorse, insieme a un certo disinteresse delle imprese per questa politica, che molte aziende rispettano solo per obbligo di legge, senza convinzione. Anche i risultati delle precedenti ricerche della Fondazione, tra cui l’analisi della “I ranking de Empresas por la Igualdad Woman Forward“, i primi 150 Piani di uguaglianza registrati e le indagini condotte presso le aziende e i sindacati, rivelano progressi significativi, insieme ad aree critiche che richiedono un’attenzione urgente. Questi risultati evidenziano la complessità del panorama attuale e sottolineano la necessità di riconoscere le aziende che sono effettivamente all’avanguardia verso un ambiente di lavoro più equo.

Per questo motivo, la FWF ha sviluppato l’Indice di Uguaglianza nelle Imprese, attraverso la sua piattaforma cloud per la gestione dell’uguaglianza, che fornisce alle aziende un report qualitativo e quantitativo sulle diverse politiche di uguaglianza, e attraverso di esso lancia il RANKING DELLE AZIENDE PER L’UGUAGLIANZA. Questa iniziativa rappresenta un’opportunità eccezionale per gli amministratori delegati di mettere in luce se stessi e le proprie organizzazioni in termini di employer, branding, sostenibilità e competitività, stabilendo un benchmarking per località, dimensioni e settore.

Per ampliare l’impatto e la portata di questa misurazione, la “II edizione del ranking” si terrà in diverse comunità autonome, tra cui i Paesi Baschi, l’Aragona, Barcellona e Madrid. Questi eventi non solo onoreranno gli sforzi locali e regionali verso l’uguaglianza di genere, ma daranno anche visibilità alle aziende più impegnate, permettendo ai loro amministratori delegati di essere vere e proprie leve di cambiamento verso l’uguaglianza. Inoltre, per sostenere l’imparzialità e l’obiettività di questa iniziativa, la FWF avrà una giuria nazionale e regionale, composta da esperti del tessuto economico e imprenditoriale di ogni regione. La partecipazione sarà aperta fino al 30 aprile

In linea con l’impegno della FWF a riconoscere e incoraggiare i continui progressi, questa nuova edizione incorporerà un premio speciale per l’azienda che ha compiuto i maggiori progressi in termini di uguaglianza nell’ultimo anno, promuovendo così un ulteriore incentivo per i partecipanti alla prima edizione.

Per maggiori informazioni sulla classifica e sulle modalità di partecipazione:

https://www.italcamara-es.com/wp-content/uploads/2024/03/Folleto-de-participacion-II-Ranking-de-empresas-por-la-igualdad.pdf

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Italia: in vigore la nuova disciplina whistleblowing

Italia: in vigore la nuova disciplina whistleblowing

Con il decreto legislativo 10 marzo 2023, n. 24 (di seguito anche “Decreto”), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale italiana del 15 marzo 2023, recante l’“Attuazione della direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2019, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione e recante disposizioni riguardanti la protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali”, è stata recepita nell’ordinamento italiano la cd. “disciplina whistleblowing”.

In sostanza, si tratta di una disciplina che persegue, come fine ultimo, il contrasto e la prevenzione dei fenomeni illeciti nelle organizzazioni pubbliche e private, incentivando l’emersione di condotte pregiudizievoli in danno dell’ente di appartenenza e, di riflesso, per l’interesse pubblico collettivo, garantendo un elevato livello di protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto nazionale o dell’Unione – di cui il segnalante sia venuto a conoscenza nell’ambito del suo contesto lavorativo – creando canali di comunicazione sicuri, sia all’interno di un’organizzazione, sia all’esterno. Infatti, il Decreto prevede espressamente che, nella predisposizione di un canale di segnalazione, dovranno essere garantite la tutela della riservatezza dei segnalanti, nonché la non punibilità degli stessi, così come la protezione dei dati personali.

Il Decreto abroga e modifica la disciplina nazionale previgente (art. 6, co. 2-bis del decreto legislativo 231/2001 “Decreto 231”), racchiudendo in un unico testo normativo il regime di protezione dei soggetti che segnalano condotte illecite poste in essere in violazione non solo di disposizioni europee, ma anche nazionali, purché basate su fondati motivi e lesive dell’interesse pubblico o dell’integrità dell’ente, al fine di garantire il recepimento della direttiva senza arretrare nelle tutele già riconosciute nel nostro ordinamento.

In concreto, potranno essere segnalati: (i) comportamenti, atti od omissioni che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’amministrazione pubblica o dell’ente privato e che consistono in illeciti amministrativi, contabili, civili o penali; (ii) condotte illecite rilevanti ai sensi del Decreto 231, o violazioni dei modelli di organizzazione e gestione ivi previsti; (iii) illeciti che rientrano nell’ambito di applicazione degli atti dell’Unione europea o nazionali relativi a determinati settori; (iv) atti od omissioni che ledono gli interessi finanziari dell’Unione; atti od omissioni riguardanti il mercato interno; e (v) atti o comportamenti che vanificano l’oggetto o la finalità delle disposizioni di cui agli atti dell’Unione.

Il Decreto si applica sia ai soggetti del settore pubblico che del settore privato. Con particolare riferimento a quest’ultimo settore, la normativa estende le protezioni ai segnalanti appartenenti a enti che hanno impiegato, nell’ultimo anno, la media di almeno cinquanta lavoratori subordinati o, anche sotto tale limite, agli enti che si occupano dei cd. settori sensibili (servizi, prodotti e mercati finanziari e prevenzione del riciclaggio o del finanziamento del terrorismo, sicurezza dei trasporti e tutela dell’ambiente) e a quelli che adottano modelli di organizzazione e gestione ai sensi del Decreto 231.

Quanto invece all’ambito di applicazione temporale, il Decreto è entrato in vigore il 30 marzo 2023 e le disposizioni ivi previste sono efficaci dal 15 luglio 2023. Nonostante ciò, si noti che per i soggetti del settore privato che hanno impiegato, nell’ultimo anno, una media di lavoratori subordinati, con contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato, fino a duecentoquarantanove, l’obbligo di istituire un canale interno di segnalazione è entrato definitivamente in vigore solo dallo scorso 17 dicembre 2023.

Da ultimo, di rilievo sono le sanzioni che l’ANAC, in caso di inadempimento, potrà applicare alle società: (i) da 10.000 a 50.000 euro quando si accerti che sono state commesse ritorsioni o che la segnalazione è stata ostacolata o che si è tentato di ostacolarla o che è stato violato l’obbligo di riservatezza; (ii) da 10.000 a 50.000 euro quando si accerti che non sono stati istituiti canali di segnalazione, che non sono state adottate procedure per l’effettuazione e la gestione delle segnalazioni ovvero che l’adozione di tali procedure non è conforme a quella richiesta dalla legge, nonché quando si accerti che non è stata svolta l’attività di verifica e analisi delle segnalazioni ricevute; (iii) da 500 a 2.500 euro, nel caso di perdita delle tutele, salvo che la persona segnalante sia stata condannata, anche in primo grado, per i reati di diffamazione o di calunnia o comunque per i medesimi reati commessi con la denuncia all’autorità giudiziaria o contabile.

Fonte: Pavia e Ansaldo Studio Legale (https://www.pavia-ansaldo.it/es/)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

European Open Business School entra a far parte del nuovo European Open Educational Group

European Open Business School entra a far parte del nuovo European Open Educational Group

European Open Business School, socio della CCIS, ha annunciato la creazione e il suo inserimento come uno dei cinque brand del nuovo European Open Eucational Group, consolidando così la sua posizione di leader nella formazione aziendale all’avanguardia. Il 4 febbraio 2014 è stata fondata la European Open Business School, che segna una storia di impegno per l’eccellenza, la personalizzazione e l’innovazione; e attualmente si sta evolvendo con successo in questo nuovo gruppo educativo di cui fa parte.

European Open Educational Group è quindi composto da 5 brand che si dedicano ciascuno ad un settore formativo che copre ambiti diversi. Questi marchi sono: European Open Business School, Study Tour, European Training, Go to Digital e Build in Company.

European Open Business School: Molto più di una scuola! Il marchio pionieristico del gruppo si distingue per master e lauree di specializzazione ai vertici delle classifiche didattiche. Fin dalla sua fondazione è stato il motore trainante degli altri marchi che compongono il gruppo.

Study Tour: un viaggio trasformativo: molto più di un programma internazionale! Tra le offerte del gruppo, il programma internazionale Study Tour si pone come un’esperienza unica di turismo formativo, fondendo la visione imprenditoriale e culturale della Spagna. Questo programma promette non solo conoscenze specialistiche ma anche un’esperienza indimenticabile che lascia un ricordo indelebile nei partecipanti.

European Training: Molto più che formazione! Questo brand si distingue per la sua offerta di corsi online specializzati, pensati per offrire una formazione continua di grande impatto. In un mondo in continua evoluzione, questa piattaforma si posiziona come un faro di conoscenza aggiornata, fornendo gli strumenti necessari per affrontare le sfide dell’ambiente aziendale odierno.

Go to digital!: Molto più di un acceleratore digitale! Emerge come un’agenzia innovativa che funge da acceleratore digitale. Il suo obiettivo è lo sviluppo di ambienti virtuali di prossima generazione per le società di formazione. Utilizzando strumenti di digitalizzazione all’avanguardia, questa agenzia promuove l’adattamento delle istituzioni educative alle esigenze tecnologiche del 21° secolo.

Build in Company: Molto più di un’esperienza di business! Nasce il ramo dei servizi dedicati alla formazione aziendale per le imprese. La sua missione è creare programmi personalizzati al 100% in base alle esigenze specifiche delle organizzazioni, volti a catapultarle verso il successo in un mondo del business sempre più competitivo.

Dai suoi inizi fino alla creazione dell’European Open Educational Group, questa istituzione ha assistito a una trasformazione senza precedenti nel mondo della formazione aziendale. Inoltre, European Open Grupo Educativo dispone già di un nuovo sito web che è possibile consultare per scoprire in modo approfondito ciascuno dei suoi marchi.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Unità di Crisi, firmata convenzione con Intesa San Paolo per il rafforzamento della cooperazione in materia di sicurezza dei lavoratori all’estero

Unità di Crisi, firmata convenzione con Intesa San Paolo per il rafforzamento della cooperazione in materia di sicurezza dei lavoratori all’estero

Su impulso del Ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani, lo scorso 13 dicembre il Capo Unità dell’Unità di Crisi della Farnesina, Nicola Minasi,con la Chief Operating Officer di Intesa San Paolo SpA, Paola Angeletti, una convenzione per il rafforzamento della cooperazione in materia di sicurezza dei lavoratori all’estero.

Si tratta di un’intesa che nasce nell’ambito della crescente attività di scambio dell’Unità di Crisi della Farnesina con il mondo imprenditoriale, finalizzata a diffondere al meglio l’utilizzo dei siti istituzionali www.viaggiaresicuri.it e www.dovesiamonelmondo.it e della APP “Unità di Crisi”, con l’obiettivo di incoraggiare le aziende alla registrazione dei movimenti all’estero del proprio personale e favorire così l’esecuzione dei protocolli di sicurezza.

Le recenti esperienze (il terremoto in Marocco così come la crisi in Israele e Gaza) hanno confermato l’importanza di una comunicazione univoca e di una immediata interazione tra la Farnesina e gli esperti di sicurezza delle aziende, al fine di adattare l’azione di assistenza dell’Unità di Crisi alle specifiche necessità.

Obiettivo primario è quello di contribuire a diffondere una cultura della prevenzione e della sicurezza aziendale anche per le trasferte all’estero, attraverso l’integrazione tra i sistemi informativi aziendali e quelli dell’Unità di Crisi.

Per maggiori informazioni: Web

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La Spagna raggiungerà le 1.000 imprese stabilite in Italia entro il 2030, raddoppiando la cifra attuale

La Spagna raggiungerà le 1.000 imprese stabilite in Italia entro il 2030, raddoppiando la cifra attuale

Il forum “Madrid e Italia, unite per il successo imprenditoriale” del Club Initio indica il settore della moda femminile come uno dei settori più in crescita tra le imprese spagnole in Italia, poiché ha raddoppiato il volume degli investimenti in tre anni.

Alfredo Izquierdo, socio amministratore di FormaItalia, impresa che fornisce servizi professionali specializzati nella creazione e nello sviluppo di imprese spagnole in Italia e che è socia della CCIS, ha dichiarato oggi, in occasione della colazione di lavoro organizzata nell’ambito dell’evento menzionato, che “nei prossimi cinque anni, il numero di imprese spagnole stabilite in Italia raddoppierà fino a raggiungere le 1.000 unità”.

Attualmente sono quasi 500 le imprese spagnole presenti sul mercato italiano ed entro il 2030 saranno il doppio. Izquierdo ha sottolineato che l’Italia è il terzo mercato spagnolo, verso il quale esporta l’8,4% del totale delle sue vendite all’estero. Secondo Izquierdo, “le imprese spagnole sono competitive e ben accolte in Italia, tanto che la Spagna ha un saldo commerciale positivo di 3.573 milioni di euro”.

Madrid avrà 250 aziende in Italia entro il 2030
La Comunità di Madrid, l’Andalusia, Valencia e la Catalogna sono le quattro regioni con il maggior numero di aziende presenti sul mercato italiano e le prime tre (Madrid, Valencia e Andalusia) registreranno la maggiore crescita della loro presenza nei prossimi anni. Queste regioni, con aziende del settore della moda e dell’agroalimentare, guideranno l’emergere delle imprese spagnole in Italia.
Per FormaItalia, “l’Italia è un Paese che oggi offre sicurezza giuridica, con un governo stabile e aperto agli investimenti stranieri”, sottolineando come valore aggiunto “una forza lavoro esperta”.

La moda femminile, un settore in crescita
Tradizionalmente, la vendita di veicoli, prodotti chimici e derivati della plastica ha occupato il podio delle vendite spagnole nel Paese transalpino, prima del tradizionale mercato petrolifero, ma negli ultimi anni le aziende di moda femminile hanno fatto irruzione sulla scena e sono ora il quinto settore più importante. “In tre anni la Spagna ha raddoppiato le vendite di moda femminile in Italia e le prospettive per il 2023 e 2024 sono positive in questo campo”, ha sottolineato Izquierdo.


Durante il forum si è svolta una tavola rotonda moderata da Monica Uriel, corrispondente dell’ANSA in Spagna, con la partecipazione di Alfonso Garcia, CEO di Leon Research; Santiago Franco, direttore finanziario, operativo e strategico di Funds People e Rodrigo Lopico, business development di Starnaliza Holding. Tutti manager di aziende con esperienze di successo in Italia che hanno evidenziato la necessità di avere una buona conoscenza del mercato in cui un’azienda intende insediarsi.

Fonte: Comunicae

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il CEO di European Open Grupo Educativo, Jaime Medel, membro onorario dell’International Startup Congress.

Il CEO di European Open Grupo Educativo, Jaime Medel, membro onorario dell’International Startup Congress.

Dal 12 al 14 dicembre si è svolto a Siviglia l’International Startup Congress, che ha riunito più di 500 leader internazionali provenienti da Europa, Stati Uniti, America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia. Tra gli esperti professionisti che hanno preso parte all’evento, Jaime Medel, CEO di European Open Grupo Educativo, azienda socia della Camera di Commercio Italiana per la Spagna, è stato membro onorario in qualità di esperto di imprenditorialità e innovazione.

“In qualità di CEO di European Open Grupo Educativo desidero esprimere il mio sincero apprezzamento per il riconoscimento e il privilegio di posizionare la nostra azienda tra le società internazionali leader in materia di innovazione, imprenditorialità e formazione.”

L’evento è stato organizzato da International Startup Association, un’organizzazione no-profit composta da 1000 agenti e startup internazionali con l’obiettivo di promuovere l’attività permanente del settore, in collaborazione con Business Market Network, un’iniziativa composta da oltre 300 investitori, aziende, istituzioni e governi per promuovere l’imprenditorialità e lo sviluppo del sistema.

Il Congresso Internazionale delle Startup si è svolto secondo un programma basato sulle principali aree di tendenza come Blockchain, Humatech, Sporttech, Marketplace, Cybersecurity, Intelligenza Artificiale, Data o Climate Tech.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

ACEPTAR
Aviso de cookies