Ultimi stand disponibili per le imprese italiane interessate ad esporre al Salón de Gourmets

Ultimi stand disponibili per le imprese italiane interessate ad esporre al Salón de Gourmets

Dopo essere stato rinviato lo scorso anno a causa della pandemia di Covid 19, ritorna al polo fieristico IFEMA (Madrid) il grande appuntamento annuale con la gastronomia di qualità. Il Salón de Gourmets aprirà infatti i battenti il ​​18 ottobre prossimo per presentare le ultime novità e le tendenze di alta gamma del settore e contibnuare ad essere il punto d’incontro di riferimento per gli operatori locali e internazionali: ristorazione, ospitalità, distribuzione, catering e commercio specializzato.

Questa XXXIV edizione, che si svolgerà nel rispetto delle più rigorose misure sanitarie a garanzia della salute dei visitatori e degli espositori, vedrá ancora protagonista la CCIS, che gestirà anche quest’anno un’area dedicata esclusivamente ai prodotti italiani, a disposizione di aziende e consorzi che desiderano entrare in contatto con i principali professionisti dei canali di distribuzione e importazione in Spagna ed esplorare nuove opportunità nel mercato.

Vista parziale dell’Area Italia durante l’ultima edizione del Salón de Gourmets (2019)

Numeose aziende italiane hanno già confermato la loro partecipazione e gli spazi espositivi attualmente a dispoizione sono pochissimi. Per questo motivo le aziende interessate a partecipare possono contattare quanto prima il dipartimento Fiere della CCIS (ferias@italcamara-es.com) per essere informati sulle modalità di partecipazione.

Salón de Gourmets – scheda tecnica:

Date: 18-21 ottobre 2021
Localizzazione: IFEMA, Feria de Madrid, Padiglioni 4, 6, y 8.
Orario: Lunedì, martedì e mercoledì dalle 10:00 alle 19:00. Giovedì dalle 10:00 alle 17:00.
Espositori: + 1.500
Prodotti: 35.000 – 40.000
Nuovi prodotti: 700
Visitatori professionisti: 70.000
Superficie espositiva: 45.000 m2
Web: https://www.gourmets.net/salon-gourmets

Ingresso riservato esclusivamente agli operatori del settore.
Informazioni sulle misure sanitarie: https://www.ifema.es/medidas-sanitarias-seguridad-para-eventos

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Work experience in Spagna per 50 studenti italiani

Work experience in Spagna per 50 studenti italiani

Sono 50 gli studenti italiani che, tra i mesi di Luglio e Settembre 2021, hanno reallizato in Spagna un percorso formativo di approsimazione al mercato del lavoro coordinato dalla CCIS.

In particolare, gli studenti hanno realizzato un periodo di stage presso aziende locali appositamente selezionate dalla CCIS per un periodo di 4 o 5 settimane in specifici settori di specializzazione, tra cui il turismo, marketing, informatica e agraria.

Uno dei gruppi di studenti italiani al suo arrivo ad Alicante

I 50 ragazzi, tutti provenienti da istituti formativi del Veneto, hanno quindi potuto realizzare un’importante esperienza lavorativa nelle realtà aziendali selezionate con l’obiettivo di incrementare le proprie competenze professionali in vista di un loro imminente inserimento nel mercata del lavoro.

I percorsi formativi si sono svolti in diverse città spagnole: oltre a Madrid, anche Alicante, Palma de Mallorca e Castellón de la Plana.

Per maggiori informazioni sui progetti formativi CCIS: formacion@italcamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Masterclass virtuale con lo chef Ciro Cristiano

Masterclass virtuale con lo chef Ciro Cristiano

Riprendono le attività legate al progetto “True Italian Taste” dopo la pausa estiva! Oltre alla riapertura dello store gourmet dedicato ai prodotti italiani autentici all’interno del Mercado de Chamberì  di Madrid, il prossimo 23 settembre si terrà una masterclass virtuale dedicata a operatori del settore del Food&wine e giornalisti e blogger locali.

In particolare, la masterclass sarà impartita da Ciro Cristiano,  executive chef del ristorante Bel Mondo di Madrid, del grupo Big Mamma, che in pochi mesi si è convertito in un uno dei ristotanti più alla moda della capitale spagnola.

In questa occasione lo chef Cristiano, originario di Napoli e con importanti esperienze professionali sia in Italia che in Francia, elaborerà un primo piatto tipico della tradizione culinaria campana: gli spaghetti alla Nerano.

Come d’abitudine per gli eventi di questo tipo organizzati nell’ambito del progetto “True Italian Taste”, la masterclass sarà l’occasione per presentare ai partecipanti invitati alcuni prodotti tipici della cucina regionale italiana, tra cui gli Spaghetti Lunghi dell’azienda calabrese Pastificio Fiorillo, Il provolone Valpadana Dop dell’azienda veneta Brazzale, la ricotta bianca secca di pecora di Onlygooditaly, i vini Curiale Calabria Bianco IGT della Società Agricola Zito & F.lli e Le Bolle della Quercia dell’Azienda agricola Villa Bottona.

I prodotti presentati sono solo alcuni degli oltre 50 presenti nello store gourmet “True Italian Taste” allestito nell’ambito del progetto  all’interno del Mercado de Chamberì, che si propone come punto di riferimento per tutti gli amanti della gastronomia italiana che vogliono scoprire nuovi sapori e nuove gustose proposte.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS in Grecia per il secondo meeting transnazionale del progetto Female Entrepreneur

La CCIS in Grecia per il secondo meeting transnazionale del progetto Female Entrepreneur

Il 9 e 10 settembre scorso si è tenuto a Patrasso (Grecia) il secondo meeting transnazionale del progetto europeo Female Entrepreneur, che fa parte del programma Erasmus+. L’incontro, organizzato in collaborazione con il partner locale P-consulting, è stato l’occasione per fare il punto sullo stato del progetto, sugli obiettivi raggiunti e sulle attività ancora da svolgere secondo il piano di lavoro.

Nello specifico, il responsabile dell’EU Desk della CCIS, Luca Trovato, ha presentato uno dei principali risultati della prima fase del progetto: la mappa interattiva delle imprese culturali e creative in Europa, frutto del lavoro di ricerca svolto dai soci. Questo lavoro si traduce nella piattaforma educativa presente sul sito web del progetto, uno strumento digitale che mette a disposizione di aziende, professionisti e studenti del settore dell’industria culturale e creativa dell’UE materiale formativo e informativo di interesse, come casi di studio e best practise.

Immagine dei lavori del secondo meeting transnazionale del progetto europeo Female Entrepreneur tenutosi a Patrasso

Trovato ha inoltre presentato lo strumento ICT che ha consentito di effettuare una valutazione delle imprese culturali a livello europeo e del loro quadro metodologico, nonché dello stato del settore delle industrie culturali e creative in ciascun Paese coinvolto nel progetto (Spagna, Cipro, Grecia, Belgio , Croazia e Romania). L’incontro è stato pertanto l’occasione per valutare i risultati ottenuti attraverso questo strumento, analizzare i problemi e le difficoltà incontrate e proporre miglioramenti per una corretta attuazione del progetto.

Per maggiori informazioni: https://www.femalentrepreneur.eu/en

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Leyton CES 2022 Challenge

Leyton CES 2022 Challenge

Leyton, società di consulenza internazionale fondata nel 1977, con team in tutto il mondo dedicati allo sviluppo economico, ecologico e sociale delle organizzazioni, ha recentemente lanciato un programma internazionale che mira ad aumentare le sue azioni per sostenere e finanziare progetti innovativi e sostenibili.

Parte di questo programma è la Leyton CES 2022 Challenge: si tratta di promuovere i migliori progetti in fase iniziale di Techforgood, Greentech e Healthtech in 7 diversi paesi in Europa e Nord America.

CES è la più grande piattaforma al mondo per tutti coloro che prosperano nel business della tecnologia di consumo. Per 50 anni è stato un banco di prova per innovatori e tecnologie all’avanguardia, il palcoscenico globale in cui le innovazioni di nuova generazione vengono introdotte sul mercato.

I vincitori del CES 2022 Leyton Challenge esporranno al CES Eureka Park, lo scenario di primo ordine per le startup, dove vengono finanziate nuove idee, si formano nuove partnership e avvengono nuove acquisizioni. Il punto d’incontro ideale per investitori, media globali, aziende e startup provenienti da più di 37 paesi.

Per maggiori informazioni sul concorso:
https://challenges.leyton.com/en/challenges/leyton-ces-2022-challenge

Contatto:
Montserrat Sanz
msanz@leyton.com
+34 627 379 865

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Le vendite online di beni di largo consumo continuano a crescere in Spagna

Le vendite online di beni di largo consumo continuano a crescere in Spagna

Le vendite in valore di beni di largo consumo in Spagna attraverso il canale online continuano a crescere quest’anno, un trend che si rafforza dal confinamento e che, sebbene attualmente la crescita sia più moderata, mantiene la quota raggiunta durante lo scorso anno 2020.

I dati, corrispondenti allo studio 2ª Oleada: Pulso de la innovación en gran consumo, preparato dai consulenti internazionali IRI e Lantern lo scorso giugno, indicano che le vendite in valore attraverso il canale online continuano ad aumentare quest’anno, anche se a un ritmo più regolare rispetto al quello registrato per tutto lo scorso anno, quando il canale ha segnato un balzo del 106,4%. Se si osserva il TAM Maggio 2021 (Total Annual Mobile), ovvero il periodo compreso tra giugno 2020 e maggio 2021, il canale è cresciuto del 45,2%, mentre l’accumulato per quest’anno (Year to date – YTD) è cresciuto del 5,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Se si analizza la quota di valore del canale online sul totale del largo consumo (FMCG, Fast Moving Consumer Goods), si osserva una marcata curva al rialzo nei primi mesi del confinamento – tra marzo e maggio 2020 – che poi decresce leggermente e si stabilizza verso la fine dell’anno, trend che si mantiene durante i primi mesi del 2021, ma sempre su livelli superiori a quelli registrati prima della pandemia.

I risultati mostrano anche che tra i comparti che hanno registrato la più alta crescita di TAM tra giugno 2020 e maggio 2021, spiccano i prodotti freschi: frutti di mare (67%) e salumi (61%), prodotti di 4ª e 5ª gamma (57%), igiene (55%), bevande e vegetali (54%), formaggi (53%), bibite e verdure (51%), uova (49%), latticini (49%) e pesce (49%).

D’altro canto, lo studio si è interrogato sulle aspettative dei produttori e distributori locali circa l’impatto che la crescita del canale online potrebbe avere sugli investimenti delle loro aziende. Tra i rivenditori, il 75% prevede di implementare miglioramenti nelle funzionalità e nei servizi delle piattaforme esistenti, mentre l’8% prevede di creare una piattaforma di e-commerce. Per quanto riguarda i produttori, il 36% migliorerebbe le proprie piattaforme attuali, il 27% ne creerebbe una nuova, il 18% prevede di sviluppare prodotti specifici per il canale online e il 7% prevede cambiamenti nella propria strategia di prezzo online.

Fonte: diariodegastronomia.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

I dati del settore del franchising italiano nel 2020 e aspetti normativi

I dati del settore del franchising italiano nel 2020 e aspetti normativi

L’importanza del sistema del franchising in Italia è dimostrata anche dai dati recentemente raccolti e pubblicati dall’Associazione italiana franchising “Assofranchising” nel suo rapporto annuale, che analizza dati e cifre sugli andamenti e scenari del sistema relativamente all’anno 2020.

Nonostante l’inevitabile impatto negativo generato dalla crisi economica causata dalla pandemia di Covid-19, in generale, il rapporto conferma il consolidamento del sistema franchising nel tessuto imprenditoriale italiano: un trend che può tradursi in una buona resistenza e crescita del sistema di franchising in Italia.

I dati mostrano che, nonostante la crisi pandemica abbia causato un calo significativo del numero di marchi (-10,5%), le reti di franchising medio-grandi hanno resistito bene, oltre a mantenere il proprio fatturato, i franchisee e l’occupazione e sono rimaste attive nel mercato.

Nello specifico, il volume d’affari del franchising in Italia nel 2020 è stato di 27.058.533.300 euro, il 3,5% in più rispetto all’anno precedente, e anche il numero di negozi in franchising in Italia è cresciuto dell’1,3%, mentre le reti con sede all’estero, che operano in Italia solo attraverso franchising, hanno continuato a crescere.

Pertanto, in una prospettiva di lungo periodo, il sistema franchising in Italia mostra dati positivi; espressione di un settore in buona salute, che ha risposto molto bene alla pandemia perdendo solo le reti più piccole e meno strutturate, e che è pronto a riattivarsi nel 2021 e negli anni successivi.

La legislazione italiana sul franchising

In Italia la figura del franchising è regolata principalmente dalla Legge n. 129 del 6 maggio 2004, che disciplina la definizione giuridica, i contenuti e i requisiti minimi che il contratto di franchising deve rispettare, nonché i rapporti tra il franchisor e il franchisee.

La Legge 129/2004 pone particolare enfasi sulle informazioni precontrattuali che il frannchisor deve fornire al franchisee prima della sottoscrizione del relativo contratto di franchising. In tal senso, il franchisor deve fornire al franchisee un insieme completo di informazioni, ad eccezione di quelle  riservate o sensibili o la cui divulgazione può violare diritti di terzi, almeno 30 giorni prima della firma del contratto. Il contenuto del documento informativo varia a seconda che il franchisee operi solo in Italia o anche all’estero.

Inoltre, la Legge stabilisce che il franchisor deve aver testato sul mercato il proprio concetto di business prima di avviare la propria rete in franchising, attraverso una o più unità pilota, e deve avere – sebbene la legge non lo preveda espressamente – un durata minima non inferiore ad un anno.

Fatte salve le particolarità imposte dalla Legge n. 129/2004, il contenuto del rapporto contrattuale è, peraltro, liberamente determinabile dalle parti e/o dal codice civile italiano, nei limiti delle vigenti leggi inderogabili, sia nazionali che europee.


Fonte: Rödl & Partner Abogados y Asesores Tributarios S.L.P.

Para más información: www.roedl.com/es

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Chiusura della CCIS per le vacanze estive dal 9 al 20 agosto 2021

Chiusura della CCIS per le vacanze estive dal 9 al 20 agosto 2021

A causa del periodo estivo e vacazionale, la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna riduce la propria attività nel mese di agosto. per questo motivo, non si potrà garantire una rapida risposta alle eventuali richieste che perverranno in questo periodo.

Inoltre, la sede della CCIS chiuderà dal 9 al 20 agosto 2021 per le vacanze estive. In questo specifico periodo non saranno disponibili i servizi normalmente prestati durante l’anno.

Lo staff della Camera augura a tutti i soci e amici buone vacanze estive.

Sede

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Esposizione a Siviglia: un viaggio nella bellezza delle piazze italiane

Esposizione a Siviglia: un viaggio nella bellezza delle piazze italiane

“Le Piazze (In)visibili” è il titolo di una mostra ospitata, nel ‘Patio Mayor’ del Municipio di Siviglia, aperta al pubblico dal 16 luglio e disponibile fino al 15 agosto 2021

L’evento culturale è stato inaugurato lo scorso 15 luglio, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia, del Sindaco Juan Espadas, del Console Onorario Carlos Ruiz-Berdejo y Sigurtà Marchetti e della Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, Marialuisa Pappalardo

Ideata e curata da Marco Delogu, e promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese), “Le Piazze (In)visibili” propone un suggestivo viaggio nella bellezza delle Piazze italiane, stimolando riflessioni su un momento storico di “sospensione” e su tutti quei valori identitari che, nel corso della nostra storia, si sono sviluppati intorno al concetto della “piazza”. 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X