Uno showcooking letterario per celebrare “The Authentic Italian Table”

Uno showcooking letterario per celebrare “The Authentic Italian Table”

Anche quest’anno torna “The Authentic Italian Table”, l’evento organizzato dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), dedicato all’autentica gastronomia italiana, che si svolgerà in formato virtuale il 17 giugno alle ore 12:30.

In questa occasione, lo chef Alessandro Cresta, con più di 20 anni di esperienza di cucina creativa tra Italia e Spagna, e l’attore e scrittore Fabio Bussotti, saranno i protagonisti di un originale showcooking letterario, alla scoperta dei segreti della cucina tradizionale del Belpaese. Un vero e proprio viaggio gastronomico tra sapori e poesia, dove prodotti emblematici come il Provolone e il Parmigiano Reggiano, il prosecco Valdobbiadene e il riso Carnaroli saranno protagonisti tra i versi  di poeti e scrittori di varie epoche storiche (dal grande Omero al poeta italiano Giovanni Pascoli, passando per il genio rinascimentale, Leonardo da Vinci).

In particolare, dopo l’introduzione del giornalista ed esperto gastronomo, Alberto Luchini, direttore de La Luna de Metrópoli, lo chef Cresta preparerà dal vivo un’originale ricetta: il “risotto al prosecco con crema di provolone”. Durante la preparazione, Bussotti reciterà alcuni versi che trattano in maniera diretta e indiretta tematiche relative alla gastronomia, per offrire un’esperienza gastronomica e culturale unica.


È possible seguire l’evento in diretta attraverso la piattaforma virtuale della CCIS. Per accedere alla stessa è necessario registrarsi previamente attraverso il seguente link: https://italcamara-es.gocongresos.com/registrarse/

Una volta realizzata l’iscrizione, per accedere all’evento basta cliccare il seguente link e inserire l’email e la password.


The Authentic Italian Table è un evento che fa parte del progetto “True Italian Taste”, per la valorizzazione del prodotto italiano autentico nel mondo. Tale progetto è finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e gestito da Assocamerestero.


Note biografiche:

Alessandro Cresta: milanese di origine, è cresciuto in Lunigiana, nel nord della Toscana, cosa che lo ha portato a sviluppare la sua passione per la cucina di questa regione. Ha più di 20 anni di esperienza come chef tra Italia e Spagna, avendo lavorato anche nel ristorante di Sergi Arola e collaborato in diversi ristoranti a Madrid e Milano. Uno dei suoi principali obiettivi è far conoscere i sapori della sua terra, la Toscana, e la sua tradizione, attraverso l’innovazione e la fusione con prodotti e sapori di altri territori. Autore del libro di cucina e musica “Mo’ Better Food”, ha partecipato a diversi programmi televisivi in Spagna dedicati alla gastronomia e ha collaborato con la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna in numerosi progetti per la promozione della gastronomia italiana.


Fabio Bussotti: Attore, drammaturgo, sceneggiatore, scrittore, regista, insegnante di recitazione, Fabio Bussotti si è diplomato come attore presso la Bottega Teatrale di Firenze diretta da Vittorio Gassman.
Nel cinema e nelle serie TV ha lavorato con registi come Liliana Cavani, Mario Monicelli, Federico Fellini, Elie Chouraqui, Maurizio Zaccaro, Stefano Gabrini, Francesca Archibugi, Peter Del Monte, Carlo Carlei, Maurizio Nichetti, Luigi Perelli, Giorgio Ferrara, Luciano Manuzzi, Giulio Manfredonia e tanti altri.
In teatro, dopo aver debuttato con Vittorio Gassman, ha lavorato con Adolfo Celi, Alvaro Piccardi, Ermanno Olmi, Beppe Navello, Giuseppe Marini, Alessandro Gassmann, Nanni Fabbri, Roberto Cavosi, Maurizio Nichetti, Francesco Saponaro, Werner Waas, David Haughton, Guido De Monticelli,  Andrea Di Bari, Carlos Martìn, Serena Senigaglia e tanti altri.
Premi: Nastro D’Argento (1989) come migliore attore non protagonista e Navicella per il film Francesco di Liliana Cavani.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

BOCCA DELLA VERITÀ – COMMERCIALE

  • Cercano un Commerciale Amministrativo bilingue italiano-spagnolo, sarà valutata la conoscenza dell’inglese. Persona organizzata, ordinata, responsabile ed efficiente. Buon comunicatore, abituato alle nuove tecnologie e disponibilità full time. Assunzione immediata.
    • Dipartimento: commerciale
    • Posto offerto: Commerciale Amministrativo
    • Spazio geografico di attuazione: Valencia
    • Principali funzioni: gestione e controllo di banche dati. Acquisizione, monitoraggio e servizio ai clienti, offline, online e per telefono. Buona gestione delle nuove tecnologie e programmi nel cloud
    • Dipendenza gerarchica: Direttore e Presidente
    • Formazione richiesta:  Commerciale Amministrativo
    • Informatica: livello utente
    • Lingue: spagnolo, italiano ed inglese
    • Attitudini: persona organizzata, ordinata, responsabile, efficiente ed entusiasta
    • Necessità di viaggiare: in un futuro
    • Remunerazione: da concordare
    • Commenti: buon comunicatore, azienda in espansione
  • SE INTERESSATI CONTATTARE: Carmen – marketing@caffeboccadellaverita.it
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

BOCCA DELLA VERITÀ – RAGIONIERE

  • Cercano un ragionere bilingue italiano-spagnolo, sarà valutata la conoscenza dell’inglese. Persona organizzata, ordinata, responsabile ed efficiente. Abituata alle nuove tecnologie e disponibilità full time. Assunzione immediata.
    • Dipartimento: contabilità
    • Posto o fferto: ragioniere
    • Spazio geografico di attuazione: Valencia
    • Principali funzioni: contabilità, riconciliazione, input, output, confronto dei vari canali di vendita, conoscenze d’import-export, logistica e trasporti. Buona gestione delle nuove tecnologie e programmi nel cloud
    • Dipendenza gerarchica: Direttore e Presidente
    • Formazione richiesta:  Ragioniere
    • Informatica: livello utente
    • Lingue: spagnolo, italiano ed inglese
    • Attitudini: persona organizzata, ordinata, responsabile, efficiente ed entusiasta
    • Necessità di viaggiare: in un futuro
    • Remunerazione: da concordare
    • Commenti: c’è un’altra persona nel dipartimento che tiene conto del supporto. Azienda in espansione
  • SE INTERESSATI CONTATTARE: Carmen – marketing@caffeboccadellaverita.it
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

TECNOBLEND Srl

  • Produttori italiani famosi per i suoi prodotti sani e di alta qualità per gelateria, pasticceria e canale Horeca, cercano agenti commerciali per la sua espansione nel mercato spagnolo.
    • Dipartimento: vendite
    • Posto offerto: agente commerciale
    • Spazio geografico di attuazione: Spagna
    • Principali funzioni: elaborazione delle offerte, ricezione e monitoraggio degli ordini, servizio di back office ai clienti. Ricerca clienti e chiusura di contratti
    • Dipendenza gerarchica:
    • Formazione richiesta:  diploma di Maturità o Laurea
    • Informatica: Office
    • Lingue: spagnolo, italiano ed inglese
    • Attitudini: empatia e saper descrivere perfettamente i punti di forza del prodotto
    • Necessità di viaggiare: se necessario, si
    • Remunerazione: commissione
    • Commenti: esperienza nella promozione e vendita ai distributori del settore, minimo 5 anni. L’azienda ha già un portafoglio clienti.
  • SE INTERESSATI CONTATTARE: Nertila Gjeci – comercial@italcamara-es.com
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Webinar: “Aspetti legali e fiscali delle criptovalute”

Webinar: “Aspetti legali e fiscali delle criptovalute”

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, in collaborazione con Letslaw, organizza il 9 giugno, alle ore 10, il webinar “Aspetti legali e fiscali delle criptovalute”.

Rocío Lorenzo, Responsabile dell’Area Fiscale di Letslaw, e José Morato, dell’Area Digitale, approfondiranno i principali argomenti relativi alle criptovalute e alla tecnologia Blockchain, la regolamentazione e normativa in Spagna e in Europa, l’impatto fiscale, gli obblighi di informazione e lo scenario futuro.

La partecipazione è gratuita (posti limitati)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Missione commerciale a Tenerife – 5 e 6 Luglio 2021

Missione commerciale a Tenerife – 5 e 6 Luglio 2021

L’antenna territoriale a Tenerife della Camera di Commercio e Indusria Italiana per la Spagna, in collaborazione con la Camera di Commercio di Santa Cruz de Tenerife, organizza una missione commerciale per imprese ed imprenditori italiani che vogliono ampliare la loro attività espandendosi alle Canarie. La missione, che si svolgerà il 5 e 6 luglio 2021, sarà infatti l’occasione per conoscere dal vivo il territorio, il mercato canario, visitare le installazioni di interesse strategico dell’isola e iniziare a sfruttare gli strumenti di agevolazione fiscale di cui si può beneficiare.

In particolare, l’iniziativa si articola in due fasi:

– La prima prevede la presentazione dei vantaggi economici e dei meccanismi fiscali dei quali sono dotate le Isole Canarie, validi sia per attrarre investitori sia per le imprese che desiderano commercializzare con le Isole Canarie o installarsi;

– La seconda consiste nell’organizzazione di incontri con professionisti e specialisti della Camera di Commercio e con imprese, distributori e clienti finali locali, secondo le specifiche esigenze delle imprese partecipanti

Per prendere parte all’iniziativa è necessario compilare e inviare il seguente modulo d’iscrizione (entro e non oltre il 20 giugno).

Per maggiori informazioni:

– Link alla pagina informativa: http://ccistenerife.com/missione-commerciale

– E-mail di contatto: ccis.tenerife2@italcamara-es.com



Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Emilia Romagna: nuova tappa delle Settimane Gastronomiche Regionali a Madrid

Emilia Romagna: nuova tappa delle Settimane Gastronomiche Regionali a Madrid

Tornano a Madrid le Settimane Gastronomiche Regionali, iniziativa della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) che fa parte del progetto True Italian Taste.

L’Emilia Romagna è la regione protagonista di questa nuova tappa del viaggio gastronomico tra i sapori tipici e i prodotti della cucina regioonale italiana.

Luigi Bertaccini, chef del ristorante A vÄnvera di Madrid

In questa occasione, il ristorante A vÁnvera (calle Zurbano, 85. Madrid. www.avanvera.es) rende omaggio a questa bellissima regione del Nord che confina con l’Appennino ed è famosa per la sua capitale, Bologna; lo farà con il seguente menù per 2 persone da lunedì 7 a domenica 13 giugno, elaborato dallo chef Luigi Bertaccini:

Antipasti:

– Pinzimonio con piadina romagnola

– Melanzane alla parmigiana a 

Primi piatti:

– Strozzapreti salsiccia e piselli 

– Lasagna ai funghi porcini 

Dolci:

– Salame di cioccolato 

– Crostata di fichi 

Vino:

Prugneto, Romagna DOC Sangiovese Superiore (Poderi Dal Nespoli)

Ovviamente la preparazione di questi piatti è a base di autentici prodotti italiani, tra cui: il Parmigiano Reggiano DOP, forse il più famoso formaggio italiano, dalla consistenza dura e matura, che secondo la leggenda nacque durante il Medioevo a Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, ma sotto la diocesi di Parma e da qui il nome. Attualmente gran parte della sua produzione è realizzata con latte di vacca frisona – introdotta nel territorio negli anni ’60 del XX secolo – e principalmente in Emilia, solo nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena, parte di Bologna e di Mantova.

Anche la fama del Grana Padano DOP è riconosciuta in tutto il mondo. Il nome deriva dal termine grana, che si riferisce alla sua caratteristica consistenza granulosa, e dall’aggettivo Padano, che si riferisce al fiume Po. Fu elaborato per la prima volta dai monaci cistercensi di Chiaravalle nel XII secolo, che utilizzavano il formaggio stagionato come mezzo per conservare il latte in eccesso. È un formaggio semigrasso a stagionatura lenta, fino a un anno e mezzo. È simile per forma, dimensione e altre caratteristiche organolettiche al Parmigiano ma ci sono delle differenze: il Reggiano è fatto con latte in parte intero e in parte scremato, e il Padano è fatto solo con latte scremato, quindi matura prima e il suo sapore è un po’ più delicato rispetto al primo. La produzione di questo formaggio si estende su un territorio più ampio che comprende 32 province tra Lombardia, Piemonte, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna e Veneto.

Infine, il vino, Prugneto, Romagna DOC Sangiovese Superiore, della cantina Poderi Dal Nespoli, è una tipica espressione dell’uva Sangiovese di Romagna. Di colore rosso rubino brillante e con un intenso profumo di frutti rossi, si abbina particolarmente bene con pasta fresca, pasta ripiena, ravioli, carni rosse e formaggi.

Queste giornate fanno parte del progetto True Italian Taste, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e gestitto da Assocamerestero (l’Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’industria spagnola degli alimenti e delle bevande resiste all’impatto della pandemia

L’industria spagnola degli alimenti e delle bevande resiste all’impatto della pandemia

L’industria spagnola degli alimenti e delle bevande sta resistendo all’impatto del COVID-19 meglio dell’economia nel suo insieme. Nonostante abbia subito gli effetti della crisi, che hanno posto fine a un ciclo di sei anni di continua crescita, il settore resta al di sopra delle 30.000 imprese e dei 431.800 lavoratori diretti.

Ciò è chiaro dal Rapporto economico annuale della Federazione spagnola delle industrie alimentari e delle bevande (FIAB), che raccoglie il comportamento del settore durante l’anno finanziario 2020, con dati che collocano alimenti e bevande come il settore industriale che ha reagito meglio all’impatto della pandemia, con un calo inferiore a quello dell’industria manifatturiera e dell’economia nel suo complesso.

L’industria alimentare e delle bevande nel 2020

Tra i dati forniti dal Rapporto Economico della Federazione spicca il fatturato reale del settore, che ha raggiunto 129.854 milioni di euro, riflettendo un calo annuo del -5,3%, ben al di sotto di quello dell’economia spagnola nel suo complesso (- undici %). Il settore risente particolarmente degli effetti delle restrizioni sulla ristorazione e del blocco del turismo. Questo scenario ha causato le perdite maggiori, soprattutto nei prodotti più strettamente legati a queste attività.

I consumi in casa hanno registrato un aumento del 16,15% e hanno raggiunto i 71.319,9 milioni di euro nei primi 11 mesi del 2020. Le misure di contenimento hanno portato la spesa media pro capite in casa a quasi 1.610 euro, superiore del 19,0% rispetto al stesso periodo dell’anno precedente.

Se si tiene conto del paniere di prodotti che compongono l’Indice del Prezzi al Comsumo, la presenza di alimenti e bevande è cresciuta fino a rappresentare il 20,34%, il che riflette il cambiamento delle abitudini di consumo generato dalla pandemia.

Per quanto riguarda le ripercussioni della crisi sanitaria sul tessuto imprenditoriale e occupazionale, si segnala che nel 2020 l’industria alimentare e delle bevande ha rappresentato 30.573 industrie, con una perdita di 200 aziende rispetto al 2019. Nel corso di quest’anno l’industria alimentare e delle bevande ha mantenuto il processo di concentrazione aziendale già evidenziato negli anni precedenti. Le grandi aziende – con più di 200 dipendenti – sono aumentate di 21 unità, di cui 5 corrispondono a realtà con oltre 1.000 dipendenti.

Il risultato sull’occupazione rivela una diminuzione del -1,1% nel numero degli iscritti alla Previdenza Sociale. Pertanto, nel 2020 l’industria alimentare e delle bevande ha raggiunto i 431.800 lavoratori diretti. Tenuto conto del grave scenario che ha rappresentato il 2020, l’industria alimentare e delle bevande si distingue per gli sforzi compiuti in materia di lavoro, poiché l’occupazione diretta della sua attività è stata influenzata in misura minore rispetto a quella dell’industria manifatturiera (-2,2%) e il totale dell’economia (-2,2%).

Per quanto riguarda l’andamento delle esportazioni spagnole del settore, nel 2020 hanno raggiunto i 33.945 milioni di euro, con un aumento del 4,4% rispetto all’anno precedente. Questa crescita è principalmente dovuta alla crescente domanda cinese di prodotti a base di carne. A seguito della pandemia, la bilancia commerciale dell’industria alimentare e delle bevande ha raggiunto il valore di 12.608 milioni di euro, un aumento considerevole, guidato dal calo delle importazioni.

Per mercati, l’Unione Europea continua ad essere la principale destinazione e assorbe il 54,9% delle esportazioni. La classifica è guidata dalla Francia, con 4.915 milioni di euro, seguita dal Portogallo con 3.461, Italia (3.440M €) e Germania (1.864). Al di fuori dell’UE, vale la pena evidenziare il comportamento della Cina, con 3.725 milioni di euro, che nella classifica generale si colloca come secondo partner commerciale per via della crescita della domanda di prodotti a base di carne.

Fonte: Diariodegastronomia.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’e-commerce stabilisce un nuovo record in Spagna

L’e-commerce stabilisce un nuovo record in Spagna

Secondo i dati forniti dalla Comisión Nacional de los Mercados y la Competencia (CNMC), il commercio elettronico continua ad aumentare e stabilisce un nuovo record in Spagna, con oltre 258 milioni di operazioni nel terzo trimestre del 2020, e un fatturato di oltre 12.800 milioni di euro, cresciuto del 2,5% su base annua.

Per quanto riguarda l’origine del fatturato, il 45,5% è originato da siti di e-commerce in Spagna e il restante 54,6% proviene da acquisti effettuati nel paese ma su siti di e-commerce stranieri. Ciò significa che il 37,7% degli acquisti è stato effettuato tramite siti web spagnoli, mentre il 62,3% su pagine estere, sebbene il volume d’affari degli acquisti effettuati all’estero abbia raggiunto in questo trimestre i 6.986 milioni di euro, il 15,8% in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Allo stesso modo, si deve tenere conto che il 62,9% degli acquisti effettuati dalla Spagna all’estero sono stati effettuati sui siti Web dell’Unione europea.
D’altra parte, le vendite dei siti web spagnoli all’estero hanno raggiunto un fatturato di 1.570 milioni di euro, il 41,3% in meno rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente. Il 57,7% degli acquisti dall’estero proveniva dall’Unione Europea.

Evoluzione dei dati

L’evoluzione ed i risultati sono stati disomogenei nei diversi rami di attività tanto che, mentre quelli legati al turismo hanno raddoppiato il fatturato rispetto al trimestre precedente, rispetto agli altri anni hanno subito un calo del 58%.
Un altro dei dati più importanti è che gli acquisti online effettuati nel nostro paese attraverso i siti web spagnoli sono cresciuti del 12,2% su base annua, raggiungendo i 4.244 milioni di euro. La Pubblica Amministrazione, tasse e sicurezza sociale è il settore che guida il fatturato del commercio elettronico in Spagna con il 9,7% del totale, seguito dal comparto degli ipermercati, supermercati e negozi di alimentari, con il 6,6% del volume d’affari.

Fonte: Moneda Única

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X