Il FoodTech spagnolo si consolida

Il FoodTech spagnolo si consolida

Le conclusioni del quarto rapporto sul settore Foodtech in Spagna sono state presentate nell’ambito di un evento di networking in cui alcuni dei protagonisti dell’ecosistema hanno discusso le sfide future per il settore spagnolo, la sua regolamentazione e le sue possibilità di crescita, nonché l’evoluzione dell’ecosistema Foodtech spagnolo. Questo settore è un anello essenziale dell’industria alimentare spagnola ed è destinato a svolgere un ruolo importante nella catena alimentare nei prossimi anni.

Così, in un contesto globale di incertezza normativa e di aumento dei tassi di interesse, con un forte calo degli afflussi di capitale nel settore delle proteine alternative, e dove gli investimenti globali nel settore sono diminuiti di oltre il 60%, le startup spagnole sono state in grado di raccogliere oltre 226 milioni di euro in diversi round di investimento, secondo il rapporto Fostering Collaboration for Sustainable Agri-Food Excellence, promosso da ICEX Spain Export and Investment.

Il rapporto rivela anche come il numero di start-up continui a crescere, anche se a un ritmo moderato, e l’emergere di nuovi attori e alleanze che sono destinati a dare impulso all’innovazione in tutta la catena alimentare. Nel 2023 sono emerse associazioni di imprese come FATE (Food Agri Tech Europe) e se ne sono consolidate altre come VEGETALES – l’associazione dei produttori di alimenti e bevande vegetali. Inoltre, le alleanze si sono concentrate sull’asse CNTA, con l’obiettivo di creare un nuovo polo di innovazione. Tutti questi movimenti lasciano presagire economie di scala e collaborazioni in progetti strategici come la Spain Food Valley, finalizzata a migliorare la competitività del settore attraverso gli sviluppi della digitalizzazione, della tracciabilità e della sicurezza alimentare.

 

Grande dinamismo nel settore

Elisa Carbonell, CEO di ICEX, ha affermato che il foodtech è uno dei settori più dinamici, con 420 start-up registrate, più di 30.000 aziende potenziali acquirenti e 20 centri tecnologici.Ha inoltre sottolineato il ruolo svolto da programmi come DESAFÍA nel rispondere alla sfida della scalabilità dei progetti innovativi nell’industria alimentare.Nei Paesi Bassi più di venti aziende sono già passate attraverso il programma di accelerazione. Nel 2024, più di una dozzina di startup si uniranno alle due nuove immersioni nel Regno Unito e in Germania.

Elisa Carbonell ha inoltre evidenziato gli sforzi di proiezione internazionale compiuti dall’ICEX. Da un lato, attraverso la partecipazione a eventi strategici sia all’interno che all’esterno della Spagna (Food 4 Future Bilbao, AgriTech Expo Asia, Sustainable Food Forum a Londra…). Dall’altro, attirando capitali stranieri attraverso il programma Rising Up in Spain di INVEST IN SPAIN e il primo progetto di open innovation agroalimentare in Brasile, un evento di matchmaking tra aziende spagnole e start-up brasiliane che si terrà nel 2023.

Da parte sua, Isabel Bombal, Direttore Generale dello Sviluppo Rurale, dell’Innovazione e della Formazione Agroalimentare del MAPA, ha sottolineato l’importanza delle aziende che fanno parte dell’ecosistema agroalimentare spagnolo che, con le loro soluzioni innovative e digitali, contribuiscono a consolidare un settore agroalimentare moderno, competitivo, sostenibile ed efficiente e costituiscono, di per sé, un’industria in crescita con un potenziale economico e sociale e con la capacità di esportare soluzioni tecnologiche in molti mercati internazionali. A questo proposito, il direttore generale ha anche passato in rassegna le iniziative del Ministero per sostenere l’imprenditorialità innovativa nelle aziende agroalimentari.

Un impegno forte e sostenuto nel tempo verso l’innovazione come fattore di differenziazione dell’industria alimentare spagnola è lo strumento migliore per aggiungere valore e rafforzare la nostra capacità di esportazione e il futuro del nostro pianeta.

Fonte: https://www.monedaunica.net/

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il settore della ristorazione collettiva consolida la propria ripresa in Spagna

Il settore della ristorazione collettiva consolida la propria ripresa in Spagna

I principali settori che compongono il mercato alberghiero e della ristorazione collettiva hanno consolidato nel periodo 2022-2023 la ripresa iniziata nel 2021, con il venir meno degli effetti della pandemia e delle misure restrittive, trainati dalla favorevole congiuntura economica, dall’aumento dei consumi e dal dinamismo del turismo, oltre che dall’aumento dei prezzi.

Queste sono alcune delle conclusioni tratte dallo studio Informe Especial El Mercado de Hostelería y Colectividades, recentemente pubblicato dall’Osservatorio di Settore DBK di INFORMA, che mostra come il mercato alberghiero e della ristorazione – ristoranti, hotel, ospedali, case di riposo e catering – abbia registrato ancora una volta una performance favorevole nel 2023, completando la ripresa dopo la crisi pandemica, grazie a fattori quali la buona situazione economica, la crescita dell’occupazione, l’aumento dei consumi delle famiglie e il dinamismo della domanda turistica, che hanno permesso a tutti i settori considerati di crescere in modo significativo.

Alberghi e ristoranti

  • Da un lato, la maggiore propensione alla spesa per la ristorazione fuori casa e l’evoluzione positiva degli afflussi turistici hanno permesso al mercato della ristorazione di crescere dell’8% nel 2023, raggiungendo i 27,8 miliardi di euro.
  • Da parte sua, il settore alberghiero ha registrato una crescita del 15%, sostenuta dall’aumento del numero di viaggiatori, sia spagnoli che, soprattutto, stranieri. Anche l’effetto dell’aumento dei prezzi sul fatturato del settore è degno di nota. Il valore del mercato si è attestato a 18,2 miliardi di euro.
    Il fatturato degli ospedali privati supererà i 13 miliardi di euro nel 2023, con un aumento del 5%.
  • Questo incremento è leggermente superiore a quello del 4% ottenuto dalle società di gestione delle case di cura, che ha permesso loro di raggiungere i 5,1 miliardi di euro.
  • Infine, il mercato della ristorazione è cresciuto di quasi il 6,5% nel 2023, raggiungendo i 3,75 miliardi di euro. Tutti i suoi sottosegmenti di attività hanno registrato sviluppi positivi.

In termini di struttura del mercato, il mercato dell’ospitalità nel suo complesso continua a essere altamente frammentato, anche se negli ultimi anni è proseguita la tendenza a una progressiva concentrazione dell’offerta, soprattutto a seguito di acquisizioni societarie e dell’integrazione di strutture e centri indipendenti in catene e reti. Questo aumento della concentrazione è stato particolarmente significativo nel settore ospedaliero, dove i primi dieci gruppi avevano una quota di mercato combinata del 52% nel 2022.

Fonte: Diariodegastronomia.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Partecipazione di imprese spagnole alle fiere NME e Transpotec – Logitec 2024

Partecipazione di imprese spagnole alle fiere NME e Transpotec – Logitec 2024

La CCIS gestisce la partecipazione di espositori e buyers spagnoli a due importanti fiere che si svolgeranno a Milano nel mese di Maggio: NME – Next Mobility Exhibition e Transpotec Logitec.

Le due manifestazioni offrono un’occasione imperdibile per le aziende spagnole per incontrare potenziali partner commerciali e espandere la propria rete di contatti internazionali.

NME

NME – Next Mobility Exhibition è l’evento internazionale biennale dedicato a soluzioni, tecnologie, mezzi e politiche per un sistema di mobilità delle persone integrato, innovativo e sostenibile. La manifestazione è pronta per aprire le porte alla sua prossima edizione che si terrà a Milano dall’8 al 10 maggio 2024.

L’evento offre una panoramica completa di tutti gli ultimi sviluppi del mercato: veicoli elettrici, mobilità elettrica e trasporto pubblico. Le aziende partecipanti presenteranno le loro innovazioni in una di queste aree:

  • Trasporto pubblico
  • Autobus e pullman
  • Mobilità elettrica
  • Mobilità aziendale
  • NCC (noleggio auto con conducente)
  • Trasporto condiviso

 

La fiera, inoltre, metterà a disposizione dei visitatori un’area espositiva dedicata alle ultime novità tecnologiche, dando loro la possibilità di scoprire i più recenti sviluppi nel campo dei veicoli e dei sistemi di trasporto.

 

 

Transpotec Logitec

Transpotec Logitec è una delle fiere più attese a livello internazionale (con un focus particolare sull’Europa, il bacino del Mediterraneo e i Balcani), che si occupa dello sviluppo dei trasporti e della logistica.

L’evento, che si terrà a Milano dall’8 all’11 maggio 2024, è un appuntamento imperdibile per tutte le aziende e i professionisti che operano in questo settore.

La fiera si propone come un punto di incontro tra espositori e visitatori, offrendo la possibilità di scoprire le ultime novità e le soluzioni più innovative nel campo della logistica e del trasporto. L’offerta dell’evento fornirà una panoramica completa del mercato e delle sue innovazioni: oltre ai costruttori di veicoli, rimorchi e semirimorchi saranno tra i segmenti più rappresentati, con tutti i diversi modelli in esposizione: dai furgoni alle cisterne, dai ribaltabili a quelli per il trasporto a temperatura controllata.

 

 

NME e Transpotec sono occasioni uniche per ampliare la propria rete di contatti business e le imprese spagnole avranno la possibilità di parteciparvi sia come espositori che come buyer.

Esposizione

La CCIS gestisce la partecipazione di imprese spagnole in qualità di espositori per entrambe le fiere. In particolare, le aziende potranno contrattare stand modulari o personalizzati attraverso la Camera, che si occuperà della gestione integrale della partecipazione.

Questi stand partono da una dimensione di 16 metri quadrati, ma possono variare in base alle esigenze dell’espositore. Gli spazi sono progettati per garantire la massima visibilità alle aziende partecipanti; tali sezioni rappresentano la soluzione ideale per le imprese che vogliono comunicare al meglio il proprio marchio e i propri prodotti.

Programma Buyer

I buyers spagnoli selezionati, grazie agli accordi con gli organizzatori,  potranno beneficiare gratuitamente di questi vantaggi:

  • 1 pernottamento in hotel 4 stelle in camera DSU con trattamento di b&b
  • Volo a/r in classe economica emesso dall’agenzia di viaggi della fiera di Milano
  • Trasferimento in bus navetta dall’hotel al quartiere fieristico di Milano e viceversa
  • Accesso alla Buyers Lounge
  • accesso alla piattaforma MY MATCHING: i buyers devono fissare almeno 4 appuntamenti al giorno prima e durante la fiera.

Il pacchetto buyer è valido per una sola persona per azienda partecipante (eventuali accompagnatori dovranno pagare le proprie spese).

Gli organizzatori selezioneranno le aziende che potranno partecipare al programma.

La presenza di espositori e buyers spagnoli alle fiere NME e Transpotec Logitec permetterà di favorire lo scambio commerciale tra l’Italia e la Spagna, due Paesi dalle forti sinergie economiche. I due appuntamenti si preannunciano pertanto come un’importante punto di incontro per le imprese di entrambi i Paesi.

 

Per maggiori informazioni contattare: departamento.comercial@italcamara-es.com

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Transpotec Logitec

Transpotec Logitec

Transpotec Logitec è una piattaforma integrata di business e contenuti a 360 gradi per lo sviluppo dei trasporti e della logistica. Un’offerta rappresentativa di tutte le componenti del mercato. Situata in quello che oggi è considerato il primo polo logistico nazionale e uno dei principali snodi con i mercati europei-mondani (Lombardia), Transpotec Logitec è una fiera internazionale con un focus particolare sull’Europa, sul Bacino del Mediterraneo e sui Balcani.

SETTORE: Trasporti e logistica

Read more
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

NME – Next Mobility Exhibition 

NME – Next Mobility Exhibition 

NME – Next Mobility Exhibition è l’evento internazionale biennale dedicato a soluzioni, tecnologie, veicoli e politiche per un sistema di mobilità integrato, innovativo e sostenibile per le persone.

SETTORE: E-mobility, trasporto sostenibile per persone

DATA E LUOGO: 8 – 10 maggio 2024, Fieramilano – RHO

PAGINA WEB: https://www.nextmobilityexhibition.com/en/

PROPOSTA CCIS: selezione acquirenti spagnoli per la visita alla fiera e realizzazione di un’agenda di incontri con aziende espositrici preselezionate

DOCUMENTAZIONE: presentazione

CONTATTIdepartamento.comercial@italcamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Principali novità fiscali in Spagna nel 2024

Principali novità fiscali in Spagna nel 2024

Il socio Miñana Beltral Tax & Legal ha elencato le principali novità fiscali previste in Spagna nel 2024:

1.IRPF

Nel 2024 il reddito minimo imponibile per l’imposta sul reddito delle persone fisiche salirà a 15.000 euro. Nel 2023 il limite minimo era di 14.000 euro. Pertanto, le persone con un reddito inferiore a questo importo non saranno obbligate a presentare la dichiarazione dei redditi.

In relazione alle plusvalenze immobiliari, la deduzione dell’imposta sul reddito netto è ridotta dal 60% al 50%. Pertanto, il proprietario di un immobile affittato potrà dedurre fino al 50% della differenza tra entrate e uscite. Questa riduzione della deduzione è applicabile solo ai contratti in vigore dal 1° gennaio 2024. La detrazione del 60% sarà mantenuta per i contratti stipulati fino al 31 dicembre 2023. Se l’immobile è situato in una zona sottoposta a tensioni e il proprietario riduce il prezzo di affitto del 5%, avrà diritto all’applicazione di una detrazione IRPF fino al 90%.

La detrazione per i lavori di miglioramento dell’efficienza energetica delle abitazioni nell’imposta sul reddito è estesa a tutto il 2024.

Infine, viene ribadita l’obbligatorietà della presentazione delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche esclusivamente per via elettronica, a condizione che la Pubblica Amministrazione garantisca un’attenzione personalizzata a tutti i contribuenti che abbiano bisogno di assistenza.

2.ISS (Imposta sulle società)

Libertà di ammortamento degli investimenti che utilizzano energia da fonti rinnovabili. La libertà di ammortamento degli investimenti che utilizzano energia da fonti rinnovabili è estesa al 2024. Questa misura, inizialmente limitata al 2024, consente ai contribuenti di ammortizzare liberamente gli investimenti in progetti per l’autoconsumo di energia elettrica o termica a condizione che la fonte energetica sia rinnovabile e che sostituiscano impianti che utilizzano fonti energetiche fossili non rinnovabili. In questo senso, viene posta come condizione che l’entrata in funzione dei nuovi impianti debba avvenire nel 2024.

3.IVA

I limiti quantitativi che escludono l’applicazione del metodo di valutazione oggettiva dell’imposta sul reddito sono prorogati per il 2024, ad eccezione delle attività zootecniche, forestali e agricole, che hanno un proprio limite basato sul volume di reddito .Allo stesso modo, i limiti per l’applicazione del regime semplificato e del regime speciale per l’agricoltura, l’allevamento e la pesca nel caso dell’IVA sono prorogati di un ulteriore anno.

L’aliquota IVA del 5% si applica fino al 30 giugno 2024 alle cessioni, alle importazioni e agli acquisti intracomunitari di olio d’oliva, semi e pasta.

Un’aliquota IVA dello 0% si applica fino al 30 giugno 2024 alle cessioni, alle importazioni e agli acquisti intracomunitari di prodotti quali pane e prodotti di panificazione, farina per panificazione, alcuni tipi di latte, formaggio, uova, nonché frutta, verdura, legumi e cereali che sono prodotti naturali.

Fino al 31 dicembre di quest’anno, l’aliquota dell’energia elettrica per le consegne e le importazioni effettuate ai titolari di contratti di fornitura con potenza contrattuale inferiore o uguale a 10 kW e ai titolari di contratti di fornitura che sono beneficiari del buono sociale è aumentata al 10% (dall’attuale 5%).

 

 

4.IMPOSTA SULLE DONAZIONI

È aumentato il numero di Comunità autonome (Aragona e La Rioja) in cui le donazioni tra parenti diretti sono scontate quasi al 100%. Queste regioni si aggiungono ad altre come Andalusia, Castiglia e León, Valencia e le Isole Baleari, che già prevedevano questi sconti negli anni precedenti.

5.IMPOSTA SUL PATRIMONIO

Come nel caso dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche, si stabilisce che può essere imposto l’obbligo di presentare la dichiarazione dell’Imposta sul patrimonio per via elettronica.

6.IMPOSTA TEMPORANEA DI SOLIDARIETÀ SUI GRANDI PATRIMONI

La Legge 38/2022 ha istituito un’imposta temporanea di solidarietà sui Grandi Patrimoni, inizialmente prevista per l’anno finanziario 2023. L’applicazione di questa imposta temporanea è mantenuta per il 2024, finché non ci sarà una revisione della tassazione patrimoniale nel contesto della riforma del sistema di finanziamento regionale. L’esenzione minima stabilita a 700.000 euro è estesa a tutti i contribuenti. È inoltre obbligatorio presentare la dichiarazione dei redditi per via elettronica.

7.IMPOSTA SULLA PLASTICA

L’imposta sulla plastica, che grava sulle imprese che producono e importano plastica non riciclata, è entrata in vigore nel 2023. A partire dal 1° gennaio 2024, è richiesta una certificazione rilasciata dall’Ente Nazionale di Accreditamento (ENAC) o da un organismo equivalente in qualsiasi Stato membro dell’UE, che attesti che le plastiche utilizzate e che non rientrano nel campo di applicazione dell’imposta sono riciclate.

 

Fonte: Miñana Beltrán Tax & Legal

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

“Italia en un plato”: i nuovi corsi di cucina italiana della CCIS.

“Italia en un plato”: i nuovi corsi di cucina italiana della CCIS.

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna lancia un nuovo corso di cucina italiana a partire dal 26 febbraio, presso gli spazi dell’Eat School all’interno della propria sede (calle Cristóbal Bordiú, 54 – 28003 Madrid).

(Clicca sull’immagine per scaricare la brochure informativa)

Il corso, denominato “Italia en un plato”, si suddivide in cinque moduli, che uniranno tradizione e innovazione, offrendo ai partecipanti un’esperienza culinaria completa. Dai risotti allo zafferano alle pizze fatte in casa, passando per la pasticceria e la tecnica della vasocottura, accompagnati da due chef di grande talento: Alessandro Cresta e Annarita di Rubbo (la Chef Eco).


La cucina tradizionale verrà affrontata con grande cura e meticolosità dallo Chef Alessandro Cresta, esplorando piatti tipici di diverse regioni della penisola attraverso 3 corsi differenti.

26/02/2024

Il primo modulo riguarda l’aperitivo italiano. Durante questo corso, gli studenti impareranno a creare una selezione di stuzzichini e antipasti tipici. Saranno guidati passo dopo passo, dalla scelta e la preparazione degli ingredienti fino alla presentazione degli aperitivi.

04/03/2024

Il secondo modulo si concentra sulla preparazione dei risotti: è perfetto per coloro che amano i piatti di riso e vogliono imparare come prepararli in modo tradizionale ma anche innovativo.

11/03/2024

Il terzo modulo riguarda le pizze e le focacce. Durante questo corso, gli studenti impareranno i trucchi per preparare un perfetto impasto per pizza o focaccia.

Annarita Di Rubbo (La Chef Eco), si occuperà invece degli altri due moduli.

28/02/2024

Il primo corso si incentra sulla tecnica della vasocottura, una modalità di cottura lenta che consente di preservare il sapore e la consistenza dei cibi. Durante questo modulo, gli studenti scopriranno come utilizzare il vaso di coccio, il piatto poroso e il sottovuoto per cucinare varie pietanze. Verranno insegnati i segreti per ottenere una cottura omogenea, mantenendo intatte le proprietà nutritive degli alimenti.

06/03/2024

Il secondo corso si concentra sulla pasticceria italiana, una delle tradizioni culinarie più apprezzate al mondo. Durante questa formazione, gli studenti impareranno le tecniche base per preparare una varietà di dolci italiani, come il tiramisù, la torta della nonna e la caprese.


I partecipanti saranno coinvolti , dunque, in sessioni interattive con una durata di 3 ore ciascuna, dove potranno mettere in pratica queste tecniche e sperimentare nuovi abbinamenti di sapori.

Il corso è aperto a tutti, dai principianti agli esperti, poiché si basa sul concetto di condivisione e apprendimento reciproco. L’ambiente accogliente e professionale dell’Eat School renderà l’esperienza ancora più piacevole poichè lo spazio moderno e attrezzato metterà i partecipanti a proprio agio, fornendo tutte le risorse necessarie per imparare e divertirsi in cucina.

Un altro aspetto positivo di questo corso è la sua durata flessibile in quanto sarà possibile scegliere tra le lezioni singole o il pacchetto di 5 corsi, ottenendo uno sconto.

ATTENZIONE: i posti sono limitati!

Prenota subito il tuo posto, preparati a lasciarti coinvolgere da un viaggio gastronomico senza precedenti!

Maggiori dettagli al link.

Scrivici a formacion@italcamara-es.com e assicurati il tuo posto!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

ACEPTAR
Aviso de cookies