Christmas Happening CCIS 2018

Christmas Happening CCIS 2018

Anche quest’anno la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) ha voluto celebrare con i propri soci, amici e collaboratori il Christmas Happening, la tradizionale festa di fine anno per presentare l’attività svolta negli ultimi dodici mesi e per ringraziare i soci ed i collaboratori con i quali condivide ogni giorno lavoro e relazioni.

 


Clicca qui per vedere le immagini ed il video del Christmas Happening 2018


 

Gli oltre 300 invitati che hanno riempito le sale del Palacio de Santa Coloma di Madrid, decorato per l’occasione con elementi che richiamavano gli anni 50, hanno ricevuto il saluto di Stefano Sannino, Ambasciatore d’Italia in Spagna, Marco Pizzi, Presidente della CCIS e Giovanni Aricò, Segretario Generale.

Christmas-5
Da sinistra a destra: Giovanni Aricò, Segretario Generale della CCIS; Stefano Sannino, Ambasciatore d’Italia in Spagna; Marco Pizzi, Presidente della CCIS

Lo stesso Aricò ha presentato i momenti più rilevanti dell’attività camerale nel corso del 2018, tra cui la celebrazione della storica decima edizione di #PassioneItalia nel Matadero di Madrid, la gestione di numerosi progetti formativi europei, le iniziative nell’ambito della terza Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, la XXII edizione del Premio Tiepolo e la conclusione della prima edizione del progetto 100% Auténtico.

christmas-4

Durante l’evento sono stati premiati anche i vincitori del concorso #TuTapa, associato all’iniziativa Tapitalia.eat, e gli stabilimenti che hanno ottenuto il premio alla tapa più richiesta e a quella più fotografata.

christmas-2
I rappresentanti degli stabilimenti premiati nell’ambito dell’iniziativa Tapitalia.eat: alla sinistra Carolina Bertaggia riceve il premio alla tapa più fotografata in rappresentanza della pizzeria “Gustami Italia”; alla destra Biagio Cipolla di “Cannoli, Pane Amore Fantasia” con il premio alla tapa più richiesta.

Come da tradizione, Giovanni Aricò e lo staff della CCIS hanno animato la serata e diretto il sorteggio dei numerosi premi offerti dai patrocinatori della manifestazione. Gli invitati si sono anche destreggiati in balli e giochi all’insegna del divertimento, l’allegria e la cordialità.

christmas1
Lo staff della CCIS

Un ringraziamento speciale agli sponsor ed i collaboratori dell’evento

 

banner-loghi-christmas-2018-def

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Alfa Romeo Stelvio, premiato da Unidad Editorial e dalla rivista Telva

Alfa Romeo Stelvio, premiato da Unidad Editorial e dalla rivista Telva

Alfa Romeo Stelvio continua a raccogliere premi di prestigio internazionale grazie al suo grafica, la dinamicità e l´efficienza dei motori e la sua capacità di trasmettere emozioni.

 

Una giuria di giornalisti specializzati in auto e motori del gruppo “Unidad Editorial” ha consegnato il premio speciale della giuria al primo SUV della marca italiana. Un ulteriore riconoscimento dell’eccellenza di un’auto che rappresenta tutti i valori di un marchio storico e li esporta  in un segmento dove non erano mai stati presenti.

 

Alfa-Romeo-850

 

Con motori che arrivano a 510 CV nella versione Quadrifoglio, l’Alfa Romeo Stelvio vanta il privilegio di essere il SUV  più veloce del mondo nell´ importante circuito di Nürburgring, una sfida che dimostra fino a dove è arrivato il marchio con il suo primo modello in questa categoría.

 

Manuel Pérez Casado, Direttore Marketing di Alfa Romeo España, è stato l’incaricato di ritirare il premio durante lo svolgimento della XXV edizione della cerimonia di consegna dei Premi Telva Motor 2018, convocata ogni anno dalla rivista lifestyle e durante la quale sono stati premiati diversi veicoli nelle categorie Tecnologia, Design, Sorpresa dell’Anno e Migliore Idea nel settore dell´ automobilistica

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Assemblea annuale dei soci della CCIS

Assemblea annuale dei soci della CCIS

L’Assemblea annuale dei soci della Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna (CCIS) si è tenuta lo scorso 25 giugno, presso la sede camerale a Madrid.

Tra i presenti, hanno preso parte all’evento l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino, il Presidente della CCIS, Marco Pizzi, il Segretario Generale, Giovanni Aricò ed il Consigliere Economico e Commerciale dell’Ambasciata, Simone Turchetta.

Dopo il discorso di benvenuto da parte del presidente Pizzi, l’Ambasciatore Sannino è intervenuto segnalando l’importante lavoro svolto dalla Camera nell’ambito delle relazioni tra Italia e Spagna e riportando la sua soddisfazione per il buon funzionamento della stessa e per la stretta e proficua relazione di collaborazione con l’Ambasciata.

A seguire, il Segretario Generale Aricò ha illustrato ai partecipanti le attività più rilevanti concluse nell’ambito dell’esercizio 2017, menzionando in particolar modo l’evento di consegna del Premio Tiepolo, che si è svolto per la prima volta a Roma, ed il grande successo dell’evento Passione Italia, così come le attività associative e quelle condotte nel campo dell’Informazione, Assistenza alle Imprese, Formazione e Promozione.

Per meglio illustrare le principali attività realizzate ed i numeri raggiunti durante l’esercizio 2017, è stato proiettato un video riassuntivo realizzato per l’occasione.

 

Aricò ha inoltre presentato i nuovi progetti che si realizzeranno durante il secondo semestre dell’anno, tra questi le iniziative previste nell’ambito della III Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che dovrebbe celebrarsi dal 19 al 25 novembre prossimo, la seconda annualità del “100% Auténtico” ed il Premio Tiepolo 2018.

Nel corso dell’Assemblea sono stati inoltre presentati il bilancio ed il conto economico dell’esercizio 2017 ed il bilancio preventivo per il 2018.

Tutti i punti dell’ordine del giorno sono stati approvati all’unanimità.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Arriva in Spagna l’ultimo film di Francesca Archibugi

Arriva in Spagna l’ultimo film di Francesca Archibugi

“EL NOMBRE DEL BAMBINO” verrà distribuito nelle principali sale cinematografiche a partire dall’11 marzo 

Con l’obiettivo di promuovere la cultura italiana nel territorio spagnolo,  la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna – CCIS -, ha il piacere di informare tutti i soci e contatti che il prossimo 11 marzo, arriverà nelle sale cinematografiche di tutta Spagna l’ultimo film della regista italiana Francesca Archibugi: EL NOMBRE DEL BAMBINO (titolo originale: IL NOME DEL FIGLIO).

Si tratta di una magnifica commedia che si appoggia su un reparto eccezionale composto da Valeria Golino, Alessandro Gassmann, Luigi Lo Cascio, Micaela Ramazzotti e Rocco Papaleo.

Trama: Roma. Un giorno qualsiasi. Quella che poteva essere stata una cena tranquilla e divertente tra amici di vecchia data, si converte in un autentico caos quando una delle coppie anuncia il polémico nome del bambino che deve nascere…

La CCIS invita i propri soci all’anteprima del film

Grazie agli accordi con Festival Films, che si occupa della sua distribuzione in Spagna, la CCIS ha messo a disposizione dei propri soci un numero limitato di  inviti per l’anteprima del film che si terrà il prossimo 10 marzo 2016 alle ore 20:00  nel cinema Kinepolis (c/Edgar Neville s/n – Ciudad de la Imagen – Madrid).

Gli inviti sono stati distribuiti secondo un rigoroso ordine di ricezione delle richieste e si sono esauriti in brevissimo tempo, a dimostrazione del grande interesse che il film sta generando anche in Spagna.

Tutte le informazioni, curiosità e molto altro ancora sono disponibili nella web: www.elnombredelbambino.es

ENDB-Poster

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Privacy Shield: accordo Europa – USA per il trattamento dei dati dei cittadini europei

Lo studio legale LETSLAW, socio della CCIS, presenta il nuovo accordo fra le due sponde dell’atlantico sul trattamento dati personali, che sostitisce il Safe Harbour

Dopo che la Corte di Giustizia Europea ha dichiarato invalidi, lo scorso 6 aootobre, gli accordi del Safe Harbor ritenendo che gli Stati Uniti non garantivano una corretta protezione dei dati personali degli utenti europei, la Commissione Europea e lo stato nordamericano hanno stipulato un nuovo accordo denominato Privacy Shield.

In base a questo accordo, le due parti stabiliscono un nuovo ámbito di protezione legale per il trasferimento internazionale dei dati personali dei cittadini dell’Unione Europea.

Contrariamente a quanto stabilito nel Safe Harbor, il Privacy Shield comprende una serie di obblighi più severi che dovranno rispettare le imprese statunitensi, nonché una maggiore vigilanza da parte del Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti (Federal Trade Commission – FTC), che comporterà una maggiore cooperazione con le Aautorità Europee di Protezione dei Dati.

In concreto, nel Privacy Shield sono state inserite le seguenti clausule:

(i) Le compagnie con sede nel USA dovranno sottostare a severi obblighi nell’ambito del trattamento dei dati personali di cittadini europei

In questo senso, si prevede che il Dipartimento di Commercio degli Stati Uniti eserciti un controllo affinché le compagnie statunitenti informino sul trattamento che stanno realizzando sui dtati personali dei cittadini europei e sulle garanzie per la corretta protezione dei loro diritti. La violazione di questo obbligo sarà sanzionata dalla Commissione Federale di Commercio.

Allo stesso modo, si stabilisce che le compagnie che realizzino trasferimenti internazionali di dati dall’Unione Europea dovranno compromettersi ad agire in conformità delle decisioni delle Autorità garanti europee.

(ii) l’accesso da parte delle autorità statunitensi ai dati personali trasferiti dall’Unione Europea sarà sottoposto a limiti, garazie e meccanismi di controllo 

Gli Stati Uniti hanno fornito agarnzie vincolanti all’UE sul fatto che le autorità americane avranno accesso ai dati personali di cittadini europei sono quando giustificato da motivi di sicurezza nazionale.  non ci saranno inoltre  attività di monitoraggio indiscriminato e non proporzionale.

Per garantire il compimento di questi obblighi, si prevede la convocazione di una riunione annuale tra gli esperti in sicurezza nazionale degli USA e le autorità europee di protezione dei dati.

(iii) I cittadini europei che ritengano i propri diritti violati negli Stati Uniti avranno diversi strumenti gratuiti di tutela

Nel caso in cui un cittadino europeo reclami l’uso improprio dei suoi dati personali, la compagnia oggetto dela reclamazione sarà obbligata a rispondere entro i termini stabiliti.

Allo stesso modo, sarà possibile per i cittadini europei richiedere consulenze o effettuare reclami attraverso la figura di un nuovo Difensore del cittadino specializzato in materia di protezione dei dati.

Al momento, l’accordo di Privacy Shield non è vincolante, dal momento che la Commissione Europea deve infromare il Gruppo Articolo 29 su tutte le questioni contemplate nell’accordo. In concreto, la commissione ha tempo fino al fine febbraio per consegnare al Gruppo  Articolo 29 tutta la documentazione inerente all’accordo di Privacy Shield.

Fonte: LETSLAW – www.letslaw.es

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X