L’Andalusia è la terza Comunità Autonoma spagnola per export

L’Andalusia è la terza Comunità Autonoma spagnola per export

Le esportazioni andaluse hanno raggiunto quota 2.519 milioni di Euro nel primo mese del 2018, superando i 2.500 milioni per la seconda volta nella storia, nonostante un lieve decremento rispetto a gennaio 2017 (il miglior risultato registrato dal 1995, il primo anno di cui si dispone dei dati). Anche le importazioni sono cresciute (+9,8%) fino a raggiungere i 2.710 milioni di Euro. Si registra quindi un tasso di copertura parti al 93%, contro l’85% della media nazionale. In generale, le esportazioni spagnole sono cresciute a gennaio del 6,5% (raggiungendo i 22,8 miliardi), mentre le esportazioni dell’8,9% (26,8 miliardi): conseguentemente si è registrato un saldo negativo pari a poco meno di 4 miliardi di Euro.

 

Con questi dati, l’Andalusia si è accreditata come la terza Comunità Autonoma spagnola per export, dietro a Catalogna (5,8 miliardi) e Comunità Valenziana (2,6 miliardi). Per quanto riguarda la composizione delle esportazioni, al primo posto troviamo legumi e verdure fresche (409 milioni di Euro – 16,2%) che registrano una diminuazione del 17,1% rispetto al 2017. Seconda posizione per combustibili ed oli minerali (333 milioni – 13,2%) che crescono del 22,2%. Salgono sull’ultimo gradino del podio di questo ranking i minerali, scorie e cenere (228 milioni – 9%), categoria cresciuta dell’1,7%.

 

Seguono le vendite di olio d’oliva, che, dopo essere cresciute fortemente negli ultimi anni, diminuiscono del 18%, e di frutta che invece crescono del 14%.

 

A gennaio 2018, sono cresciute le vendite all’estero nella metà delle province andaluse rispetto al 2017. Siviglia è la quarta provincia per export ed è quella che più cresce nel gennaio 2018 (+13%). La prima provincia è Huelva, che vede ridursi del 2,8% le proprie vendite all’estero. Secondo posto per Cadice (-0,3%) e terza posizione per Almería (-15,8%). Le quote percentuali di export per provincia risultano essere le seguenti: Huelva 23,7%, Cádiz 21,9%, Almería 17,2%, Siviglia 15,3%, Malaga 7%, Cordoba 6,9%, Jaén 4% e Granada 3,8%.

 

Cresce l’export verso cinque dei primi dieci Paesi di destinazione delle vendite andaluse. La Cina risulta essere il primo mercato non comunitario (139 milioni – 5,5% del totale e crescita del 15,2%), mentre il Marocco il mercato che più cresce in termini di importazioni dalla Comunità spagnola (121 milioni – 4,8% del totale e crescita del 35%). La Germania è il Paese che più importa dall’Andalusia (268 milioni – 10,6% del totale e crescita del 3,5%), seguito da Francia (260 milioni – 10,3% e diminuzione del 26,3%) e Portogallo (192 milioni – 7,6% e crescita del 16,2%).

 

Fonte: Moneda Única

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS a Granada per presentare le opportunità del mercato italiano a imprese e associazioni locali

La CCIS a Granada per presentare le opportunità del mercato italiano a imprese e associazioni locali

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) ha partecipato a un ciclo di incontri con operatori, imprese, istituzioni e associazioni della provincia di Granada per presentare le opportunità del mercato italiano e studiare possibili collaborazioni nell’ambito della formazione e la competitività delle imprese.

Gli incontri si sono tenuti i giorni 15 e 16 febbraio presso la sede della Camera di Commercio di Granada e hanno visto la presenza dei rappresentanti di imprese del settore agroalimentare interessate alle opportunityà d’affari in Italia, oltre agli esponenti dell’associazione dei giovani imprenditori della provincia di Granada, della federazione locale di turismo e strutture alberghiere, dei consigli comunali di Granada e Armilla, e del principale cluster tecnológico andaluso: On Granada Tech City.

Durante gli incontri, la CCIS ha presntato inoltre alcuni progetti finanziati dalla Commissione Europea nel settore agro-food, che vedono implicati sia giovani che aziende, con l’obiettivo di instaurare sinergie con imprese e istituzioni italiane con cui la CCIS collabora attivamente.

 

granada-1

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

“Encuentros de sabores mediterráneos”: un incontro d’eccellenza tra i sapori siciliani e andalusi

“Encuentros de sabores mediterráneos”: un incontro d’eccellenza tra i sapori siciliani e andalusi

Lo scorso 20 novembre si è inaugurata la II Settimana della Cucina Italiana con una cena d’autore presso la Fundación Cruzcampo a Siviglia.

70 invitati tra rappresentanti delle istituzioni locali e italiane in Spagna e della business community italo-spagnola hanno avuto l’opportunità di degustare un menú esclusivo preparato da due tra gli chef più prestigiosi al mondo: Pino Cuttaia, proprietario del ristaurante La Madia di Licata (Agrigento) e Julio Fernández Quintero, del restaurante Abantal di Siviglia. Tre stelle Michelines insieme che hanno proposto un maridage tra i sapori tipici della Sicilia de dell’Andalusia e che hanno voluto anche dare il proprio supporto al progetto  “100% auténtico“, per la valorizzazione del prodotto italiano autentico, che è stato presentato proprio in occasione della cena.

IMG-20171120-WA0041
Pino Cuttaia durante la cena “Encuentro de sabores mediterráneos”

Tra i presenti, Juan Espadas Ceja ed Enzo Bianco, sindaci di Siviglia e Catania, accompagnati dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino, il Segretario Generale della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, Giovanni Aricò, ed il Console onorario italiano a Siviglia, José Carlos Ruiz-Berdejo y Sigurtá.

IMG_20171121_190627

I due sindaci avevano firmato previamente un convegno di collaborazione tra le loro rispettive città, che prevede iniziative comuni di ambito culturale, accademico ed economico.

cena seviglia

La cena è stata  la prima di una serie di iniziative che vengono organizzate in occasione della seconda Settimana della Cucina Italiana nel mondo, il cui programma è disponibile nella pagina: www.semanacocinaitaliana.es/programa

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS partecipa a IMEX Andalucía

La CCIS partecipa a IMEX Andalucía

La più grande fiera di business internazionale in Spagna, organizzata da Extenda e Moneda Única, si svolgerà a Siviglia dal 3 al 4 dicembre 2014

Il 3 e 4 dicembre 2014 avrá luogo presso il Barceló Convention Center di Siviglia la prima edizione di IMEX Andalusia, la fiera di business internazionale organizzata da Extenda e Moneda Única.
L’evento riunirà agenti pubblici e privati attivi nel campo dell’internazionalizzazione e si svolgeranno più di 1.000 incontri d’affari.
In particolare, durante i giorni della manifestazione, gli operatori locali avranno l’opportunità di riunirsi con agenti commerciali di più di 40 mercati europei e extra-europei.

L’Italia sarà rappresentata dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna – CCIS-, presente attraverso il suo delegato per l’Andalusia Orientale e Extremadura, Avv. José Carlos Ruiz-Berdejo y Sigurtá.

Tutti gli operatori interessati ad avere maggiori informazioni circa le opporunità offerte dal mercato italiano ed i servizi della CCIS diretti alle imprese che desideraro entrare in contatto con distributori, agenti e partner commerciali in Italia, possono fissare un incontro personalizato con il delegato della Camera presso IMEX Andalucia attraverso il seguete link: http://www.imex.impulsoexterior.net/paises14a.html

L’Andalusia rappresenta la terza regione spangola in quanto al volume dell’export, a solo 0,5 punti dalla seconda (C. Madrid). Nel perido 2009-2013 ha registrato un incremento delle esportazioni del 79,4% , arrivado a toccare i 26.000 milioni di euro di vendite all’estero. Il settore agroalimentare è il più rilevante, essendo l’Andalusia la prima regione in Spagna per export di alimenti e bevande.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il mercato italiano protagonista a Siviglia

Il mercato italiano protagonista a Siviglia

Il segretario generale della CCIS, Giovanni Aricò, è stato uno dei relatori presenti alla giornata “Italia: un gran país, un gran mercado” organizzata dalla Camera di Commercio di Siviglia, in collaborazione con il Comune di Siviglia, per presentare le opportunità del mercato italiano agli imprenditori locali

 

Lo scorso 12 giugno, nella sede della Camera di Commercio di Siviglia, si è svolta la giornata “Italia: un gran país-un gran mercado”, un appuntamento per promuovere le opportunità del mercato italiano per il tessuto imprenditoriale della città andalusa, che è stato inaugurato da Pietro Sebastiani, Ambasciatore d’Italia in Spagna; Francisco Herrero León, Presidente della Camera di Commercio di Siviglia; José Antonio Vázquez Rosso, direttore Territoriale di Commercio e Delegato in Andalusia – ICEX; Luis Miguel Pons, direttore di Obra Social de la Fundación Cajasol; e Álvaro Portes, direttore territoriale per l’Andalusia e l’Estremadura di CESCE.

Nel suo intervento, Pietro Sebastiani ha evidenziato “le buone relazioni bilaterali tra Spagna e Italia, con un volume di interscambio commerciale tra i paesi che nel 2013 ha superato i 31 milioni di euro”, informando anche gli imprenditori presenti della celebbrazione di Expo Milano, che si terrà nel capoluogo lombardo il prossimo anno e si centrerà sull’alimentazione ela nutrizione. Un incontro, secondo l’Ambasciatore Sebastiani, “che risponde alla crescente attrazione, a livello mondiale, che esercita lo  stile di vita mediterraneo e la sua alimentazione. Spagna e Italia sono grandi ambasciatori di questo stile di vita e condividono grandi opportunità”.

 

Durante la giornata sono stati trattati vari temi relativi al mercato italiano. In particolare, Álvaro Portes ha spiegato l’evoluzione del rischio imprenditoriale in Italia, mentre che il Consigliere Economico Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, Marco Rusconi, e il direttore dell’ufficio dell’Agenzia Italiana del Commercio Estero (ICE) a Madrid, Marco Verna, hanno parlato  rispettivamente dell’evoluzione dele relazioni commerciali tra Italia e Spagna e gli aiuti istituzionali allo sviluppo di progetti di investimento.

 

Presente come relatore anche il segretario generale della Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna – CCIS –Giovanni Aricò, che ha illustrato i principali aspetti che differenziano il mercato italiano da quello spagnolo, così come qi servizi che la CCIS mette a disposizione degli operatori locali interessati a commercializzare i propri prodotti in Italia. Tra questi, la ricerca di partner commerciali e intermediari; la definizione di strategie di penetrazione e commercializzazione del prodotti nel mercato; la realización di azioni collaterali `per la promozione ed il testi del prodotto; servizi logistici integrati e accesso al finanziamento grazie agli accordi con le imprese e gli enti associati alla CCIS.

 

La chiusura dell’atto è spettata a Carlos J. Ruiz-Berdejo Sigurta Muchetti, console d’Italia a Siviglia e delegato della CCIS per l’Andalusia Occidentale e l’Estremadura.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Missioni imprenditoriali per la crescita in Andalusia e in Estremadura

Missioni imprenditoriali per la crescita in Andalusia e in Estremadura

Organizate dalla Commissione Europea, si terrano nelle città spagnole di Siviglia e Merida dal 2 al 4 aprile 2014

 

La Commissione Europea, attraverso la DG Imprese e Industria e il suo Vicepresidente Antonio Tajani, sta organizzando in Spagna, in collaborazione con l’Amministrazione spagnola, due Missioni per la crescita  nelle regioni spagnole dell’Andalusia ed Estremadura. L’obiettivo è quello di incoraggiare l’investimento e la crescita delle imprese europee, in particolare le PMI e facilitare le relazioni commerciali tra imprese europee ed extra-europee.

 

Le missioni si svolgeranno a Siviglia (2 e 3 aprile) e Mérida (4 aprile) e vedranno la partecipazione del Vicepresidente della Commissione Antonio Tajani, il Ministro dell’Industria, dell’Energia e Turismo, José Manuel Soria, il direttore dell’ICEX (España Exportación e Inversiones) e dei Presidenti delle regioni Andalusia e Estremadura. Saranno presenti anche imprenditori e rappresentanti di imprese, Camere di Commercio e Organizzazioni Imprenditoriali di diverse nazionalità.

 

Le missioni sono strutturate sotto forma di una conferenza plenaria , preceduta o seguita da Incontri B2B tra imprese europee ed extra europee. Gli incontri business-to-business si terrano la sera del 2 di aprile e la mattina del 3 a Siviglia e la sera del 4 aprile a Mérida.

 

I settori obiettivo indentificati per gli incontri sono:

 

B2B di Siviglia: Aereonautica, Agroalimentare, Biotecnologie e Salute, Energia Intelligente, Industria creativa, Medio-Ambiente, Edilizia, materiali da costruzione, Turismo e beni culturali, Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione.

B2B de Mérida: Alimentazione e Industrie ausiliari, Trasporto e logística, Energia Intelligente, Turismo, beni culturali e Medio-Ambientali, Bio-medicina e Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione.

 

È possibile consultare le informazioni dettagliate sulle iniziative e procedere alla registrazione per la partecipazione agli incontri B2B attraverso i seguenti link:

 

Siviglia, 2 e 3 aprile:

http://ec.europa.eu/enterprise/initiatives/mission-growth/missions-for-growth/antonio-tajani/europe/spain-andalucia/index_en.htm

 

Mérida 4 aprile:

http://ec.europa.eu/enterprise/initiatives/mission-growth/missions-for-growth/antonio-tajani/europe/spain-extremadura/index_en.htm

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X