Seconda visita del progetto PLVT a Perugia

Seconda visita del progetto PLVT a Perugia

I 13 professori partecipanti alla seconda visita del progetto PLVT sono stati a Perugia per prender parte ad una visita formativa di una settimana.

 

Il giorno 11 settembre i 13 professori coinvolti nel progetto PLVT – Utilizzazione dei prodotti tipici local come strumento per valorizzare il territorio, sono arrivati a Perugia ed hanno partecipato alla visita formativa di una settimana focalizzata sulla produzione di prodotti gastronomici locali.

 

Plvt700

 

Il progetto è stato organizzato dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), in collaborazione con Università dei Sapori, centro nazionale di formazione e cultura sull’alimentazione con sede a Perugia. Il progetto fa parte del programma europeo Erasmus + e, il suo obiettivo principale è quello di istruire attraverso due visite (la prima ha avuto luogo tra il 25 giugno e il 1 luglio) i professori circa l’utilizzazione di prodotti gastronomici locali come strumento di promozione e valorizzazione del territorio, al fine di trasmettere le conoscenze acquisite agli studenti degli istituti di provenienza dei professori.

 

PLVT1700

 

I docenti provenivano da tre diversi istituti professionali spagnoli del settore alberghiero e turistico: IES Diego de Praves (Valladolid), CIFP de Turismo y Hostelería de Cartagena (Cartagena) e CIFP Hosteleria y Turismo de Gijon.

 

La visita si è conclusa sabato 16 settembre. I professori hanno avuto l’opportunità di visitare varie imprese artigianali locali quali la Bottega Goretti, Urbani Tartufi e Malfuga, partecipando inoltre in diversi seminari gastronomici organizzati dall’Università dei Sapori.

 

PLVT2700

 

Durante la prima visita, realizzata a luglio 2017, i professori hanno avuto l’opportunità di assistere ad una presentazione dell’Itinerario Culturale Europeo “The Chocolate Way” e, hanno visitato le imprese artigianali local Artigiano Perugino” e Dulcinea (parte dell’itinerario Chocolate Way) e, il Museo del Cioccolato Perugina.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Incontro di orientamento con i partecipanti al progetto Spainergy

Incontro di orientamento con i partecipanti al progetto Spainergy

Giovedì 7 settembre 2017, i responsabili degli studenti del progetto Spainergy della CCIS hanno incontrato i partecipanti che prenderanno parte al flusso di mobilità di settembre.

 

L’incontro di orientamento è stato organizzato all’interno dello IES Juan Bosco (Alcázar de San Juan, Ciudad Real), una delle organizzazioni di invio degli studenti, per permettere agli stessi e ai professori tutor delle mobilità di comprendere il funzionamento del progetto, soprattutto circa questioni burocratiche (gestione dei documenti per validare la mobilità) e, pratico-logistiche (informazioni sull’impresa del tirocinio, date delle partenze, alloggio, ecc…).

 

Spainergy2700

 

L’incontro è stato utile per avere l’opportunità di conoscere personalmente gli studenti, le loro esigenze e dubbi, seguendoli nella fase di preparazione alla mobilità.

 

All’incontro hanno partecipato 3 studenti dello IES Juan Bosco ed i loro tutor.

 

Spainenergy ha l’obiettivo di incentivare l’occupazione giovanile nel settore della “green economy”. Per maggiori informazionin: Proyecto Spainergy

 

Spainergy700

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

3º Campionato spagnolo “Pizza por pasión” a Granada

3º Campionato spagnolo “Pizza por pasión” a Granada

Lunedì 2 ottobre 2017, nell’ambito della fiera Sabores de Nuestra Tierra (Complesso fieristico Santa Juliana di Armilla, Granada), si terrà il 3º Campionato spagnolo “Pizza por pasión”, organizzato dall’Università della Pizza Italiana nel Mondo (UPIM), con il patrocinio di Pizz@amore, Fermasa – Feria de muestras de Armilla ed Unità – Unione Italiana Costa del Sol.

 

Nell’ambito del Campionato si prevedono le seguenti categorie:
– Pizza classica;
– Pizza acrobatica;
– Presentazione;
– Pizza lunga;
– Velocità.

 

Per maggiori informazioni e per iscrizioni, contattare il Presidente di UPIM, Antonia Ricciardi, attraverso il numero di teléfono +34 667 081 570.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS aiuterà nel processo di internazionalizzazione PMI della Regione Lazio

La CCIS aiuterà nel processo di internazionalizzazione PMI della Regione Lazio

Nell’ambito dei Prospex – Progetti per la promozione dell’export, finanziati dalla Regione Lazio attraverso il programma POR FESR 2014-2020, è stato selezionato il progetto “Processo di internazionalizzazione delle PMI laziali nei mercati spagnolo, portoghese e marrocchino”, nel quale la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) sarà l’ente coordinatore.

 

Al progetto collaborano le Camere di Commercio Italiane di Portogallo e Marocco, Confartigianato Lazio e CBE Bélgica.

 

L’obiettivo del progetto è quello di supportare le PMI laziali del settore agroalimentare nel loro processo di internazionalizzazione ed entrata nei mercati spagnolo, portoghese e marrocchino.

 

Il progetto avrà una durata di 5 mesi e partirà il prossimo febbraio. Il numero di PMI italiane coinvolte varierà da 8 a 16, dipendendo dai risultati del processo di selezione che si concluderà il prossimo 31 ottobre, secondo le modalità indicate nella pagina web di Lazio Innova.

 

Le imprese interessate a partecipare sono pregate di consultare il vademecum allegato. Per maggiori informazioni, inviare un’email a: eudesk@italcamara-es.com

Vademecum

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Seminario “Compliance, nuevo reto para las empresas”

Seminario “Compliance, nuevo reto para las empresas”

Il giorno 22 settembre 2017, presso la sede dela Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), si terrà il seminario “Compliance, nuevo reto para las empresas”, organizzato da VVR Corporate & Compliance Solutions.

 

Il programma del seminario è il seguente:
9:00 – 9:15 h Registrazione dei partecipanti.
9:15 – 9:30 h Normativa attuale.
9:30 – 10 h La responsabilità penale delle persone giuridiche in Spagna vs. Italia.
10:00 – 10:30 h Necessità di elaborare Piani di prevenzione dei reati. È pronta la tua impresa?
10:30 – 10:45 h Compliance ed il suo inserimento all’interno della Responsabilità sociale dell’impresa.
10:45 – 11:15 h Compliance e nuove tecnologie (lezione di Berenger Briquez di TMC).
11:15 – 11:45 h Casi pratici.
11:45 h Caffé/Networking.

 

La partecipazione è gratuita, però, considerato che i posti sono limitati, si prega di confermare la propria presenza inviando la scheda di iscrizione allegata a begona.pardo@italcamara-es.com.

Scheda di iscrizione

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Victor Sarasola, nuovo Brand Country Manager di Alfa Romeo e Jeep in Spagna

Victor Sarasola, nuovo Brand Country Manager di Alfa Romeo e Jeep in Spagna

Victor Sarasola Ferrer (1975) è stato nominato nuovo Brand Country Manager di Alfa Romeo e Jeep in Spagna in sostituzione di Javier Marijuán, che assume l’incarico di Country Manager di Motor Village España.

 

Sarasola, laureato in Amministrazione e Direzione di Impresa all’Università di Barcellona, ha alle spalle una lunga carriera piena di successi professionali nel mondo dell’auto: il nuovo Brand Country Manager di Alfa ha infatti occupato posti di responsabilità, dal 1998 ad oggi, in marchi automobilistici come Honda, Skoda e Volkswagen.

 

Sarasola affronta ora una nuova sfida professionale a capo di uno dei marchi più importanti del gruppo FCA.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Evento moltiplicatore del progetto M.I.N.D. presso la sede della CCIS

Evento moltiplicatore del progetto M.I.N.D. presso la sede della CCIS

Il giorno Mercoledì 20 settembre 2017, alle ore 10, presso la sede della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (Calle Cristóbal Bordiú, 54, Madrid), si terrà l’evento moltiplicatore del progetto M.I.N.D. – Marketing, Internacionalización and Development.

 

Il progetto M.I.N.D., con una durata di 2 anni (2015-2017), è un’associazione strategica, nell’ambito del programma Erasmus, tra centri di formazione, autorità pubbliche regionali, Camere di Commercio ed imprese di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Turchia. L’obiettivo del progetto è quello di creare un ambiente nel quale si possano acquisire “Marketing Competences” attraverso un corso di formazione professionale per il profilo di Gestore di Marketing Internazionale in centri di formazione di tutta Europa.

 

Durante l’evento si condivideranno e mostreranno i risultati raggiunti con il progetto, tanto in Spagna, come negli altri Paesi soci, attraverso una presentazione delle attività sviluppate e dei risultati raggiunti.

 

Durante l’incontro verranno presentati i risultati divisi in sei fasi:
– Fase 1: qualificazione e definizione di un profilo comune europeo di International Marketing Manager;
– Fase 2-3: Mark.Ups (Marketing Upskilling Multimedia Product) e MARCO: creazione e sviluppo di una piattaforma di apprendimento;
– Fase 4: monitoraggio della piattaforma di apprendimento ed organizzazione di incontri formativi con esperti di marketing ed internazionalizzazione di imprese;
– Fase5: Visita di imprese ed elaborazione di un piano di internazionalizzazione;
– Fase 6: creazione del “Digital Book” del progetto.

 

Gli interessati a partecipare all’evento dovranno inviare compilato il seguente formulario online.

FORMULARIO

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Neptune Srl: un caso di successo nell’ambito del programa InnovAzione

Neptune Srl: un caso di successo nell’ambito del programa InnovAzione

Al termine di un processo di penetrazione nel mercato spagnolo, reso possibile grazie al lavoro della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) nell’ambito del progetto InnovAzione, la startup italiana Neptune Srl si è aggiudicata un contratto di ricerca fughe di acqua con il gestore idrico spagnolo Canal Isabel II. Neptune, impresa con sede a Latina (Lazio), fondata da Riccardo Marchetto e Giuseppe Michelini, utilizzerà il suo innovativo sistema di localizzazione di fughe di acqua attraverso l’analisi di immagini satellitari, che permette di conseguire un risparmio di tempo, risorse, rischi e costi rispetto alle tecnologie tradizionali. Il sistema di ricerca perdite verrà applicato a nord di Madrid, nei Paesi di Miraflores de la Sierra e Soto del Real. Controllerà, inoltre, il canal Santillana. Il tutto per una lunghezza complessiva di 280 km. L’area scelta è di particolare interesse in quanto è molto varia e comprende zone agricole ed urbane, permettendo quindi di testare pienamente il sistema di ricerca nella Penisola Iberica. Considerato l’elevato fattore innovativo, i tecnici di Neptune supporteranno gli operatori di Canal de Isabel II nelle prime indagini per dimostrare quanto la ricerca diventi così più veloce, economica e sicura.

 

Canal Isabel II è uno dei principali attori del settore idrico spagnolo e con i suoi 14 punti di captazione superficiali, 384 depositi e 17.434 km di rete idrica si occupa del ciclo integrale dell’acqua all’interno della Comunità di Madrid. Inoltre, è la società che controlla il gruppo Canal, che presta servizio a più di 9 milioni di abitanti tra Spagna ed America Latina.

 

Come già detto, Neptune si è avvicinata al mercato spagnolo grazie al programma InnovAzione, finanziato dal ministero dello Sviluppo Economico italiano e realizzato da Assocameraestero ed ICE – Agenzia italiana per la promozione del commercio estero, in collaborazione con le Camere Italiane all’estero. Il programma, la cui prima annualità si è conclusa nel mese di aprile, era diretto alle startup italiane interessate a penetrare nei mercati esteri. Nell’ambito di InnovAzione, la CCIS ha accompagnato Neptune nel processo di entrata nel mercato spagnolo, realizzando un’analisi di mercato sulle tecniche utilizzate in Spagna per la ricerca delle fughe idriche e sui principali competitors, cercando gestori interessati all’offerta ed organizzando un’agenda di incontri con i responsabili acquisti dei suddetti gestori.

 

Il contratto stipulato con Canal Isabel II sottolinea l’importanza di programmi che, come InnovAzione, appoggiano il processo di internazionalizzazione delle startup.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Spagna, le esportazioni di vino registrano il miglior primo semestre di sempre

Spagna, le esportazioni di vino registrano il miglior primo semestre di sempre

Le esportazioni di vino spagnolo hanno registrato il proprio miglior semestre della storia raggiungendo una cifra totale che supera il miliardo di Euro (1,3 mld) ed una crescita del 6%.

 

I dati di Aduanas, analizzati dall’Observatorio Español del Mercado del Vino (OeMV), indicano che, nonostante sia stato esportato meno vino in termini di volume (1,1 miliardi di litri, ossia -0,7% in termini relativi), la crescita del prezzo medio delle esportazioni spagnole (+6,7%) ha comportato un incremento rilevante del fatturato.

 

Sono cresciute anche le vendite del vino sfuso, che, insieme all’incremento del 5% delle vendite dei vini imbottigliati e del 24% degli spumanti e dei vini secchi, hanno fatto aumentare di 75 milioni di Euro il valore delle esportazioni. Questa crescita è stata guidata soprattutto dalla vendita di vini in Cina, Canada e Portogallo. Crescite più moderate si sono registrate invece negli Stati Uniti, in Francia ed in Germania.

 

L’incremento del valore delle esportazioni del vino spagnolo è dovuta a produzioni stabili, un migliore adattamento alle necessità dei mercati, una crescita continuativa dei vini imbottigliati, un miglioramento nella distribuzione, una diversificazione dei mercati ed un progressivo passaggio dal vino sfuso a prodotti di qualità e caratterizzati da un maggior prezzo medio.

 

ITALIA

Nel primo trimestre del 2017, le importazioni italiane di vino sono cresciute del 39,2% in termini di volume e del 15,4% in termini di valore, fino a raggiungere i 52 milioni di litri (+14,7 milioni) ed i 65 milioni di Euro (+8,7 milioni), ad un prezzo medio che è sceso del 17% (1,25€ al litro). Il vino sfuso, che ha trainato questa crescita, si consolida come il primo vino, costituendo l’82% in termini di volume ed il 40% in termini di valore delle importazioni italiane di vino. Il primo trimestre ha fatto registrare buoni risultati anche per i vini imbottigliati. Un lieve peggioramento va segnalato, invece, per quanto riguarda gli spumanti.

 

Fonte: Diario de gastronomía

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X