Convocazione del concorso “Prepara tu futuro-Jóvenes talentos de la cocina italiana”

Convocazione del concorso “Prepara tu futuro-Jóvenes talentos de la cocina italiana”

Si è aperta da poco la convocazione del primo concorso “Prepara tu futuro-Jóvenes talentos de la cocina italiana”, iniziativa che si inquadra nei progetti ITmakES Food&Wine, che punta a rafforzare la collaborazione in ambito gastronomico tra i due Paesi, e 100% auténtico, per la valorizzazione del prodotto agroalimentare italiano di qualità.

corso cucina

Il concorso “Prepara tu futuro-Jóvenes talentos de la cocina italiana”, è realizzato dall’Ambasciata d’Italia a Madrid, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana per la Spagna (CCIS) e con la prestigiosa Scuola Internazionale di Cucina italiana ALMA. I due migliori candidati, selezionati da chef italiani e spagnoli, critici gastronomici e personalità della stampa specializzata del settore, accederanno a un esteso programma di formazione professionale presso ALMA, completato da un periodo de stagea in noti ristorant italiani, che permetterà loro di ottenere un certificato professionale de livello avanzato in cocina italiana per sviluppare la loro carriera professionale in Spagna.

La convocazione rimarrà aperta fino al 21 gennaio 2018 e le iscrizioni possono essere realizzate attraverso la pagina http://itmakes.net/especiales/futuro/

Per maggiori informazioni: info.food-wine@itmakes.net

L’invito a partecipare al concorso viene da un membro della giuria molto speciale, lo chef bistellato Ramón Freixa (Video di presentazione):

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Just Italia alla Navideña Feria Internacional de las culturas 2017

Just Italia alla Navideña Feria Internacional de las culturas 2017

L’Ambasciata d’Italia in Spagna, in collaborazione con la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), gestisce uno stand alla Navideña Feria Madrileña Internacional de las culturas, che si terrà presso il Matadero (Paseo de la Chopera, 14, 28045 Madrid), dal 15 al 22 dicembre 2017. Il Comune di Madrid promuove questa fiera, che compie il suo terzo anno di vita e si pone l’obiettivo di festeggiare il Natale, celebrando tutte le culture del mondo.

 

Lo stand dedicato all’Italia vedrà la presenza dell’impresa Just Italia, socia della CCIS, che esporrà e venderà prodotti gastronomici italiani ai visitatori della fiera. Inoltre, il Belpaese sarà protagonista in due showcooking:

• Venerdì 15 alle 16:30, lo chef Alessandro Cresta preparerà “Buñuelos de castañas” con mousse di ricotta di pecora italiana e guanciale croccante. Si tratta di uno showcooking con musica, nel quale il gruppo Mundo Chillón accompagnerà lo chef con le proprie sinfonie;
• Lunedì 18 alle 15:15, lo chef Manfredi Bosco elaborerà una ricetta speciale: “Spaghetti con alici e mollica”. Al termine dello showcooking è prevista una degustazione.

 

Per maggiori informazioni sulla fiera: Navideña Feria Madrileña Internacional de las culturas 2017 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Presentazione #100Auténtico

Presentazione #100Auténtico

Immagini presentazione Progetto ¡100% Auténtico!

 

Video delle attività ¡100% Auténtico! svolte durante la II Settimana della Cucina italiana nel Mondo

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Ha inizio il progetto FP-MMM – Movilidad sector metalúrgico y mecánico para personal de FP

Ha inizio il progetto FP-MMM –  Movilidad sector metalúrgico y mecánico para personal de FP

Il 27 Novembre 2017 si è dato avvio al progetto Erasmus+ FP-MMM – Movilidad sector metalúrgico y mecánico para personal de FP (2017-1-ES01-KA102-036254) con durata di 12 mesi (27/11/2017-26/11/2018), coordinato dalla Camara di Commercio Italiana per la Spagna, in collaborazione con l’Agenzia Umbria Ricerche (AUR), organizazzione ospitante a Perugia, e la Camera di Commercio del Portogallo (CCIP), organizzazione ospitante a Lisbona.

Il progetto rientra nel programma Europeo Erasmus+ Mobilità di Studenti e Personale di Formazione Professionale KA102 e consiste nell’organizzazione di due visite di studio della durata di 5 giorni per docenti di istituti professionali spagnoli dei settori meccatronico, metallurgico, di manutenzione e programmazione industriale. Al progetto participeranno 36 professori divisi in due gruppi, 17 effettueranno una visita a Perugia e gli altri 19 a Lisbona. La mobilità fornirà ai professori la possibilità di acquisire nuove competenze professionali, attraverso un contatto diretto con imprese del settore metallurgico italiano e portoghese, godendo dell’opportunitià di vistare centri industriali e di ricerca innovati nel settore di riferimento. Ciò servirà non solo da esperienza formativa e di accrescimento professionale per i docenti, ma anche come strumento formativo.

Di fatto i professori una volta terminate le visite potrenno trasmettere le conoscenze acquisite sui concetti di innovazione e spirito imprenditoriale ai loro studenti, con il fine di accrescere la loro competitività nel mercato del lavoro. Il progetto intende anche promuovere diverse forme di educazione (formale, non formale e informale) e la mobilità come strumento formativo per offrire un sistema educativo più attrattivo.

 

Gli istituti partecipanti sono 8:
CIPFP Vicente Blasco Ibañez (Valencia); IES Juan Bosco (Alcázar de San Juan); IES Tirant; Lo Blanc (Gandia); IES La Marxadella (Torrent); IES 9 de Octubre (Carlet); IES Barajas (Madrid); IES Alarnes (Getafe); IES Arabista Riveira (Carcaixent).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Le imprese straniere migliorano le proprie aspettative di investimento in Spagna nel biennio 2017-2018

Le imprese straniere migliorano le proprie aspettative di investimento in Spagna nel biennio 2017-2018

La valutazione delle imprese straniere sul clima di affari in Spagna dimostra un miglioramento addizionale rispetto a quella dello scorso anno: secondo quanto si evince dalla decima edizione del “Barometro del clima degli affari in Spagna dalla prospettiva dell’investitore straniero”, i consolida quindi la tendenza di crescita iniziata nel 2014 e continuata nel 2015-2016, che rifletteva il recupero económico e l’uscita dalla crisi.

 

Il Barometro è stato pubblicato congiuntamente da ICEX – Invest in Spain, Multinacionales por marca España e l’International Center for Competitveness del IESE. In concreto, il clima di affari in Spagna è migliorato fino a raggiungre un punteggio medio di 2,92/5. Si sottolineano le buone prospettive degli investitori esteri su fatturato, occupazione ed esportazioni.

 

Secondo il Registro de Inversiones del Ministero dell’Economia, Industria e Concorrenza spagnolo, nel 2016, gli investimenti diretti esteri di carattere industriale, tecnologico di servizi, sono cresciuti del 2% fino a raggiungere una quota superiore ai 24,79 miliardi di Euro. Il 2016 è stato il quarto anno consecutivo nel quale sono cresciuti gli investimenti esteri in Spagna. Durante il primo semestre del 2017, gli investimenti diretti esteri sono cresciuti di 14,2 miliardi di Euro (+10% rispetto allo stessio periodo del 2016).

 

Il Barometro del 2017 è stato presentato Mercoledì 22 novembre presso il Ministero dell’Economia spagnolo, in una giornata durante la quale sono stati analizzati gli aspetti più rilevanti ed i principali risultati dello stesso.

– L’area più importante per gli investitori esteri è risultata essere, ancora una volta, quella del capitale umano.

– Le prospettive di investimento per l’anno che verrà sono ottime secondo gli investitori. Il 95% delle imprese interrogate, infatti, prevede di aumentare o lasciare invariati i propri investimenti in Spagna nel 2017.

– Le prospettive dell’occupazione sono molto positive e migliorano: le imprese che prevedono di mantenere la propria struttura in Spagna sono il95%, contro l’87 del 2016.

– Sono eccellenti anche le prospettive riguardanti il fatturato per il 2017: il 91% di imprese interpellate prevedono di veder crescere il proprio fatturato (nel 2016 erano l’84%).

´Per quanto riguarda il volume di export, più del 70% delle imprese straniere interpellate esportano a mercati terzi. Queste pensano che le proprie esportazioni crescano tra il 2016 ed il 2018. Solo il 3% delle imprese prevede che l’export diminuisca nel 2017.

Il Barometro ha raccolto in questa edizione le opinioni di 785 imprese estere, la valutazione e l’importanza che queste conferiscono al clima di affari in Spagna per quanto concerne il 2017. Il Barometro include anche le prospettive per i prossimi due anni. Questo permette di identificare, con una prospettiva di medio periodo, sia i punti di forza, che i prinicipali ambiti sui quali concentrare i maggiori sforzi.

 

Fonte: MonedaUnica.net

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Pubblicato il rapporto Mercasa sull’alimentazione in Spagna 2017

Pubblicato il rapporto Mercasa sull’alimentazione in Spagna 2017

Mercasa, impresa pubblica incaricata di promuovere la Rete di Mercasa, ha pubblicato una nuova edizione del Rapporto Alimentazione in Spagna, Produzione, Industria, Distribuzione e Consumo, corrispondente al 2017, il cui obiettivo è quello di contribuire ad una migliore conoscenza della realtà alimentare spagnola.
Rapporto Mercasa 2017: dati di sintesi

Principali risultati macroeconomici riguardanti agricultura ed allevamento nel 2016. Nel 2016, il valore della Produzione dell’industria agrícola spagnola è cresciuto fino a raggiungere i 43,8 miliardi di € (valori correnti a prezzi basici), il 2,9% in più rispetto al 2015.
Commercio estero agroalimentare. Le esportazioni agroalimentari, nel 2016, hanno registrato una crescita del 5,9% rispetto al 2015, raggiungendo quota 46,8 miliardi. Dal 2000, si è assitito ad una continua crescita delle esportazioni agroalimentari, eccezion fatta per l’anno 2009 (-0,3%). Negli anni successivi (2010, 2011 e 2012), le vendite all’estero sono cresciute circa dell’11%. Nel 2013 e 2014, invece, la crescita è risultata essere più moderata (+3,6% e +4,5%).
L’industria alimentare. L’industria dell’alimentazione e delle bevande ha consolidato la propria posizione come primo settore industriale per quanto riguarda la produzione, l’occupazione ed il commercio estero.
Struttura del commercio al dettaglio. Le attività di distribuzione commerciale hanno come finalità ultima quella di assicurare la fornitura di prodotti, specialmente quelli alimentari, ai consumatori. Si avverte così la significativa partecipazione delle attività alimentari al dettaglio nell’insieme della struttura distributiva. Sul totale delle imprese dedicate al commercio al dettaglio, il 21,4% si associa al commercio di alimenti e bevande in stabilimenti specializzati.
Consumo alimentare. La spesa totale in alimentazione e bevande è cresciuta nel 2016 fino a raggiungere i 102,2 miliardi di Euro.
 
Puoi consultare il rapporto completo di Mercasa Alimentación en España 2017 cliccando qui: http://xn--alimentacionenespaa-d4b.es/ae/

 

Fonte: Diariodegastronomia.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Grande successo delle iniziative legate alla II Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

Grande successo delle iniziative legate alla II Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

 

Si è conclusa lo scorso 26 novembre la II Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che è stata il trampolino di lancio del progetto ITmakES Food&Wine, ideato dall’Ambasciata d’Italia in Spagna in collaborazione con la Fondazione Symbola e sviluppato con il supporto della CCIS, con l’obiettivo di valorizzare i principi etico-sociali che ispirano la cultura enogastronomica di Italia e Spagna – dalla salute alla sostenibilità, dall’inclusione sociale alla legalità, dalla tutela dei territori all’innovazione –  e creare opportunità per giovani professionisti del settore, scommettendo sulla formazione.

Sono state più di venti le iniziative che si sono svolte nell’ambito di questo grande evento, che hanno coinvolto diversi chef “stellati” italiani e spagnoli.

Tra queste va ricordata la cena “Encuentro de sabores mediterráneos”, che ha aperto il programma delle attività e che si è svolta presso la sede della Fundación Cruzcampo a Siviglia. L’innovatore per eccellenza della cucina sivigliana, lo chef Julio Fernández, ed il maestro della tradizione siciliana, Pino Cuttaia, hanno elaborato un maridage tra le due cucine che è stato fortemente apprezzato dai numerosi commensali presenti. Tra questi anche i cui sindaci di Catania e Siviglia, che hanno firmato con l’occasione un accordo di gemellaggio e di collaborazione tra le due città.

cena Sevilla 3

Il 21 novembre è stata la volta di ITALIA.eat, l’iniziativa organizzata dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) e l’Agenzia Nazionale per il turismo (ENIT), in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Spagna,  per promuovere la gastronomia italiana e sensibilizzare i consumatori ed operatori del settore agroalimentario sull’uso dei prodotti italiani autentici. I locali de El Paracaidista, nel centrico quartiere di Malasaña a Madrid, hanno acconto durante 6 giorni una serie di attività legate alla gastronomia, tra cui le mastercass del maestro pizzaiolo Fabio Cristiano e dello chef Marcello Leoni, gli showcooking e degustazioni preparate dallo chef Alessandro Cresta, dell’impresa Mo’ better Food., che ha letteralmente “occupato” la cucina de El Paracaidista preparando durante l’intera settimana menú d’autore per promuovere la cucina creativa italiana e che hanno riscosso un notevole successo tra i presenti che ogni giorno hanno affollato il ristorante PARQ.

leoni-900

Sempre nell’ambito di ITALIA.eat è stato allestito uno spazio espositivo dedicato alla gastronomía italiana, con l’obiettivo di promuovere il progetto “100% auténtico” per la valorizzazione dei prodotti italiani DOP e IGP. In questo spazio sono stati anche esposte alcune delle marche più emblematiche del settore agroalimentare italiano, quali Aperol-Campari, Nutella – Ferrero, Negrini e Villa Massa.

popup900

C’è stato anche spazio per attività più prettamente culturali, con la proiezione di due film italiani in qualche modo legati alla gastronomía (La cena di Ettore Scola e Pane Amore e Fantasia di Luigi Comencini) nell’ambito della rassegna “Saboreando el séptimo arte”, che si è svolta durante il weekend nella sala cinematografica de El Paracaidista.

Il 21 novembre è stato anche la volta del concorso “joven catador en vinos italianos“, con la presenza di Luca Gardini, miglior sommelier del mondo nel 2010, tra la giuria, che ha premiato 3 giovani spagnoli che potranno realizzare un periodo di formazione presso la Scuola Internazionale di Cucina ALMA nei prossimi mesi.

concorso

Non poteva mancare, inoltre, un omaggio all’ambasciatrice della gastronomia italiana, la pizza, un piatto che è allo stesso tempo tradizione, arte e passione e che può anche essere alta cucina. Il maestro pizzaiolo napoletano, Fabio Cristiano, e il più volte campione del mondo nell’arte della pizza, lo spagnolo Jesús Marquina, si sono incontrati il 21 novembre nel ristorante Kilómetros de Pizza di Madrid per svelare le varie sfumature del piatto più emblematico della cucina italiana e per presentare la candidatura dell’“Arte dei pizzaiuoli napoletani” a Patrimonio Immateriale dell’Unesco. L’evento è stato anche l’occasione per presentare il progetto “100% autentico” ai giornalisti ed operatori del settore enogastronomico presenti.

100AutenticoInsta4

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo è proseguita con l’iniziativa Buen@provecho – La comida no tiene desperdicio, nella quale lo chef campano Alfonso Caputo ha preparato il 22 novembre un menù speciale nella mensa sociale della “Hermandad del Refugio”, ubicata nel centrale quartiere di Malasaña, utilizzando eccedenze alimentari raccolte il giorno prima dai volontari della ONG Equoevento nei mercati comunali di Madrid. In questo modo si è voluto sostenere la lotta contro gli sprechi alimentari come fattore di coesione sociale, uno dei grandi temi del progetto ITmakES Food&Wine.

Il 24 novembre invece è stata la volta del progetto Special Cook – Tu salud en tu plato L’Ospedale Universitario del Tajo di Aranjuez (Madrid), è stato lo scenario di un evento che ha visto come protagonisti due giovani chef italiani – Stefano de Venuto della Trattoria di Brera di Madrid e Paolo Valentino del ristorante Il Liberty di Milano – che si sono  sfidati nella preparazione di piatti di alta cucina seguendo le prescrizioni mediche dell’Ospedale, davanti a una giuria speciale composta da pazienti della struttura e presieduta dallo chef Fernando del Cerro. L’iniziativa, svolta in collaborazione con l’associazione italiana di volontariato Officine Buone, ha voluto promuovere tra il numeroso pubblico presente, tra giornalisti e operatori sanitari, l’importanza di un’alimentazione sana, contribuendo a rendere più piacevole la permanenza in ospedale.

special-cook

Nella stessa giornata, il tema dell’innovazione è stato invece affrontato a Barcellona, dove il conduttore di Hell’s Kitchen Italia e per sei edizioni giudice di Masterchef Italia, Carlo Cracco e lo chef catalano Artur Martínez hanno conversato con gli studenti del Master in Food Design dell’Istituto Europeo di Design – IED.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Buyer spagnoli incontrano imprese italiane della meccanica e meccatronica a Reggio Emilia

Buyer spagnoli incontrano imprese italiane della meccanica e meccatronica a Reggio Emilia

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), in collaborazione con la la Camera di Commercio di Reggio Emilia, ha organizzato una missione commerciale per 8 importatori e distributori di prodotti dell’industria meccanica e della meccatronica, che hanno avuto l’opportunità di realizzare incontri b2b con 14 imprese reggiane i giorni 21 e 22 novembre.

Il primo giorno gli incontri si sono tenuti presso la sede della CCIAA di Reggio Emilia, dopo che il presidente della menzionata Camera, Stefano Landi, insieme ai rappresentanti della CCIS, Simone Ferrali ed Elena Volterrani, presentassero le caratteristiche e le opportunità del mercato spagnolo nei settori di interesse degli operatori presenti. Il giorno successivo sono state organizzate visite alle sedi delle imprese locali interessate a stabilire contatti commerciali con i buyer.

missione-reggio-900

Il mercato spagnolo è particolarmente rilevante per le imprese della provincia emiliana. Il valore delle esportazioni locali in Spagna nei settori della meccanica e meccatronica supera i 215 milioni di euro (dati 2016), che corrispondono a quasi il 40% del volume totale nazionale (575 milioni di euro, con un incremento annuale del 12,9%).

 

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X