Desayuno Europeo: “Spagna HUB europeo per l’America Latina”

Desayuno Europeo: “Spagna HUB europeo per l’America Latina”

Il prossimo appuntamento con il “Desayuno Europeo de la Innovación” si terrà il 26 maggio alle ore 9:30 nella sede della Rappresentazione della Commissione Europea a Madrid

Si terrà il 26 maggio alle ore 9:30 il tradizionale appuntamento con il “Desayuno Europeo de la Innovación”, organizzato dalle Camere Europee in Spagna presso la sede della Rappresentazione della Commissione Europea a Madrid (Paseo de la Castellana, 46).

In questa occasione il tema sarà “Spagna HUB europeo per l’Amera Latina: opportunità di accesso e vie di finanziamento”.

Gli stretti vincoli culturali, storici e linguistici tra Spagna e la maggioranza dei paesi dell’America Latina sono stati alla base dell’espansione economica sperimentata dal paese iberico nella regione a partire dagli anni ’90 del secolo scorso, soprattutto nei settori dei servizi finanziari, turismo, teleconomunicazioni, infrastruttture ed energia. In questo modo, la Spagna si è convertita in un’importante piattaforma per le imprese interessate ad accedere ai principali mercati latinoamericani.

Nei prossimi giorni verrà pubblicatoil programma dell’evento con la lista dei conferenzianti.

Si tratta di un evento esclusivo per i soci delle Camere Europee in Spagna , di cui fa parte la CCIS.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: begona.pardo@italcamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Bilancio altamente positivo per la delegazione italiana presente al Salón de Gourmets di Madrid

Bilancio altamente positivo per la delegazione italiana presente al Salón de Gourmets di Madrid

La qualità e il numero di visitatori professionisti che sono accorsi al principale evento fieristico in Spagna dedicato alla gastronomia típica e di qualità sonostati motivo di grande soddisfazione per le imprese presenti all’interno dell’Area Italia della CCIS

 

Si è conclusa lo scorso 27 aprile la XXXI edizione del Salone Internazionale del Club de Gourmets, la principale fiera in Spagna dedicata alla gastronomia tipica e di qualità.

Durante le 4 giornate in cui si è svolta la manifestazione circa 90.000 operatori del settore hanno visitato i quattro padiglioni allestiti per l’occasione con espositori nazionali ed internazionali.

Il bilancio di questa edizione del Gourmets è stato altamente positivo per le 14 imprese italiane che hanno esposto all’interno dell’Area Italia gestita dalla Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna – CCIS, in collaborazione con ICE Agenzia per il Commerico Estero, grazie sopratttutto alla presenza di importanti imprese di distribuzione e importazione ed il grande interesse che hanno suscitato i prodotti presentati.

 

Questi ultimi sono stati gli autentici protagonisti dell’area espositiva dedicata alle eccellenze italiane. La loro presenza ha testimoniato degnamente la varietà e la qualità dell’enogastronomia del Belpaese. (Clicca qui per visualizzare il catalogo delle imprese e dei prodotti presenti nell’Area Italia).

 

L’Area Italia è stata inaugurata il 24 aprile dal Ministro spagnolo di Agricultura, Alimentazione e Turismo, Isabel García Tejerino, l’Ambasciatore Stefano Sannino ed il presidente della CCIS, Marco Pizzi, in una cerimonia che ha visto anche la presenza del Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, il Direttore dell’ufficio ICE di Madrid, Marco Verna, il Consigliere Economico Commerciale dell’Ambasciata d’Italia, Simone Turchetta e numerose autorità e operatori locali invitati dagli organizzatori.

gourmets-final-900
Il ministro Isabel García Tejerino durante l’inaugurazione dell’Area Italia

Come negli anni precedenti, anche in questa edizione la CCIS ha organizzato un ricco programma di showcooking e degustazioni all’interno della stessa “Area italia”, per far conoscere alcuni dei prodotti più emblematici della cucina italiana e degustare ricette tipiche regionali. In particolare, il 25 aprile è stata organizzata una degustazione dei vini italiani che hanno ottenuto il “Bacchus de oro” nel prestigioso concorso internazionale Bacchus 2017. Inoltre, hanno riscosso notevole successo gli showcooking degli chef Alessandro Cresta, che ha proposto un’interessante combinazione tra musica e gastronomía italiana e Alessandro Chiappini, che ha preparato una squisita ricetta a base di cavatelli. All’interno dell’Area Italia, Jesús Maquina, conosciuto come Marquinetti, 5 volte campione del mondo di pizza ha presentato il suo libro “La Pizza es Alta Cocina” in cui sottolinea l’alta qualità ed i benefici di uno dei prodotti simbolo della tradizionale gastronomica italiana.

 

gourmest-final-900-2
Lo showcooking dello chef Alessandro Cresta

 

La prossima edizione del Salón de Gourmets si svolgerà dal 7 al 10 maggio 2018.

 

 

Video della partecipazione italiana alla XXXI edizione del Salón de Gourmets.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il premio letterario “Terra di Guido Cavani” arriva a Madrid

Il premio letterario “Terra di Guido Cavani” arriva a Madrid

La CCIS ospiterà il prossimo 8 giugno, presso la propia sede, la riunione della giuria per la lettura e valutazione dei testi a concorso.

 

Il premio letterario Terra di Guido Cavani sbarca a Madrid. Il prossimo 8 giugno, infatti, presso la sede della Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna (CCIS), verrà organizzata la giornata dedicata alla lettura e la valutazione da parte della giuria dei testi degli autori finalisti selezionati per la sezione “Racconti Brevi”.

Giunto alla terza edizione, questo progetto culturale, organizzato da APS il Mondo dello Scrittore Network, APS CSGR Pazzano e Associazione Culturale Passione Lettura, mira alla scoperta e valorizzazione di autori esordienti ed emergenti, nel campo della letteratura, e la contemporanea divulgazione delle peculiarità artistiche, enogastronomiche, turistiche e culturali dei territori.

La tappa di Madrid si unisce pertanto a quelle previste durante il mese di giugno nelle province di Pisa e Modena, dove verranno valutati i racconti corrispondenti alle altre modalità  in concorso.

 

Per maggiori informazioni sul premio: http://www.terradiguidocavani.com/

 

premio-letterario900

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Gli investimenti alberghieri in Spagna raggiungono per il secondo anno consecutivo i 2.000 milioni di Euro

Gli investimenti alberghieri in Spagna raggiungono per il secondo anno consecutivo i 2.000 milioni di Euro

I risultati pubblicati nel rapporto “Expectativas 2017: The Experience Revolution”, elaborato da Deloitte, mettono in evidenza il momento positivo che attraversa l’industra turistica espagnola.

 

Tra i principali indicatori che confermano la buona salute del settore turistico, gli investimenti alberghieri hanno raggiunto, nel 2016, per il secondo anno consecutivo, i 2.000 milioni di Euro. Il settore risulta quindi essere molto attrattivo per gli investitori.

 

Per quanto riguarda la tipolgia, gli investimenti immobiliari (SOCIMIS, REITS e fondi specializzati) sono stati nel 2016 i più attivi (48% degli investimenti totali).

 

Per zona geografica, Madrid è stata la regione che ha registrato il maggior volume di investimenti, concentrando il 43% del totale, seguita dalle Isole Canarie (23%) e dalla Catalogna (15%). Gli investitori continuano a mostrare interesse verso le città che sono considerate molto attrattive per la loro componente urbano-vacanziera e business-leisure.

 

Il buon momento del turismo in Spagna si riflette nei risultati dell’inchiesta del rapporto per quanto riguarda i dirigenti di primo livello delle imprese più rilevanti del settore turistico, includendo più di 50 membri dei comitati esecutivi degli agenti più importanti.

 

Sebbene il sondaggio dello scorso anno mostrasse la fiducia di questi dirigenti per quanto riguarda la crescita dell’industria, un 73% degli intervistati considera che l’evoluzione del settore nel 2016 è stata migliore di quella sperata. Anche le aspettative di crescita economica in Spagna sono migliori di quelle previste a livello globale e questo si ripercuoterà sullo sviluppo del settore turistico.

 

Per quanto riguarda il 2017, per il 28% dei CEO, si manterrà il livello di crescita del 2016.

 

I risultati dell’inchiesta manifestano la convinzione generale secondo la quale il turismo legato al tempo libero ed ai viaggi di affari crescerà almeno quanto nel 2016.

 

Fonte: Diario de Gastronomia

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

SPAINERGY

SPAINERGY

Cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Erasmus+, il progetto SPAINERGY mira a promuovere l’occupazione giovanile nel settore della “green economy”.

In particolare, SPAINENERGY darà la possibilità ai giovani studenti spagnoli selezionati di acquisire importanti competenze professionali, attraverso la realizzazione di stage di tre mesi in aziende attive in settori relazionati all’economia verde (energie rinnovabili, riciclaggio,ecc.) e con sede in uno dei seguenti paesi europei: Portogallo, Italia, Danimarca, Germania e Bulgaria.

Read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Fiat Professional presenta il primo progetto di Van Sharing destinato alla ricostruzione delle zone colpite dal terremoto

Fiat Professional presenta il primo progetto di Van Sharing destinato alla ricostruzione delle zone colpite dal terremoto

Fiat Chrysler Automobiles con il marchio Fiat Professional, in collaborazione con la Regione Lazio, la Protezione Civile, l’Ufficio Speciale Ricostruzione Lazio e grazie alla fondamentale partnership con Morini Rent, vuole essere vicino alle popolazioni colpite dal terremoto in Centro Italia e – attraverso il progetto “Fiat Pro ricostruzione. Insieme per ricominciare” – mette a disposizione una flotta di veicoli per offrire un aiuto concreto a chi ne ha bisogno e contribuire fattivamente alla ricostruzione del tessuto economico delle zone terremotate.

 

Il progetto è stato presentato lo scorso 24 aprile ad Amatrice (Rieti) da Domenico Gostoli, Responsabile per la regione EMEA del brand Fiat Professional che – alla presenza dell’Assessore Infrastrutture, Politiche abitative, Enti Locali della Regione Lazio, Fabio Refrigeri, del Sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, del direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione Lazio, Stefano Fermante e di Fabio Bigo, Amministratore Delegato MORINI S.P.A – ha consegnato alla popolazione, alle imprese e alle aziende una flotta di dieci mezzi Fiat Professional per riavviare la ripresa economica, sociale e culturale delle zone colpite dal sisma. La flotta (composta da tre pickup Fullback, sei Talento e un Ducato) sarà a disposizione gratuita di piccole imprese, artigiani, scuole, associazioni sportive e di tutti i cittadini coinvolti in progetti finalizzati alla ricostruzione. Una forma di van sharing che rappresenta una nuova proposta di utilizzo dei veicoli commerciali. Alla cerimonia di consegna ad Amatrice era presente anche il noto presentatore TV Marco Berry che ha realizzato un reportage sull’iniziativa.

 

In questo contesto, la presenza di Fiat Professional con un’iniziativa di aiuto specifica è un’ulteriore dimostrazione di come il marchio che contraddistingue i veicoli commerciali di FCA è una realtà fatta di professionisti che sono sempre al servizio dei professionisti con fatti concreti nel momento del bisogno, sia grazie alla professionalità e alla passione di tutte le persone che lavorano in Fiat Professional, sia grazie a una gamma ampia e completa per qualunque esigenza di trasporto, con veicoli progettati per contenere consumi e costi di esercizio, massimizzando la redditività.

 

Con il progetto “Fiat Pro ricostruzione. Insieme per ricominciare” sarà possibile usufruire, per un giorno, di un mezzo della flotta Fiat Professional, scegliendo il più adeguato alle proprie necessità. Ogni persona potrà avvalersi del servizio due volte ogni sette giorni. È già possibile fin d’ora prenotare i veicoli destinati a questo innovativo servizio di van sharing telefonando al numero verde 800.800.008, per poi ritirarli ad Amatrice in piazza del Donatore dove sarà allestito uno spazio dedicato e itinerante, che prevede l’esposizione di tutti i mezzi messi a disposizione e di un container dove i cittadini potranno trovare, in qualunque momento, personale disponibile per informazioni e noleggio.

 

Morini Rent, il rinomato gruppo italiano nel campo del noleggio di veicoli commerciali è partner operativo di questo speciale progetto e rinnova il suo legame con il Brand Fiat Professional.

 

Morini Rent, con una flotta attiva di più di 2.500 veicoli, è da quasi 70 anni il punto di riferimento di chi ha necessità di noleggiare veicoli commerciali: il gruppo, infatti, garantisce un servizio di noleggio a breve e medio termine affidabile e veloce, grazie al know how di professionisti qualificati e ai 40 Morini Point, la rete capillare di filiali sul territorio italiano.

 

Nel dettaglio, i mezzi a disposizione sono un Ducato Furgone a passo lungo, quattro Talento Furgone, due Talento Combi, un Fullback Cabina estesa e due Fullback Doppia Cabina. Inoltre, al servizio degli utilizzatori ci saranno alcuni consulenti in grado di consigliare il modello più adatto alle diverse esigenze.
Fullback e Talento sono le ultime novità della gamma Fiat Professional, un pick up e un nuovo veicolo funzionale che s’affiancano al Ducato, il best seller che ha di recente festeggiato 35 anni di successi.

 

“Fiat Pro ricostruzione. Insieme per ricominciare” è un forte contributo di solidarietà sociale, ma soprattutto di servizio e di coesione territoriale, che conferma l’impegno di FCA nel supporto umanitario, tecnico ed economico verso le popolazioni in difficoltà. L’iniziativa va ad aggiungersi ad altri progetti già avviati nei mesi scorsi, come per esempio: la raccolta fondi attraverso la Croce Rossa Italiana; la sospensione del pagamento delle rate e dei canoni per tutti i contratti di finanziamento, leasing e noleggio sottoscritti dagli abitanti dei territori interessati dal sisma grazie a un programma di solidarietà studiato con FCA Bank per coloro che nelle zone interessate hanno visto la propria vettura danneggiata o distrutta; il contributo fino a 1.500 euro offerto da Mopar ai residenti delle zone terremotate sui ricambi utilizzati negli interventi di ripristino delle vetture danneggiate dal sisma.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’Italia al quarto posto per volume di arrivi di turisti nelle Isole Baleari

L’Italia al quarto posto per volume di arrivi di turisti nelle Isole Baleari

Durante un incontro organizzato il 20 aprile a Palma di Maiorca da Hundredrooms e Amaiorca sono stati analizzati i dati e le caratteristiche dei flussi di turisti italiani nelle Baleari.

 

Il turismo italiano si posiziona al quarto posto per volume di arrivi di turisti nelle Isole Baleari, secondo i dati forniti dall’istituto spagnolo di statistica INE. Risulta in particolare che Ibiza e Formentera sono le destinazioni preferite. Tuttavia, il profilo del turista italiano è ancora piuttosto sconosciuto. A questo proposito, Hundredrooms e Amaiorca hanno organizzato l’Hundredmeets “Turisti italiani nelle Isole Baleari: tra mito e realtà”.

 

Lo scopo dell’evento è stato quello di comprendere, insieme a professionisti del settore, quali sono i comportamenti e le caratteristiche dei turisti italiani nelle Baleari, cosa cercano e quali sono i motivi che li spingono a recarsi in questi luoghi meravigliosi.

 

Il dibattito si è svolto negli uffici di Hundredrooms a Palma di Maiorca, è stato moderato da Veronica Rossello, Head of Communications della start up maiorchina associata alla CCIS. L’incontro ha visto gli interventi di Claudia Loiacono e Mary Marchesano, fondatrici delle agenzie Yuppidea e Amaiorca, e della guida turistica Marisé Bosch.

 

Attraverso uno studio congiunto di Yuppidea e Hundredrooms sulle abitudini turistiche si è riscontrato che:
– Di tutto il turismo italiano nelle Baleari, il 90% è interessato a vedere anche Maiorca
– Il 70% dei viaggiatori italiani nelle Baleari sono donne, rispetto a un 30% rappresentato dagli uomini, la cui età è compresa per la maggior parte tra i 30 e i 39 anni.
– Di questi turisti, il 63% vive nell’Italia settentrionale, il 26% proviene dalle regioni centrali e solo l’11% dal Sud.

 

Dal sondaggio, integrato con dati Istat riferiti al 2016, si rileva che il volume dei viaggi degli italiani è aumentato del 13,7% rispetto al 2015. Inoltre, su oltre 66 milioni di prenotazioni effettuate dagli italiani nel 2016 per le proprie vacanze, il 12% ha visto protagonista la Spagna, meta preferita per i viaggi lunghi all’estero. Dato interessante quello riguardante il periodo invernale: il 23,8% dei viaggi all’estero degli italiani tra gennaio e marzo è proprio in Spagna.

 

Secondo i dati del ministero spagnolo dell’Energia e del Turismo, nel 2016 gli italiani che hanno visitato la Spagna sono stati 3.733.716, registrando un aumento del 5,6% rispetto all’anno precedente. In particolare le Isole Baleari rappresentano la seconda destinazione più richiesta dai turisti europei. Secondo l’Istituto di Statistica delle Isole Baleari, nel 2016 sono giunti 15.402.120 viaggiatori, di cui 689.801 (il 5,6% in più rispetto al 2015) provenienti dall’Italia.

 

La maggior parte dei turisti visita Maiorca durante l’estate. Non a caso, il 52% del turismo italiano si concentra nel periodo estivo. Malgrado il 31% dei viaggiatori punti alle spiagge, a rigor di cronaca, bisogna anche dire che esiste una parte importante di italiani che viaggiano a Maiorca dedicandosi ad attività che non implichino necessariamente il mare e la spiaggia. Il 33% degli italiani, infatti, è attratto dalle bellezze architettoniche e naturalistiche dell’Isola, mentre il 29% predilige shopping, cultura e scoperta della gastronomia locale.

 

Uno degli obiettivi delle fondatrici di Amaiorca, Claudia Loiacono e Mary Marchesano, è infatti quello di attrarre gli italiani a Maiorca anche durante il periodo invernale, perchè Maiorca non è solo playa e discoteche. “Gli italiani non cercano solo spiaggia e feste, ma anche contatto con la natura e bellezza dei paesaggi. La scoperta di luoghi autentici e le tradizioni dell’isola sono il vero punto di attrazione”, ha dichiarato Claudia Loiacono. Una delle problematiche maggiori, però, è quella di destagionalizzare l’offerta attraverso la disponibilità di voli che collegano l’Italia alle Baleari tutto l’anno. “Ad oggi per gli italiani non è molto comodo recarsi alle Baleari d’inverno – ha aggiunto Mary Marchesano – i voli disponibili sono pochi, cari e con scalo”.

 

Durante l’evento sono emerse riflessioni anche sul turismo di lusso a Maiorca. Secondo Mary Marchesano sull’Isola vi è un tendenziale aumento di italiani che cercano questo tipo di esperienza all’insegna del lusso. “Si tratta ancora di una nicchia – ha commentato la co-fondatrice di Amaiorca – ma per chi lavora nel settore del turismo è importante intuire le nuove possibilità che offre il mercato”.

 

Osservazioni interessanti sono state fatte anche da Marisé Bosch, che lavora come guida turistica a Maiorca dal 1987. Secondo l’esperta, “vi è un aumento di italiani che viaggiano anche in inverno e prediligono itinerari di montagna”. Inoltre, “gli italiani non vogliono sentirsi turisti, ma vogliono essere trattati come locali – ha aggiunto Bosch -. Spesso mi chiedono suggerimenti su attività ed esperienze non turistiche che si possono fare a Maiorca”.

 

“Il turista italiano – racconta la guida turistica – è cambiato molto negli anni, è diventato più indipendente. Se prima preferiva prenotare pacchetti già organizzati attraverso le agenzie, oggi preferisce una gestione più autonoma del proprio viaggio”.

 

Non a caso, sono aumentate negli ultimi anni le prenotazioni online di appartamenti e case vacanze, che garantiscono maggiore autonomia e permettono ai turisti di vivere un’esperienza più autenticamente locale. L’aumento registrato nel 2016 è del 30% rispetto all’anno precedente. Risulta in crescita anche l’abitudine di informarsi sugli alloggi: il 37% dei turisti cerca informazioni su siti di viaggi e il 34% lo fa per mezzo dei social network.

 

In relazione al periodo di pianificazione della vacanza, gli italiani preferiscono le prenotazioni “last minute”, con meno di un mese di anticipo (57%), anche se sono sempre di più i turisti che iniziano a informarsi dai 3 ai 6 mesi prima della vacanza (43%). La maggior parte di questi (54%) utilizza spesso un comparatore di alloggi turistici come Hundredrooms, dato che offre la possibilità di risparmiare fino al 30% su uno stesso appartamento. Il prezzo, infatti, è molto importante per coloro che viaggiano dall’Italia alle Baleari: il 46% dei turisti italiani cerca di spendere meno di 50 euro a notte per il pernottamento, rispetto al 41% che invece è disposto a spendere tra i 50 e i 100 euro, e il 13% che, infine, spende oltre 100 euro a notte.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Pubblicate le nuove schede Paese Spagna e Italia

Pubblicate le nuove schede Paese Spagna e Italia

La CCIS ha pubblicato le schede informative sui mercati spagnolo e italiano relative all’anno 2016.

Queste pubblicazioni, aggiornate annualmente dalla Camera, offrono una panoramica generale sull’andamento delle due economie, con informazioni sulla struttura dei mercati, i dati sul commercio estero e gli investimenti, i principali aspetti della normativa societaria e gli indirizzi utili per gli operatori dei due paesi.

 

È possibile scaricare le due schede cliaccando sulle immagini corrispondenti:

 

Scheda-Spagna-2016defcontorno     Ficha-Italia-2016defcontorno

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Fiera Genera 2017

Fiera Genera 2017

Immagini Fiera Genera 2017

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X