Cresce l’export in Spagna e Italia



L’evoluzione positiva nei due paesi contrasta con la contrazione delle vendite all’estero che stanno sperimentando le principali economie mondiali

 

Secondo i dati relativi ai primi 11 mesi del 2016, la Spagna e l’Italia hanno registrato un incremento delle loro esportazioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

Nel caso della Spagna, è stata registrata una crescita dell’1,6%, per un totale di 233.798 milioni di euro, massimo storico della serie per questo periodo. L’import si è invece ridotto dello 0,9%, per un totale di 250.106 milioni di euro. In questo modo, il deficit commerciale ha raggiunto i 16.307 milioni di euro, il 27,1 in meno rispetto a quello registrato nel periodo gennaio –novembre 2015 ed il secondo miglior saldo accumulato dei primi 11 mesi dal 1997, superato solo dal dato del 2013.

 

I principali settori economici hanno registrato incrementi nell’export. I beni strumentali (che rappresentano il 20,2% del totale) sono aumentati del 2,9%; il settore dell’automotive (18% del totale), é aumentato del 7,1% e l’alimentazione, bevande e tabacco (16,7% del totale) ha registrato un incremento pari al 6,1%.

 

Per ciò che riguarda l’Italia, nei primi 11 mesi del 2016 l’incremento dell’export è stato dello 0,7%, raggiungendo i 380.722 milioni di euro. Le importazioni si sono ridotte del 2,0% per un totale di 334.991 milioni di euro. Il surplus commerciale è stato di 45,8 miliardi di euro, con un aumento di 9,6 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

I settori economici che hanno registrato la maggior crescita tendenziale sono stati i prodotti alimentari (7,3% del totale), con un aumento del 4,1 %, i prodotti chimici e farmaceutici (4,8% del totale), che si sono incrementati del 7,3% e i materiali da trasporto (10,1%  del totale), che hanno registrato un aumento del 5,9%.

 

L’evoluzione positiva nei due paesi contrasta con la contrazione che stanno sperimentando le principali economie mondiali in termini di export, con l’unica eccezione della Germania (+0,8%). La Francia e il Regno Unito hanno registrato una riduzione in termini tendenziali rispettivamente dell’1,8% e del 1,5%, mentre i mercati extraeuropei hanno subito una contrazione più accentuata: l’export degli Stati Uniti ha registrato infatti una riduzione del 4 %,, quello della China del 6,4% e il Giappone ha segnato un -8,5%.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn
Patrocinatori

Patrocinadores

Collaboratori

Colaboradores

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X