Più di 120 persone al primo European Business Drink a Valencia

Più di 120 persone al primo European Business Drink a Valencia

L’incontro organizzato dalle Camere di Commercio Europee in Spagna si è svolto lo scorso 28 aprile nella terrazza dell’Hotel Marriot Colón

Più di 120 imprenditori locali hanno partecipato al primo European Business Drink organizzato a Valencia dalle Camere di Commercio Europee in Spagna. L’incontro si è svolto lo scorso 28 aprile nella terrazza dell’Hotel Marriot Colón.

La maggior parte degli imprenditori presenti hanno interessi nei mercati tedesco, italiano, belga, francese, portoghese, ceco e svedese e appartengono a settori molto diversi tra loro tra cui il tessile, il finanziario, l’industriale, il turistico e l’agroalimentare.

Questa iniziativa, organizzata con l’obiettivo di protenziare il networking nella città, ha riscontrato un grande successo dal momento che ha permesso di rafforzare le relazioni commerciali e le opportunità di business tra cmpagnie valenziane con interessi in diversi paesi e imprese europee con sede a Valencia.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Investindustrial prende il controllo del gruppo Valtur

Investindustrial prende il controllo del gruppo Valtur

Per la società di investimento guidata da Andrea C. Bonomi si tratta del primo passo di un progetto globale che mira alla creazione di un gruppo turistico con radici italiane attivo nella gestione di resort leader nell’area del Mediterraneo

Investindustrial prende il controllo del gruppo Valtur. La società di investimento guidata da Andrea C. Bonomi ha raggiunto l’accordo per l’acquisizione dai suoi attuali azionisti che prevede anche il mantenimento di una quota di minoranza da parte della famiglia Ljuljdjuraj.

Secondo il comunicato rilasciato dalla compagnia, l’acquisizione di Valtur rappresenta il primo passo di un progetto globale che mira alla creazione di un gruppo turistico con radici italiane attivo nella gestione di resort leader nell’area del Mediterraneo. La strategia passa per consolidare la leadership di Valtur rafforzando la presenza del marchio nel Mediterrano e promuovendo a livello internazionale lo stile italiano applicato ai resort al fine di incrementare il flusso di turisti.

Nell’ambito di questa operazione Investindustrial ha anche siglato un accordo con Prelios sgr. per acquisire la proprietà immobiliare di tre resort (Ostuni, Pila e Marilleva) oggi già operati dal gruppo Valtur e ha sottoscritto un contratto di locazione con Antirion sgr assicurando al gruppo Valtur la gestione del resort Tanka Village nel sud della Sardegna. Con il Tanka, già disponibile per l’estate 2016, il gruppo Valtur «supererà un milione e mezzo di pernottamenti annui, avviando così con forza il percorso di crescita di lungo periodo finalizzato ad attrarre soprattutto visitatori internazionali».

Valtur opera in un settore in crescita ma ancora frammentato, con una crescente domanda per resort esclusivi e accessibili. L’Europa del Sud è una delle regioni maggiormente visitate al mondo, con circa 215 milioni di visitatori internazionali (cifra simile a quella registrata dall’intera regione asiatica) oltre alla popolazione locale.

Il turismo è un settore strategico per l’economia italiana e merita da parte di tutti maggiore attenzione. Siamo fieri di promuovere un progetto che mira al suo sviluppo”, ha dichiarato Andrea C. Bonomi, presidente di Investindustrial. “Oggi i player nel mercato italiano dei resort sono ancora troppo frammentati per poter attrarre e gestire in modo efficente il flusso di turisti internazionali che il paese potrebbe assorbire. Valtur sarà protagonista di questo processo di consolidamento non solo in Italia, ma in generale in tutto il Sud Europa.

Quella di Valtur è la seconda grande operazione in Italia di Investindustral  in meno di un mese, dopo l’acquisizione di Artsana (Chicco) del 12 aprile scorso.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Più di 120 persone al primo European Business Drink a Valencia

Più di 120 persone al primo European Business Drink a Valencia

L’incontro organizzato dalle Camere di Commercio Europee in Spagna si è svolto lo scorso 28 aprile nella terrazza dell’Hotel Marriot Colón

Più di 120 imprenditori locali hanno partecipato al primo European Business Drink organizzato a Valencia dalle Camere di Commercio Europee in Spagna. L’incontro si è svolto lo scorso 28 aprile nella terrazza dell’Hotel Marriot Colón.

La maggior parte degli imprenditori presenti hanno interessi nei mercati tedesco, italiano, belga, francese, portoghese, ceco e svedese e appartengono a settori molto diversi tra loro tra cui il tessile, il finanziario, l’industriale, il turistico e l’agroalimentare.

Questa iniziativa, organizzata con l’obiettivo di protenziare il networking nella città, ha riscontrato un grande successo dal momento che ha permesso di rafforzare le relazioni commerciali e le opportunità di business tra cmpagnie valenziane con interessi in diversi paesi e imprese europee con sede a Valencia.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

ICEX presenta le Borse di studio per l’Internazionalizzazione 2018

ICEX presenta le Borse di studio per l’Internazionalizzazione 2018

Il programma prevede una prima fase di formazione nella rete di uffici economici e commerciali all’estero e una seconda di tirocinio nelle imprese spagnole e negli organismi multilaterali e istituzioni, legati all’internazionalizzazione, dentro e fuori dalla Spagna

L’ICEX Esportazioni e Investimenti, ha presentato 285 borse di studio per l’internazionalizzazione per il 2018, un 21% in più rispetto agli ultimi anni, dirette alla formazione di giovani professionisti specializzati nell’internazionalizzazione imprenditoriale.

L’ICEX ha spiegato che il programma si suddividerà in due fasi: una prima fase di formazione nella rete di uffici economici e commerciali all’estero, e una seconda di tirocinio nelle imprese spagnole e negli organismi multilaterali e istituzioni, legati all’internazionalizzazione, dentro e fuori dalla Spagna.

La prima fase si svolgerà da Gennaio a Dicembre del 2018, e la seconda – alla quale potranno accedere solo quegli stagisti che abbiano ottenuto una valutazione positiva del proprio lavoro nella prima fase – comincerà a Gennaio 2019 e durerà tutto l’anno.

I candidati dovranno consegnare un documento che accrediti un livello di inglese minimo B2, e superare un processo di selezione composto da un test psicotecnico e da un colloquio. Successivamente, bisognerà che il candidato consegua il master universitario in Gestione Internazionale d’Impresa che si svolgerà tra i mesi di Ottobre 2016 e Settembre 2017, e che verrà impartito dall’ICEX-CECO. Questo master conferisce un titolo ufficiale, indipendentemente dal fatto che si ottenga o meno la borsa di studio per svolgere uno stage in un ufficio all’estero dell’ICEX.

È possibile iscriversi dal 15 Aprile fino al 15 Maggio e la presentazione delle domande può essere formalizzata all’interno della seguente pagina web: http://www.icex.es/icex/es/navegacion-principal/todos-nuestros-servicios/formacion/becas/index.html

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Il PIL turistico in Spagna aumenta di un 4,3% nel primo trimestre dell’anno

Il PIL turistico in Spagna aumenta di un 4,3% nel primo trimestre dell’anno

In questo periodo dell’anno, il settore è stato fondamentale anche per la creazione di impiego, avendo generato 88.974 nuovi affiliati alla fine del mese di Marzo, un 6,5% in più rispetto allo stesso mese del 2015

 

Il primo trimestre del 2016, ha visto accelerare la crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) turistico di un 4,3%, confermandosi così come il decimo trimestre consecutivo al di sopra del 3%.  Nell’arco dell’anno, Exceltur, l’associazione delle principali imprese del settore in Spagna, prevede un incremento del 3,8%. In questo modo, il settore turistico si consolida come il principale motore di crescita dell’economia spagnola.

La Spagna ha registrato all’inizio del 2016, la maggior affluenza turistica degli ultimi 15 anni. Grazie a questo dato, è aumentata la fiducia degli imprenditori, misurata dall’Indice di Fiducia di Exceltur, raggiungendo i suoi massimi valori (48,3). Durante il primo trimestre dell’anno, questo settore è stato fondamentale anche per la creazione di impiego, avendo generato 88.974 nuovi affiliati alla fine del mese di Marzo, un 6,5% in più rispetto allo stesso mese del 2015.

La domanda estera ha ricominciato la sua ripresa contando 799.000 turisti in più tra Gennaio e Febbraio, dato che suppone un incremento del 12,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il vicepresidente esecutivo di Exceltur, José Luis Zoreda, ha sottolineato come l’intensa ripresa della domanda estera sia dovuta all’instabilità geopolitica di altre mete competitrici, considerazione che si riflette nell’elevata correlazione tra gli 870.000 turisti persi fino a Febbraio da Egitto, Turchia e Tunisia – un 19% in meno – e i 779.000 guadagnati dalla Spagna – un 12,7% in più. Rispetto alla domanda nazionale, il consumo turistico degli spagnoli si è intensificato nel 2016, con una crescita superiore al 10%, malgrado l’incertezza politica e la retrocessione nei suoi livelli di fiducia. Anche se l’affluenza straniera è aumentata notevolmente, gli intoiti per turista continuano a scendere da 34 mesi consecutivi, con un 8,9% in meno nel mese di Gennaio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Queste cifre hanno spinto Exceltur a mettere in discussione il principio del modello di crescita turistica spagnolo, che si centra soprattutto sul volume. D’altro canto, durante la Pasqua sono stati registrati dei buoni risultati, tanto che il 77,4% delle imprese turistiche hanno migliorato le proprie vendite e il 75,5% i propri risultati. Madrid, Canarias, Barcelona y San Sebastián si sono classificate come le mete favorite nel primo trimestre del 2016. Gli imprenditori turistici affrontano il secondo trimestre dell’anno con buone prospettive, tanto che il 66,4% di loro prevede già un miglioramento nelle vendite. Malgrado la revisione realizzata dal Governo e dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) – dopo il ribasso della crescita dell’economia spagnola – Exceltur confida in una crescita del PIL turistico pari al 3,8%, durante tutto il corso dell’anno 2016.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS presenta Italiaonlive.com, la web dedicata a Passione Italia 2016

La CCIS presenta Italiaonlive.com, la web dedicata a Passione Italia 2016

Nella nuova pagina sono disponibili tutte le informazioni relative all’evento organizzato dalla CCIS, tra cui il programma attualizzato, le modalità di partecipazione ed una galleria con i video di tutte le edizioni realizzate dal 2009

È in linea la nuova versione di Italiaonlive.com, la web gestita dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, che è dedicata interamente a “Passione Italia 2016”.

Nella web sono disponibile le informazioni complete relative all’evento organizzato dalla CCIS, tra cui il programma attualizzato, le notizie più recenti relative agli ospiti e le novità di questa edizione, le modalità di partecipazione per coloro che sono interessati ad esporre e vendere prodotti enogastronomici italiani durante le 4 giornate previste (2-5 giugno 2016) ed una galleria con i video di tutte le edizioni realizzate dal 2009.

La web è disponibile all’indirizzo:www.italiaonlive.com. Invitiamo tutti a scoprirla e condividerla.

Italiaonlive
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Inaugurata l’Area Italia alla fiera Alimentaria 2016

Inaugurata l’Area Italia alla fiera Alimentaria 2016

Il presidente della Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont, accompagnato dal Ministro spagnolo di Agricultura, Alimentazione e Turismo, Isabel García Tejerina, e da numerose autorità locali è stato ricevuto nello spazio espositivo dedicato alle eccellenze enogastronomiche del Belpaese dalla delegazione italiana guidata dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino.

Alimentaria 2016 ha aperto stamattina i battenti in un’edizione che, da oggi fino al 28 aprile, accoglierà più 140.000 visitatori profesionisti dalla Spagna e dal resto del mondo, secondo le stime degli organizzatori.

L’Italia è uno dei grandi protagonisti di questa nuova edizione dell’importante fiera internazionale del settore agroalimentario. Sono infatti 36 le imprese e consorzi che espongono all’interno dello spazio espositivo di oltre 400 m2 dedicato alle eccellenze enogastronomiche italiane, ubicato nel padiglione 1.

L’“Area Italia” è il risultato della gestione congiunta dei principali attori preposti all’internazionalizzazione delle imprese italiane in Spagna. Il progetto, infatti, è frutto della collaborazione tra la Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna (CCIS), l’ufficio ICE di Madrid e la Camera di Commercio Italiana di Barcellona (CCIB) e conta sull’appoggio istituzionale dell’Ambasciata d’Italia in Spagna e del Consolato Generale d’Italia a Barcellona.

L’Area Italia è stata inaugurata ufficialmente questa mattina alla presenza del presidente della Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont, del Ministro spagnolo di Agricultura, Alimentazione e Turismo, Isabel García Tejerina, e di numerose autorità locali, che sono stati ricevuti dalla delegazione italiana guidata dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino e composta dal Console Generale d’Italia a Barcellona, Stefano Nicoletti, dai presidenti della CCIS e della CCIB, Marco Pizzi e Emanuela Carmenati, dai rispettivi segretari generali, Giovanni Aricò e Federica Falzetta e dal direttore dell’Ufficio ICE di Madrid, Marco Verna.

Inaugurazione-Area-Italia

L’Area Italia costituisce una vera e propria vetrina delle eccellenze enogastronomiche nazionali, con una ricca varietà di prodotti quali pasta fresca e secca, insaccati, formaggi e latticini, conserve, prodotti da forno, liquori e vini, caffè e dolci. In particolare, i visitatori hanno la posibilità di conoscere direttamente alcune specialità regionali, come la toma piemontese DOP, l’aceto balsamico di Modena, il salame piacentino DOP e  la mozzarella di bufala campana, per citarne alcuni.

Un ricco programma di showcooking e degustazioni, organizzati nella stessa “Area italia”, farà da contorno alla presenza italiana ad Alimentaria 2016 e permetterà di conoscere alcuni dei prodotti più emblematici della cucina italiana e degustare ricette tipiche regionali. In particolare, saranno presenti gli chef Raffaello Cordioli, che accompagna la  delegazione della Camera di Commercio di Verona, Augusta Lissoni e Umberto Passeri.

L’impegno comune messo in campo dagli enti e istituzioni coinvolti nel progetto “Area Italia” ad Alimentaria 2016 conferma l’importanza che il mercato spagnolo riveste per le imprese italiane del settore. La Spagna rappresenta infatti il sesto mercato d’approdo dell’export italiano di prodotti agroalimentari e bevande, con un trend di crescita medio annuale del 4,5% negli ultimi 4 anni, secondo le statistiche messe a disposizione da Eurostat.

Attraverso i seguenti link é possibile consultare:
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Intesa Sanpaolo leader in collocamento di obbligazioni emesse da imprese spagnole

Intesa Sanpaolo leader in collocamento di obbligazioni emesse da imprese spagnole

Approfittando della riapertura del mercato, durante i primi 20 giorni del mese di Aprile la banca italiana ha collocato nel mercato obbligazioni corporate dal valore di 560 milioni di euro

Secondo i dati di Dealogic, dopo la riapertura del mercato successiva ai provvedimenti messi in atto dalla BCE, le compagnie spagnole sono intervenute nel mercato del debito con decisione. Durante il corso del mese di Aprile, sono state realizzate in Spagna 8 emissioni di obbligazioni corporate, per un totale di 6.300 milioni di euro introdotti sui mercati.

L’italiana Intesa Sanpaolo, tramite la sua banca di investimenti, Banca IMI, è quella che ha approfittato maggiormente di questa fase di riapertura del mercato e conduce la classifica dei principali collocatori di titoli di compagnie spagnole, dopo aver immesso sul mercato obbligazioni dal valore di 560 milioni di euro, solo nei primi 20 giorni del mese di Aprile. Intesa Sanpaolo ha partecipato all’emissione di titoli della Società Merlin, collocando anche titoli di Telefónica, Gas Natural e Iberdola.

La forte volatilità che ha caratterizzato l’inizio dell’anno ha provocato la chiusura dei mercati.

Tuttavia, i provvedimenti adottati dalla BCE hanno restituito fiducia agli investitori e nel mese di Marzo, il decimo mese maggiormente attivo nella storia del mercato di capitali, sono state realizzate emissioni di obbligazioni in tutta l’Europa per un valore di 67.610 milioni di euro.

In Spagna, la riattivazione del mercato ha suscitato un vero e proprio “boom” di emissioni, rendendo il mese di Aprile il secondo mese con maggior volume della storia.

Un’opportunità per le entità bancarie di investimenti, che Intesa Sanpaolo ha saputo sfruttare meglio di chiunque altro.

Fonte: Expansión – edición 21 de abril de 2016

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

L’Export italiano cresce a Febbraio

L’Export italiano cresce a Febbraio

I mercati UE spingono la crescita delle esportazioni italiane nel secondo mese dell’anno.
La Spagna si conferma come uno dei mercati pù dinamici, con un incrmeento del 9,7% delle vendite in termini annuali

 

Secondo i dati pubblicati dall’ISTAT lo scorso 15 Aprile, nel Febbraio 2016 sia l’export (+3,3%) che l’import (+2,4%) italiani hanno registrato una crescita in termini annuali.

 Il surplus commerciale è di 3,9 miliardi, anch’esso in crescita rispetto ai 3,5 miliardi registrati a Febbraio 2015

L’incremento tendenziale dell’export è da ascrivere quasi esclusivamente all’area Ue (+8,3%), grazie alle positive performance nei principali settori del “Made in Italy”. In particolare, l’export italiano registra incrementi positivi in tutti i traidizionali mercati di sbocco, dove si segnalano le crescite tendenziali di Germania (+8,0%), Francia (+8,9%), Regno Unito (7,5%) e soprattutto Spagna (+9,7%), che si conferma così uno tra i mercati più dinamici per le esportazioni italiane.

Per settori, l’aumento tendenziale delle esportazioni ha riguardato, soprattutto, le vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+21,0%), computer, apparecchi elettronici e ottici (+10,5%) e articoli in gomma e materie plastiche (+9,6%). Dal lato delle importazioni sono in rilevante espansione gli acquisti di autoveicoli (+30,9%) e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+16,0%) mentre l’import di petrolio greggio (-42,4%) e di gas naturale (-27,5%) è in forte calo, dovuto principalmente al crollo dei prezzi dei prodotti energetici.

I risultati positivi di Febbraio contrastano con l’andamento negativo dell’export italiano registrato negli ultimi mesi e rappresentano di fatto un’inversione di tendenza che permette di recuperare il terreno perduto e di fissare il saldo dei primi due mesi dell’ano in un +0,1% in termini tendenziali.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa ISTAT 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Al via il progetto European Sweets Itineraries

Al via il progetto European Sweets Itineraries

La CCIS ha preso parte al primo incontro  tra i partner che si è svolto a Bruxelles il 14 e 15 Aprile. Si tratta di un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma COSME

Si svolto a Bruxelles, il 14 e 15 Aprile scorso, il primo incontro tra i partner del progetto “European Sweets Itinearies”, di cui fa parte la CCIS.

La responsabile dell’European Desk della Camera, Fadia Khriasat, accompaganta dal collaboratore Marco Zonta, hanno avuto modo di riunirsi con i responsabili degli altri 13 enti coinvolti nella gestione di questo importante progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma COSME, con l’obiettivo di coordinare le azioni che vedranno impegnati i partner nei prossimi mesi.

European Sweets Itineraries” è un progetto che prevede lo sviluppo di tre Educational Tours nell’ambito della produzione dolciaria in altrettanti paesi: Spagna, Portogallo e Italia. 36 giovani studenti lituani, frequentanti centri di formazione nell’ambito del turismo, ospitalità e catering, testeranno gli itinerari identificati con l’obiettivo di valutare la loro idoneità per essere proposti come mete turistico-formative per gruppi di studenti di tutta Europa, in particolare dei potenziali nuovi mercati, tra cui proprio la Lituania.

ESI-Poster Web

 

Oltre alla CCIS, sono coinvolti nel progetto i seguenti partner:

• Portogallo: Camera di Commercio Italiana per il Portogallo (ente capofila), Pinto Lopes Viagens SA, Clube Volei de Evora, Camara Municipal de Obidos.

• Spagna: Comunidad de Madrid, Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, International Institute of Gastronomy, Art and Turism.

• Lettonia:VISC – National center of Edication.

• Italia: Smart Travel, Cliff SAS, Centro Studi Cittá di Foligno, La Via del Cioccolato, Comune di Silvi.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X