Biotecnologie, l’Italia partecipa all’undicesimo bando EuroTransBio

Biotecnologie, l’Italia partecipa all’undicesimo bando EuroTransBio

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 4 milioni di euro, a valere sul fondo FCS (Fondo per la Crescita Sostenibile), per supportare progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 4 milioni di euro, a valere sul fondo FCS (Fondo per la Crescita Sostenibile), per supportare progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie. La scadenza per la presentazione delle domande è il 29 gennaio 2016.

Il bando mira a sostenere progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale realizzati da imprese italiane in collaborazione con altre imprese europee, anche con il coinvolgimento di organismi di ricerca e diffusione della conoscenza.

Il bando nasce dal coordinamento tra diversi Paesi e Regioni europei nell’ambito dell’iniziativa EuroTransBio e richiede la collaborazione tra almeno 2 imprese di nazionalità diversa.

Per informazioni e chiarimenti è possibile rivolgersi ai punti di contatto nazionale presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

Il programa EuroTransBio

EuroTransBio è un’iniziativa che coinvolge i Ministeri e le Agenzie Governative di diversi Paesi e Regioni dell’Unione Europea e si propone di coordinare i programmi di finanziamento che sostengono le piccole e medie imprese nel campo delle biotecnologie.

A tale scopo EuroTransBio indice bandi congiunti per progetti di ricerca e sviluppo transnazionali promossi dalle imprese.

Per maggiori informazioni: sito EuroTransBio (in inglese)

Come partecipare

Quadro di riferimento: L’Italia partecipa all’iniziativa con il Ministero dello Sviluppo Economico. In Italia il bando è aperto nell’ambito del Fondo per la Crescita Sostenibile (FCS), a valere sul quale il Ministero, con il decreto del 7 ottobre 2015, ha stanziato per l’undicesimo bando ETB 4 milioni di euro.

Chi può partecipare: raggruppamenti composti da almeno 2 imprese provenienti da almeno 2 Paesi partecipanti ad ETB e coordinati da una PMI (vedi definizione europea di PMI), che si assume una parte significativa di attività. Ai raggruppamenti di progetto possono partecipare anche organismi di ricerca e diffusione della conoscenza, purché sia coinvolta un’impresa del corrispondente Paese.

In quali Paesi si possono trovare partner: Austria, Regioni delle Fiandre e della Vallonia in Belgio, Finlandia, Regione dell’Alsazia in Francia, Germania, Federazione Russa.

Quali progetti è possibile presentare: il bando offre la possibilità di co-finanziare progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale, caratterizzati da eccellenza e innovatività.

Quando presentare le proposte: dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e fino al 29 gennaio 2016. Entro tale data va inviata all’apposito ufficio transnazionale ETB la proposta progettuale (in inglese) attraverso l’uso di un software specifico e, contestualmente, la domanda di accesso alle agevolazioni (in italiano) al Ministero dello Sviluppo Economico.

Budget: le risorse complessive messe a disposizione dai Paesi e dalle Regioni partecipanti al bando sono pari a circa 17 milioni di euro (compresi i 4 milioni di euro messi a disposizione degli operatori italiani dal Ministero dello Sviluppo Economico).

La Commissione Europea non è coinvolta nella definizione o nella preparazione del bando, né nella valutazione e nel finanziamento dei progetti approvati.

Per maggiori informazioni: bando EuroTransBio

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Atlantic Free Zone Forum 2015

Atlantic Free Zone Forum 2015

Uno degli eventi più importanti sulle zone franche a livello mondiale si svolgerà nella Zona Franca di Tenerife dal  3 al 4 dicembre 2015

L’Atlantic Free Zone Forum, che si terrà presso l’ Hotel Mencey  dal 3 al 4 dicembre prossimo, è uno dei più importanti eventi mondiali sulle zone franche.  L’obiettivo dell’incontro è  la presentazione formale del “Corridoio Franco del Atlantico Medio” come progetto di connessione tra America, Europa e Africa,utilizando Panama e Tenerife come enclavi strategici per le due sponde dell’Atlantico.

Si tratta di un forum di discussione in cui i professionisti e gli esperti parleranno della strategia  della ZFT (Zona Franca di Tenerife) come motore di sviluppo economico dell’isola e il suo ruolo dal punto di vista europeo, americano e africano.

Tra i partecipanti, bisopgna menzionare la presenza di esperti come Ana Margarita Reyes, Coordinatrice dell’Ufficio del Presidente della Repubblica di Panama e D. Martin Gustavo Ibarra Pardo, Presidente Onorario dell’Associazione delle Zone Franche delle Americhe e Vice Presidente della World Free Zone Organization. Non mancheranno inoltre i rappresentanti delle principali compagnie di navigazione, operatori di terminali, associazioni di imprenditori ecc …

Si tratta di un’opportunità eccezionale per analizzare, insieme ad esperti di fama internazionale, le sfide e le opportunità che si presentano nel prossimo futuro.

Per ulteriori informazioni è possibile scaricare il prospetto informativo

La pre-registrazione è un requisito obbligatorio, a causa della limitata capacità della sala. cliccare questo link per effetuare la pre- registrazione.

para-webZFT-invitacio´n-ATL

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Alfredo Altavilla e Juan Rosell, Premio Tiepolo 2015

Alfredo Altavilla e Juan Rosell, Premio Tiepolo  2015

La giuria, composta da giornalisti dei principali mezzi di comunicazione spagnoli e da corrispondenti italiani in Spagna, ha voluto riconoscere la traiettoria delle due personalità ed il loro importante contributo nello sviluppo delle relazioni commerciali tra Italia e Spagna

 

Il Chief Operating Officer in Europa, Africa e Medio Oriente del gruppo Fiat Chrysler Automobile (FCA), Alfredo Altavilla, ed il presidente della Confederación Española de Organizaciones Empresariales (CEOE) e vicepresidente di Business Europe, Juan Rosell, sono stati insigniti del Premio Tiepolo 2015. Questo riconoscimento, conferito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e la Camera di Commercio di Madrid, verrà consegnato nella sede dell’Ambasciata Italiana a Madrid in una cerimonia che si terrà il prossimo 10 dicembre.

La giuria, composta da José Antonio Vera, Juan José Santacana, Luis Aparicio, José Alejandro Vara, Francesco Cerri, Josto Maffeo e Riccardo Ehrman, giornalisti di importanti mezzi di comunicazione spagnoli e corrispondenti italiani in Spagna, ha voluto riconoscere la traiettoria professionale di queste due personalità che, con il loro impegno, hanno contribuito a potenziare le relazioni economiche tra Italia e Spagna e a diffondere l’immagine di entrambi i paesi nel mondo.

Altavilla, figura determinante del Piano Industriale di Iveco per la Spagna

 

Alfredo Altavilla (Taranto, 1963), Chief Operating officer per l’Europa, Africa e Medio Oriente del gruppo Fiat Chrysler Automobile (FCA), ha rivestito un ruolo determinante nello sviluppo del Piano Industriale di Iveco per la Spagna quando era CEO di questa filiale dell’allora gruppo Fiat Industrial.

 

Altavilla ha puntato decisamente sull’industria spagnola in un periodo in cui il paese iberico stava attraversando una difficile situazione economica, decidendo di concentrare a Madrid la produzione dei veicoli pesanti di Iveco, che fino a quel momento si divideva tra Spagna e Germania.

 

Alfredo Altavilla

 

La decisione di Iveco è stata alla base di un successivo ingresso di ulteriori imprese industriali nel mercato spagnolo.

 

Il risultato è stato l’attivazione del Piano Industriale di Iveco per la Spagna, di cui Altavilla è stato il principale promotore. Questo ambizioso progetto comporta una serie di investimenti per un valore complessivo di circa 500 milioni di euro tra il 2012 ed il 2016, e si concentra nelle fabbriche di Madrid e Valladolid per lo sviluppo e produzione di nuovi modelli. Solo nella fabbrica di Madrid la produzione è passata da 84 unità giornaliere nel giugno 2012 alle 130 attuali.

 

La traiettoria professionale di Altavilla è legata al gruppo Fiat dal 1990, quando è entrato a far parte del gruppo per occuparsi delle operazioni internazionali nell’ambito della pianificazione strategica e di sviluppo del prodotto. Da allora, ha occupato diversi posti di responsabilità all’interno della compagnia.

 

È inoltre responabile di Business Development e membro del Group Executive Council (GEC) di FCA dal settembre 2011.

 

Rosell, convinto sostenitore del potenziamento delle relazioni economiche tra Italia e Spagna

 

In Spagna, la giuria di questa XIX edizione del Tiepolo ha voluto riconoscere la traiettoria professionale di Juan Rosell (Barcellona, 1957) presidente della Confederación Española de Organizaciones Empresariales (CEOE) dal dicembre 2010.

 

Rosell è anche vicepresidente di Business Europe, e presiede l’Instituto de Logística Internacional – ILI e la Fundación Ánima.

 

700juan_rosell_3_3-1

 

La sua traiettoria professionale è legata a numerose imprese e settori dell’economia spagnola e straniera. È stato presidente della compagnia elettrica catalana Enher dal 1996 al 1999 e di Fecsa-Enher. Ha inoltre presieduto Corporación Uniland nel biennio 2005-2006.

 

Attualmente è presidente di Congost Plastic, con filiali in numerosi paesi tra cui l‘Italia; e di OMB, dedicata alla gestione di rifiuti urbani. Inoltre, è membro del CdA di Airat, Caixabank, Port Aventura e Gas Natural Fenosa.

 

È un convinto sostenitore del potenziamento delle relazioni economiche e sociali tra Spagna e Italia e, in particolare, del rafforzamento della cooperazione imprenditoriale italo-spagnola. È infatti uno dei promotori del Foro di dialogo Italia Spagna.

 

Gli importanti traguardi raggiunti come imprenditore gli sono valsi numerosi  riconoscimenti. Quest’anno, è stato insignito dell’onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia, conferita dal presidente della Repubblica Italiana. È inoltre Commendatore al Merito della Repubblica Italiana. A livello nazionale ha ricevuto la Medalla de Oro al Mérito della Fiera Campionaria Ufficiale e Internazionale di Barcellona, la Medalla de Plata della Camera Ufficiale di Industria, Commercio e Navigazione di Barcellona o la Llave de Oro della Città di Barcellona.

 

Rosell è stato anche per 15 anni presidente della confederazione imprenditoriale catalana Fomento del Trabajo Nacional.

 

Premiati nelle precedenti edizioni

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La nuova Alitalia ha annunciato importanti novità per i prossimi mesi

La nuova Alitalia ha annunciato importanti novità per i prossimi mesi
Durante la Convention interna della compagnia aerea che si è tenuta a Roma lo scorso mese di ottobre, il presidente della società, Luca Cordero di Montezemolo, ha annunciato i dettagli dei nuovi servizi per migliorare l’esperienza di viaggio dei propri clienti.
 
La compagnia aerea Alitalia ha presentato importanti novità a livello di rotte e servizi che poteranno a migliorare sostanzialmente l’esperienza di viaggio dei suoi clienti, confermando in questo modo che il piano triennale procede come previsto, con l’obiettivo di ottenere profitti nel 2017.

I dettagli dei nuovi servizi, che cominceranno ad essere introdotti nelle prossime settimane, sono stati presentati dal presidente di Alitalia, Luca Cordero di Montezemolo e il vice-presidente della società e presidente e CEO di Etihad Airways, James Hogan, durante la Convention interna svoltasi a Roma lo scorso ottobre.

700Aircraft08

 

In particolare, Alitalia inizierà a volare a Santiago di Cile e Città di Messico in maggio e giugno rispettivamente , raggiungendo così 11 destinazioni nel continente americano, 5 delle quali in America Latina, consolidando la propria leadership nei collegamenti transatlantici dall’Italia. 

Per quanto riguarda i servizi a bordo, la nuova Business Class di lunga distanza sarà caratterizzata da nuovi sedili di design e qualità italiana completamente reclinabili. Un restyling che interesserà  anche gli aeromobili di media distanza, la cui cabina sarà rinnovata  con interni in pelle e nuovi rivestimenti.

 

Inoltre, per quanto riguarda la ristorazione, sui voli internazionali saranno offerti prodotti di alta qualità ed una selezione più ampia degli stessi, sia in Business che in Economy. Oltre a ci`ò, il prossimo anno sarà gradualmente estesa a tutta la flotta di aerei la connessione Wi-Fi, attualmente presente in aerei di lunga distanza. In questo modo Alitalia diventerà una delle poche compagnie aeree europee con questo tipo di connessione in tutta la sua flotta.

700Business_Class_Man_Relax

Per quanto riguarda i servizi a terra, esiste un servizio gratuito di limousine a disposizione dei passeggeri della Business Class di lunga distanza in partenza o in arrivo negli aeroporti spagnoli di Barcellona, Madrid e Valencia.

Nei prossimi 12 mesi saranno rinnovati gli interni di tutte le sale VIP di Alitalia e si apriranno  nuove sale. Il progetto sarà sviluppato negli aeroporti di Roma, Milano Linate, Milano Malpensa, Napoli, Catania e New York JFK. Si prevedono inoltre significativi investimenti sia in termini di mezzi che di risorse umane per migliorare i viaggi dei clienti d’ Alitalia in partenza, arrivo o in transito nell’ aeroporto di Roma Fiumicino.

Durante la stagione invernale, Alitalia offrirà 84 voli diretti settimanali dalla Spagna all’Italia (Roma e Milano), alcuni dei quali in codice condiviso con Air Europa, e la possibilità di collegare l’aeroporto di Roma Fiumicino, con una rete di più di 70 destinazioni in tutto il mondo.

Alitalia è membro dell’alleanza SkyTeam e insieme ad Air France-KML e Delta Air Lines, della  Joint Venture Transatlantica. Alitalia, con Airberlin, Air Serbia, Air Seychelles, Etihad Airways, Etihad Regional gestita da Darwin Airline, Jet Airways e NIKI, fa parte anche di Etihad Airways Partners, che offre ai clienti un’ampia rete di collegamenti, orari migliori e ulteriori vantaggi per i frequent flyers.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Studiainitalia vince il premio come miglior agenzia di turismo creativo

Studiainitalia vince il premio come miglior agenzia di turismo creativo

La Giuria del Creative Tourism Awards ha apprezzato la capacità dell’impresa associata alla CCIS di collaborare con una vasta gamma di istituzioni originali e prestigiose per offrire ai turisti la possibilità di imparare la lingua italiana

Questi premi, creati da Creative Turismo Network®, la rete internazionale per la promozione del turismo creativo con sede a Barcellona, hanno lo scopo di premiare le aziende, i progetti e le destinazioni, che in tutto il mondo scommettono sul turismo creativo – turismo in piena espansione che invita i viaggiatori a sperimentare un’attività artistica e creativa nel loro luogo di soggiorno.

La giuria internazionale ha assegnato i premi alle iniziative che hanno dimostrato il loro impegno in questo settore emergente durante tutto il 2015.

Sulla base dei criteri di qualità, originalità, innovazione e sostenibilità, hanno scelto le sei iniziative, tra le centinaia di proposte provenienti da trenta paesi diversi, che si sono distinte per le loro azioni a favore del turismo creativo, un turismo più innovativo e umano.

La Giuria del Creative Tourism Awards ha particolarmente apprezzato la capacità di Studiainitalia a collaborare con una vasta gamma di istituzioni originali e prestigiose per offrire ai turisti la possibilità di imparare la lingua italiana e non solo.

Studiainitalia invita non solo i turisti a sperimentare la diversità della cultura italiana attraverso soggiorni creativi in diverse regioni, ma propone anche offerte su misura che si adattano a una vasta tipologia di viaggiatori. La giuria ha sottolineato la qualità, l’originalità e l’innovazione di Studiainitalia così come il suo impegno per la diffusione del turismo esperienziale.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Grande successo della gastronomia italiana a Valencia

Grande successo della gastronomia italiana a Valencia

11 imprese hanno esposto nello spazio gestito dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna presso la fiera Gastrónoma 

La Fiera Gastrónoma ha chiuso i battenti il 16 novembre scorso dopo aver accolto più di 15.000 visitatori in tre giorni (14-16 novembre) consolidandosi così come il gran evento gastronomico della provincia spagnola. La fiera ha offerto un ricco programma di attività per la promozione della migliore gastronomia mediterranea che ha coinvolto attivamente i professionisti edi i numerosi amanti della buona cucina presenti all’appuntamento.

Area Italia36

L’Italia, paese invitato in questa edizione, è stata la grande protagonista  durante le tre giornate di celebrazione della fiera, durante le quali la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS) ha gestito la partecipazione di 11 imprese nell’area espositiva dedicata alle eccellenze dell’enogastronomia del Belpaese.

 comboferia

L’Area Italia è stata inaugurata ufficialmente il 14 novembre alla presenza del Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, del direttore e del presidente di Gastrónoma, Alejandro Roda e Carlos Mataix, del Segretario Regionale di Agricoltura e Sviluppo Rurale, Francisco Rodríguez Mulero, e della Deputata provinciale con delega al Turismo, Pilar Moncho.

inauguración Área Italia

Un ricco programma di eventi e attività collaterali durante i 3 giorni di fiera ha permesso di far conoscere agli operatori e consumatori locali alcune delle ricette e specialità tipiche della cucina regionale italiana. Tra gli chef italiani che hanno entusiasmato il pubblico presente con i loro showcooking nella “Cocina Central” della fiera vanno ricordati Enrico Croatti, Executive Chef del rinomato Ristorante Dolomieu del DV Chalet Boutique Hotel & Spa di Madonna di Campiglio (una stella Michelin), con la sua proposta “A mani nude”, Enrica Barni, chef dell’Accademia del Gusto di Madrid, e Manfredi Bosco, esperto in cucina mediterranea, con la loro performance dal titolo “En Medio del Mar” ed Alessandro Castro, responsabile per la Spagna dell’Accademia Italiana della Gastronomia Storica e dell’Associazione Ristoworld, autore dela conferenza “Il Barocco nella cucina mediterranea”.

showcooking Alessandro Castro y Manfredi Bosco 3

La presenza italiana a Gastrónoma 2015 è stata anche l’occasione per presentare agli operatori locali, attraverso un info point dedicato, il progetto “Marchio Ospitalitá Italiana – ristoranti italiani nel Mondo” e la piattaforma “Italian Quality Experience”, per la promozione delle eccellenze agroalimentari italiane nel mondo e che è possibile visualizzare all’indirizzo: http://www.italianqualityexperience.it/. Questa importante iniziativa, che ha visto quest’anno la certificazione di 22 ristoranti italiani in Spagna da parte della CCIS, è  coordinata da Unioncamere e conta sul patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

gastronoma-showcooking-2

Un’altra iniziativa di grande successo organizzata dala CCIS è stata “DEGUSTA ITALIA- RISTORANTI ITALIANI A VALENCIA” che ha permesso ai numerosi visitatori dell’Area Italia di ottenere buoni sconto per degustare piatti e ricette tipiche della tradizione enogastronomica italiana nei 12 ristoranti italiani di Valencia aderenti, dal 16 al 22 novembre.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Generali e Microsoft a caccia di start-up

Generali e Microsoft a caccia di start-up

Internet of Things, gamification e canali alternativi i temi al centro del primo Generali Innovation Challenge 

Il Gruppo Generali, in collaborazione con Microsoft, annuncia la conclusione del primo “Generali Innovation Challenge”, il progetto internazionale dedicato alla ricerca e promozione di talenti e start-up in grado di rispondere alle nuove sfide di business del settore assicurativo attraverso idee innovative e soluzioni tecnologiche all’avanguardia.

Il vincitore del contest è l’italiana Authometion Srl con LYT Sonic, un progetto che consente di monitorare la sicurezza delle abitazioni attraverso l’integrazione tra una lampadina a LED e la tecnologia degli infrasuoni in grado di riconoscere i movimenti entro un’area di 150 metri quadri.

Questa soluzione innovativa è sostanzialmente meno costosa e meno complessa rispetto ai tradizionali sistemi di sicurezza. In un solo mese di open-call sono state contattate oltre 3.000 start-up e di queste oltre 700 hanno usufruito della piattaforma di Generali Innovation Challenge.

generali700

Tre gli ambiti proposti: Internet of Things, gamification e utilizzo di canali alternativi per modelli di business innovativi nei mercati emergenti. Dei 40 progetti innovativi esaminati, sei sono stati invitati alla sessione conclusiva del “pitching day”. Il vincitore è stato scelto da una commissione composta da rappresentanti di Generali, Microsoft e del fondo di venture capital United Ventures.

Gian Paolo Meloncelli, Group Head of Business Development and Innovation di Generali, ha affermato: “Il mercato assicurativo è al centro di un profondo momento di cambiamento. Generali ha deciso di approcciare l’innovazione a differenti livelli: cercando partnership globali con player internazionali che abbiano competenze complementari come Microsoft e cercando di fare leva sulla comunità di innovatori, startupper, imprenditori al di fuori del Gruppo per generare idee, business model e soluzioni tecniche che possano aiutare a rispondere alle nuove sfide.”

Fabio Santini direttore della divisione Developer Experience di Microsoft Italia, ha detto: “Le start-up hanno un ruolo strategico dappertutto, particolarmente in Italia dove il tasso di disoccupazione giovanile supera ancora il 40% e dove abbiamo il paradosso di avere un appetito per l’innovazione incredibile a livello di consumatori finali ed un basso grado di innovazione da parte delle imprese italiane.

Avremmo bisogno di più start-up per essere in grado di erogare servizi nuovi a beneficio di imprese e cittadini, per accelerare la trasformazione digitale del nostro Paese e siamo lieti di collaborare con Generali per ricercare e promuovere talenti e start-up in grado di rispondere alle nuove sfide di business del settore assicurativo”.

Il vincitore Authometion Srl sarà sostenuto da Generali e Microsoft nello sviluppo del business plan e nell’incontro con potenziali finanziatori. In continuità con la strategia di innovazione, il vincitore ha inoltre ricevuto uno smartphone Obi Worldphones, azienda con la quale Generali ha di recente intrapreso una partnership per raggiungere mercati ad alta crescita con smartphone di design, accessibili e con l’offerta di servizi di grande utilità direttamente nell’home screen dei cellulari.

Per ulteriori informazioni, il sito dedicato all’iniziativa è http://generali.skipsolabs.com/

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Firma dell’accordo di collaborazione tra la CCIS e la Camera di Commercio di Tenerife

Firma dell’accordo di collaborazione tra la CCIS e la Camera di Commercio di Tenerife

L’atto ufficiale si è celebrato lo scorso 9 novembre nella città canaria.

Si è svolto lo scorso 9 novembre, a Santa Cruz de Tenerife, l’atto di celebrazione della firma dell’accordo di collaborazione tra la Camera di Commercio locale e la CCIS.

Tra i diversi punti sanciti dall’accordo va sottolineata la volontà di realizzare iniziative e azioni congiunte per la promozione di progetti di investimento o alleanze strategiche tra imprese spagnole e italiane. Oltre a ciò, viene contemplata la possibilità di promuovere e organizzare seminari formativi e incontri imprenditoriali volti a informare le imprese di entrambi i paesi sulle opportunità d’affari nei due mercati, nonché missioni commerciali per la valutazione di nuove partnership.

canarias2-700

L’accordo è stato firmato dal presidente della CCIS, Marco Pizzi, ed il vicepresidente della Cámara de Comercio Oficial de Santa Cruz de Tenerife, Arturo Escuder. Alla cerimonia hanno preso parte anche l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani, il presidente del Consorzio ZEC – Zona Especial Canaria, Beatriz Barrera Vera, il Consigliere del Cabildo di Tenerife con delega speciale per gli Affari Esteri, Carmen Delia Herrera Priano, il Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, e l’Amministratore Delegato di PROEXCA, Pablo Martín Carbajal González.

Durante l’evento è stata presentata ufficialmente ai rappresentanti delle istituzioni e associazioni locali l’Antenna Territoriale della CCIS a Santa Cruz de Tenerife, attivata lo scorso mese di febbraio, e che, attraverso il delegato Silvio Pelizzolo, permette di consolidare la presenza della Camera in un territorio strategico per gli interessi dell’imprenditoria italiana, essendo tra l’altro una delle principali piattaforme commerciali e logistiche tra i continenti e la zona a più bassa pressione fiscale in tutta Europa.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Occupazione in crescita nelle PMI italiane nei primi nove mesi del 2015

Occupazione in crescita nelle PMI italiane nei primi nove mesi del 2015

Secondo l’indagine condotta da Cna un’impresa su sette ha assunto. Il 90% si tratta di occupazione stabile

Le micro e piccole imprese cominciano a “sentire” la ripresa. Utilizzando le misure messe in campo dal governo per migliorare il mercato del lavoro. Lo rileva l’Osservatorio mercato del lavoro, curato dal Centro studi della Cna, che analizza mensilmente l’occupazione in un campione di 20.500 micro e piccole imprese, con circa 125.000 dipendenti.

Bisognerà attendere la fine dell’anno per avere conferma dell’effettiva portata di questo capitolo nuovo della legislazione del lavoro. Ma la tendenza, positiva, appare marcata. E, se fosse confermata nell’ultimo trimestre dell’anno, rappresenterebbe un indicatore significativo di progressivo superamento della crisi occupazionale.

grafica700

 

Il dato positivo è il risultato del combinato disposto tra la crescita delle assunzioni e la riduzione delle cessazioni. Nel periodo gennaio-settembre 2015 le imprese osservate hanno assunto 27.858 dipendenti (+816 addetti rispetto allo stesso periodo del 2014) mentre le cessazioni hanno interessato 24.698 lavoratori (-816 in confronto ai primi nove mesi del 2014), determinando una differenza positiva di 3.160 unità.

Nel periodo analizzato dal Centro studi della Cna emerge un dato poco noto al di fuori del circuito degli esperti: nelle micro e piccole imprese l’88,9% degli occupati ha un contratto stabile. In particolare, l’82,6% è assunto a tempo indeterminato, il 6,3% è contrattualizzato da apprendista. Il 9,4% è un lavoratore a tempo determinato, mentre altre forme riguardano il residuo 1,8%.

A che cosa è dovuto il miglioramento dell’occupazione? Sicuramente al nuovo tono dell’economia italiana, fotografata dalla crescita, benché modesta, del Pil. Sulla scelta dei contratti applicati ai nuovi assunti hanno influito le misure mirate ad attenuare la rigidità del mercato del lavoro: il Decreto Poletti, che consente alle imprese di non dover più “giustificare” l’attivazione dei rapporti a tempo determinato; il Dl 167 sull’apprendistato; la Legge di Stabilità per il 2015, che ha ridotto il costo del lavoro sui contratti a tempo indeterminato, cancellando i contributi Inps sui primi tre anni di attività; Il Decreto attuativo 23/2015 del Jobs Act, in vigore dal 7 marzo, che ha introdotto una maggiore flessibilità nella gestione dei rapporti di lavoro.

Fonte: www.ilnordestquotidiano.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Nuova imprenditorialità: pronti 50 milioni per giovani e donne

Nuova imprenditorialità: pronti 50 milioni per giovani e donne

A partire dal prossimo 13 gennaio 2016, in Italia sarà possibile fare domanda per ottenere le nuove agevolazioni alle imprese giovanili e femminili di micro e piccola dimensione

Conto alla rovescia per le nuove agevolazioni alle imprese giovanili e femminili di micro e piccola dimensione. A partire dal prossimo 13 gennaio 2016 infatti, sarà possibile compilare -esclusivamente per via elettronica – le domande utilizzando la piattaforma informativa messa a disposizione nel sito internet di Invitalia. Le risorse finanziarie a disposizione sono pari a 50 milioni di euro.

Beneficiari. La nuova misura prevede che possono beneficiare delle agevolazioni le imprese di micro e piccola dimensione in possesso del requisito della prevalente partecipazione da parte di giovani tra i 18 e i 35 anni o di donne, costituite in forma societaria da non più di dodici mesi dalla data di presentazione della domanda. E’ prevista la possibilità di presentazione della domanda di agevolazione anche da parte di persone fisiche non ancora costituite in forma societaria, fermo restando l’onere per le stesse di costituzione entro quarantacinque giorni dalla data di comunicazione del positivo esito delle verifiche;

Iniziative ammissibili. Sono ammesse alle agevolazioni le iniziative attivabili su tutto il territorio nazionale e promosse nei principali settori dell’economia quali:

• produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;

• fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

• commercio di beni e servizi;

• turismo.

Sono stati individuati, inoltre, settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile e femminile, riguardanti:

• le attività turistico-culturali, intese come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza;

• l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative.

Spese ammissibili. Le agevolazioni sono concesse, in regime de minimis, nella forma del finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese. I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro.

Finanziamento. Le risorse finanziarie destinate all’intervento sono quelle del Fondo rotativo del Ministero dell’economia e delle finanze presso il Soggetto gestore, Invitalia, pari attualmente a circa 50 milioni di euro, la cui consistenza si autoalimenta grazie ai rientri dei mutui relativi alle agevolazioni già concesse a partire dal 2006. La consistenza del Fondo, inoltre, potrà essere incrementata da ulteriori risorse comunitarie, nazionali e regionali.

Per maggiori informazioni: Scheda informativa – Misure per l’autoimprenditorialità

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X