La settimana delle Asturie all’Expo Milano 2015

La settimana delle Asturie all’Expo Milano 2015

La visita dell’assessore al Lavoro, Industria e Turismo della regione spagnola, Francisco Blanco, ha confermato l’importanza del mercato italiano come fonte di investimenti per il Principato

L’industria, il turismo e l’agroalimentare sono i settori che promuovono l’ Asturie come una destinazione d’eccellenza per l ‘investimento e per il turismo. È ciò che ha dichiarato l’assessore al Lavoro, Industria e Turismo della regione spagnola, Francisco Blanco, durante la celebrazione della giornata d’onore durante la settimana delle Asturie a Expo Milano 2015 (26-30 ottobre 2015).

Blanco ha visitato il Padiglione Spagna lo scorso 28 ottobre insieme al Console Generale di Spagna Antonio Cosano, e la vicecommisaria del padiglione, Begoña Cerro.

L’assessore al Lavoro, Industria e Turismo del Principato dele Asturie ha sottolineato il carattere industriale della regione, che è stato mantenuto nel corso degli anni grazie alla sua modernizzazione e all’incorporazione di nuove tecnologie per accrescere la competitività e accedere ai mercati internazionali. Nel 2014, il settore industriale delle Asturie ha rappresentato il 21.48% dell’economia regionale, un tasso più alto della media in Spagna, e del 17,52% del valore aggiunto lordo (GVA).

È stato anche citato il settore metallurgico, che occupa una posizione privilegiata nell’industria delle Asturie. Per questo motivo il governo regionale, nell’ambito dela Strategia di Specializzazione Intelligente ha optato per dare impulso al “Polo Industrial del Acero” , un’iniziativa basata sull’elevato potenziale della multinazionale ArcelorMittal, che nei suoi due stabilimenti nelle Asturie produce il 25% dell’acciaio prodotto in Spagna.

asturias-milan-700

Attività nel Expo Milano

Le Asturie hanno partecipato all’Expo Universale 2015 con un programma di attività che si è svolto nel padiglione della Spagna fino al 30 ottobre. Ê stato inoltre allestito un centro d’informazione per la gestione delle richieste da parte dal pubblico. Ha riscosso grande successo l’iniziativa ‘Fatti un selfie nelle Asturie e vinci un viaggio’. Un grande pannello con i paesaggi più raffresentativi della regione dove i visitatori hanno potuto scattare delle foto e partecipare ad un concorso per vincere un viaggio nella regione.

Il Principato è anche stato pubblicizzato come una destinazione turistica con diverse presentazioni audiovisive e una mostra di immagini che hanno illustrato le principali risorse naturali e culturali della regione, tra cui sei riserve della biosfera, l’arte rupestre, il pre romanico, il Camino de Santiago e altri elementi culturali dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Inoltre, una mostra con il titolo “Tesori enogastronomici delle Asturie” ha mostrato i prodotti agroalimentari con Denominazione di Origine Protetta (DOP) e Indicazione Geografica Protetta (IGP).

L’artigianato asturiano sará presente con una mostra delle opere vincitrici del Concorso “Pezzo Unico di Artigianato”, che ogni anno organizza l’Assessorato al Lavoro della regione spagnola. Inoltre, il Principato ha utilizzato lo splendido scenario di Expo Milano per lanciare il suo sito turistico web in italiano www.turismoasturias.it, con l’obiettivo di aumentare gli arrivi di turisti dall’Italia.

Nel 2014, 19.533 italiani hanno visitato il Principato, facendo dell’Italia il quinto mercato internazionale per le Asturie.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

11 espositori nello spazio dedicato alle eccelenze italiane alla fiera Gastrónoma di Valencia

11 espositori nello spazio dedicato alle eccelenze italiane alla fiera Gastrónoma di Valencia

L’Italia sarà il Paese Invitato nell’edizione 2015 dell’importante manifestazione del settore agroalimentare che si terrà dal 14 al 16 novembre

La Fiera Gastrónoma (Valencia, 14-16 novembre 2015) potrà vantare quest’anno un’importante presenza di aziende provenienti dall’Italia e di distributori di prodotti tipici italiani.

Saranno 11 infatti gli espositori presenti nell’Area Italia gestita dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS). Uno spazio in cui verranno esposti prodotti tipici e specialità italiane, tra cui l’aceto balsamico di Modena, il tartufo e altri prodotti derivati, pasta fresca e secca, insaccati, formaggi, conserve e vino.

Attraverso il seguente link è possibile visualizzare il catalogo degli espositori presenti nello spazio espositivo gestito dalla CCIS: Catalogo espostitori Area Italia

L’Area Italia sarà inaugurata il 14 novembre dalle autorità locali, del Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, del delegato della CCIS a Valencia, Adriano Carbone e dei rappresentanti della business community italo spagnola presenti nella regione.

700GASTRÓNOMA

Chefs italiani a Valencia

Un ricco programma di eventi e attività collaterali organizzati nella stessa “Área Italia” permetterà di far conoscere agli operatori e consumatori locali alcune delle ricette tipiche regionali. In particolare, verranno organizzati showcooking e degustazioni di piatti e prodotti tipici del Belpaese, grazie alla presenza di 4 chef italiani presenti per l’occasione. Si tratta di Enrico Croatti, Executive Chef del rinomato Ristorante Dolomieu del DV Chalet Boutique Hotel & Spa di Madonna di Campiglio (una stella Michelin) e, in Spagna, del Ristorante Orobianco a Calpe (Alicante); Enrica Barni, chef dell’Accademia del Gusto di Madrid, incaricata del programma formativo e di consulenza di questa entità; Alessandro Castro, responsabile per la Spagna dell’Accademia Italiana della Gastronomia Storica e dell’Associazione Ristoworld, nonché membro dell’Accademia Italiana della Cucina; Manfredi Bosco, esperto in cucina italiana/mediterranea e internazionale, che vanta collaborazioni con rinomati chef come Carlo Cracco e Rocco Iannone.

2otragastronoma

Altre iniziative in programma

Sempre all’interno della fiera la CCIS organizzerà una giornata di incontri tra gli espositori e operatori del settore convocati per l’occasione al fine di favorire possibili partnership commerciali in un area strategica come la Comunità Valenciana.

La presenza italiana a Gastronoma 2015 sarà anche l’occasione per presentare agli operatori locali la piattaforma “Italian Quality Experience”, per la promozione delle eccellenze agroalimentari italiane nel mondo e che è possibile visualizzare all’indirizzo: http://www.italianqualityexperience.it/

Nell’Area Italia verrà infatti allestito un info point per la promozione di questo importante progetto coordinato da Unioncamere, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il protagonismo italiano durante la Fiera Gastrónoma sarà inoltre confermato dall’iniziativa che coinvolgerà alcuni ristoranti italiani della provincia spagnola. Le persone che visiteranno l’Area Italia durante la fiera potranno richiedere buoni sconto per poter approfittare così della possibilità di degustare piatti e ricette tipiche dela tradizione enogastronomica italiana nei ristoranti aderenti, durante la settimana successiva all’evento.

Mentre si celebrerá Gastrónoma, a Valencia si terrà anche la 35ª Maratona Trinidad Alfonso. Sono più di 1.500 gli italiani che prenderanno parte alla competizione sportiva il 15 novembre e per questo motivo la CCIS, attraverso la propria delegazione di Valencia, collaborerá nella realizzazione di una Fan zone tutta italiana per la promozione delle imprese del settore enogastronomico partecipanti alla fiera.

Visitare la fiera

I professionisti del settore agroalimentare interessati a vistare la fiera e, in particulare, conoscere i prodotti e gli espositori presenti nell’Area Italia, possono richiedere un ingresso gratuito inviando una mail a: donatella.monteverde@italcvamara-es.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Partecipazione alle principali fiere del settore agroalimentare in Spagna

Partecipazione alle principali fiere del settore agroalimentare in Spagna

Per il 2016, la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna organizza spazi espositivi esclusivi dedicati alle eccellenze del settore agroalimentare italiano nelle principali Fiere di Gastronomia che si celebrano nel paese iberico: il SALÓN INTERNACIONAL DEL CLUB DE GOURMET (4-7 Aprile 2016, Madrid) e ALIMENTARIA  (25-28 Aprile 2016, Barcellona).
Read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Cesare Cuniberto, “Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia”

Cesare Cuniberto, “Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia”

Il Direttore Generale di Unión fenosa Gas e Consigliere della CCIS è stato insignito di questa prestigiosa onorificenza il 23 ottobre scorso, nella sede del’Ambasciata d’Italia a Madrid

Cesare Cuniberto, Direttore Generale di Unión fenosa Gas e membro del Consiglio Direttivo dela Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, è stato insignito del titolo di Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia, in riconoscimento ad una cariera professionale dedicata con successo allo sviluppo e consolidamento del settore energetico italiano nei mercati esteri.

cuniberto700

 

La cerimonia di consegna di questa prestigiosa onorificenza si è svolta lo scorso 23 ottobre nella sede dell’Ambasciata d’Italia a Madrid, ed è stata presieduta dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Pietro Sebastiani, in rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Spagna: 298.200 disoccupati in meno nel terzo trimestre

Spagna: 298.200 disoccupati in meno nel terzo trimestre

Il tasso di disoccupazione diminuisce di 2,5 punti in un anno, assestandosi al 21,18%, secondo i dati pubblicati dall’INE

Secondo l’indagine sulla popolazioe attiva (EPA – Encuesta de Población activa) pubblicata dall’INE (Instituto Nacional de estadística ) il 22 ottobre 2015, il numero di disoccupati in Spagna è diminuito di 298.000 persone nel terzo trimestre, per un totale di 4,85 milioni. Si tratta del più grande calo intertrimestrale dall’inizio della crisi.

Negli ultimi 12 mesi, il tasso di disoccupazione è sceso di quasi 2,5 punti, raggiungendo il 21,18%, dopo il 22,37% registrato tra i mesi d’aprile e giugno. Le donne hanno registrato un calo più elevato della disoccupazione in questo trimestre, con 168.500 disoccupate di meno, per un totale di 2.392.000 persone. Tra gli uomini, il numero dei disoccupati si è ridotto di 129.700 unità, per un totale di 2.458.800.

700oficina

Oltre al calo della disoccupazione, nel terzo trimestre si registra un aumento dell’occupazione. In particolare, il numero degli  occupati è aumentato di 182.200 persone,  per un totale di 18.048.700 unità. È la prima volta che viene superato il traguardo di 18 milioni di persone occupate dalla fine del 2011. Negli ultimi 12 mesi, l’occupazione è cresciuta di 544.700 persone, per un incremento tendenziale del 3,11%. Il maggior contributo in questa fase di crescita si deve al  settore privato:  +483.900 occupati.

A livello settoriale, il numero di occupati è cresciuto nei servizi (210.200 in più) e nell’industria (13.100). È diminuito invece nell’ Agricoltura (30.900 occupati in meno) e nell’edilizia (-10.300).

Negli ultimi 12 mesi il numero dei lavoratori dipendenti è aumentato di 535.800 unità, di cui 178.100 a tempo indeterminato e 357.700 a tempo determinato.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Octavio Llamas nuovo presidente dell’Associazione delle Catene della Ristorazione Moderna(Fehrcarem)

Octavio Llamas nuovo presidente dell’Associazione delle Catene della Ristorazione Moderna(Fehrcarem)

Per il presidente di Autogrill Iberia e Consigliere della CCIS uno degli obiettivi sarà quello di far riconoscere l’importanza del settore della ristorazione come uno dei principali motori del’economia spagnola

 

L’Associazione delle  Catene della Ristorazione Moderna (Fehrcarem) ha nominato Octavio Llamas nuovo presidente. Llamas sostituirá  Albert  de Unzurrunzaga, direttore di Risorse Umane di McDonald’s , che continuerá a far parte del Fehrcarem  in qualità di Vice Presidente.

Octavio Llamas, presidente di Autogrill Iberiae membro del Consiglio Direttivo della CCIS, è laureato  in Economia e Business Administration presso l’Icade ed è lavora da 17 anni per la multinazionale italiana nella regione iberica. Ha iniziato la sua carriera professionale negli anni ’90, nel settore del marketing e acquisti del gruppo Continente. In seguito, nel 1995, è entrato a far parte come responsabile di marketing e acquisti del Gruppo Autogrill contribuendo alla sua penetrazione nel mercato spagnolo. Negli ultimi anni inoltre ha rivestito l’incarico di Vice Presidente di Fehrcarem.

700-FOTO-OCTAVIO-LLAMAS-200

Per Octavio Llamas “presiedere un’organizzazione come Fehrcarem in una situazione come l’attuale è una grande sfida professionale dopo una vita dedicata al mondo della ristorazione. Uno dei  principali obiettivi  sarà quello di far riconoscere l’importanza dell’industria della ristorazione come uno dei principali motori dell’economia spagnola, e per questo ho intenzione di formare insieme al nuovo CdA un team che promuoverà la presenza in prima linea della ristorazione organizzata in tutti i forum settoriali in cui parteciperemo.

Il nuovo CdA della Fehrcarem è composto dai seguenti membri: Octavio Llamas (Autogrill Iberia), in qualità di presidente; Alberto Menendez (Grupo Vips), come vice presidente, Bernardo Vazquez (Group Areas) come vicepresidente economico; Luis Miguel Murcia (Gruppo Rodilla), Carlos Perez Tenorio (The Foodbox), Fernando Frauca (Telepizza) e Alberto Unzurrunzaga (McDonald’s ).

Restauracion News
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La CCIS e l’ IES El Escorial partecipano nei progetti Erasmus + KA102

La CCIS e l’ IES El Escorial partecipano nei progetti Erasmus + KA102

Anche quest’anno la collaborazione tra le due entità ha permesso la realizzazione di tirocini da parte di studenti spagnoli in  vivai e centri di floricultura nella provincia di Pistoia

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna è da alcuni anni partner intermediario dell’IES El Escorial per la partecipazione a progetti Erasmus +  KA102.

Questi progetti permettono agli studenti spagnoli del ciclo formativo di grado medio di Giardinaggio e Florovivaismo di ricevere un sostegno finanziario per svolgere un periodo di tirocinio presso vivai  e centri di floricultura nella provincia di Pistoia. Lo scorso anno sono state assegnate anche quattro borse di studio per docenti del dipartimento di agraria, che hanno permesso loro di conoscere la regione e i vivai che ospitano gli studenti nei loro tirocini, in un progeto formativo denominato Job Shadowing.

La provincia di Pistoia, grazie alla profonda tradizione nell’ambito del florovivaismo è conosciuta come Vivaio d’Europa o Capitale Verde Europea. È possibile visualizzare le immagini del territorio realizzate durante il progetto Job Shadowing attraverso questo link

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Presentato a Madrid il progetto SIGNA MARIS

Presentato a Madrid il progetto SIGNA MARIS

L’evento ha visto la presenza di Roberto Rocca, Dirigente Generale del Ministero di beni e attività culturali e del turismo, Giovanni Aricò, Segretario Generale della Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna e oltre 200 invitati tra giornalisti e tour operator

Si è svolto lo scorso 15 ottobre, nelle eleganti sale dell’hotel NH Collection Eurobuilding di Madrid, l’evento di presentazione del progetto SIGNA MARIS, organizzato dalla Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), in collaborazione con l’ufficio Enit di Madrid.

Foto-3

SIGNA MARIS è un progetto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) – Organismo Intermedio del POIn “Attrattori culturali, naturali e turismo” –  che promuove le ricchezze culturali, naturalistiche e i sapori del territorio italiano attraverso la nascita di un nuovo sistema turistico che unisce ed integra mare e terra.

In particolare, il progetto coinvolge 38 porti turistici di 4 Regioni del Sud Italia (Campania, Sicilia, Calabria e Puglia), che si convertono nel punto di partenza di numerosi itineari attraverso i quali è possibile scoprire le bellezze di un territorio unico al mondo. In ciascuno di essi, monumenti, musei, paesaggi e prodotti enogastronomici tipici raccontano le storie  e tradizioni del Mare Mediterraneo, che nel corso dei secoli ha modellato, custodito e trasportato le bellezze dell’Italia. Il progetto interpreta quindi la rete dei porti coinvolti come motore dello sviluppo turistico dei territori coinvolti.

Durante la presentazione del 15 ottobre, Roberto Rocca, Dirigente Generale del MiBACT e responsabile del progetto SiGNA MARIS, ha presentato gli obiettivi del progetto e gli strumenti che sono stati sviluppati per la sua promozione in tutto il mondo.

Signa-maris-9

Da parte sua, Giovanni Aricò, Segretario Generale della CCIS, ha illustrato alcuni tra i principali itinerari che hanno come punto di partenza i porti della Baia di Napoli. Il capoluogo campano rappresenta infatti una destinazione facilmente raggiungibile per i turisti provenienti dalla Spagna, grazie ai collegamenti aerei diretti con Madrid. Dal porto di Napoli – Santa Lucia, per esempio, è possibile raggiungere i centri termali di Ischia, scoprire le bellezze del Parco Nazionale del Vesuvio, visitare le aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Cuma, Pozzuoli e Stabiae, oltre ad altri magnifici monumenti come la Reggia di Caserta.

Foto-5

Alla conclusione dell’atto, gli oltre 200 invitati presenti tra giornalisti e tour operator, hanno potuto degustare alcuni prodotti tipici delle regioni coinvolte nel progetto.

Signa-maris-11

Tutte le informazioni sul progetto, la rete dei 38 porti che attualmente vi partecipano e gli itinerari proposti sono presenti nella web: www.signamaris.it, disponibile in cinque lingue.

È stata inoltre sviluppata una App gratuita, disponibile nei principali Stores, che funziona anche in modalità offline per i navigatori e che fornisce informazioni dettagliate sui porti e i territori coinvolti nel progetto e la sicurezza nel mare.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La produzione dell’industria agroalimentare cresce del 60% in più rispetto alla media industriale

La produzione dell’industria agroalimentare cresce del 60% in più rispetto alla media industriale

Secondo il comunicato pubblicato da Coldiretti lo scorso 9 ottobre, a spingere la ripresa è la spesa delle famiglie italiane sia in alimenti che bevande

La produzione dell’industria agroalimentare lievita ad un tasso del 60 per cento in più di quella media industriale, con un aumento pari all’1,6 per cento ad agosto rispetto allo stesso mese dello scorso anno. E’ quanto afferma il comunicato pubblicato da Coldiretti lo scorso 9 ottobre in riferimento ai dati dell’Istat sulla produzione industriale nel mese di agosto, nel sottolineare la positiva inversione di tendenza in atto nell’ alimentare con consumi, produzioni ed esportazioni tutti con il segno positivo .

700Coldaretti

A spingere la ripresa – rileva la Coldiretti – è la spesa delle famiglie italiane sia in alimenti che bevande, che è tornata ad aumentare dopo sette anni di riduzione consecutiva e si preveda a fine anno uno 0,3% di crescita cumulata nei dodici mesi sulla base delle previsioni Ismea-Nielsen relative al 2015. Siamo di fronte ad un significativo cambio di direzione dei consumi alimentari, se confrontato – sottolinea la Coldiretti – con la dinamica negativa del 2014 (-1%) e a quella egli anni precedenti.

L’alimentare – conclude la Coldiretti – è uno speciale indicatore dello stato dell’economia nazionale poiché si tratta della principale voce del budget delle famiglie dopo l’abitazione con un importo complessivo di 215 miliardi di euro.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

I porti turistici come porte di acceso al patrimonio culturale e paesaggistico del Sud Italia

I porti turistici come porte di acceso al patrimonio culturale e paesaggistico del Sud Italia

Il prossimo 15 ottobre si terrà a Madrid la presentazione del progetto Signa Maris per la promozione delle eccellenze turistiche di quattro regioni del Meridione

La Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna, in collaborazione con l’ufficio Enit di Madrid, organiza l’evento di presentazione del progetto SIGNA MARIS per la promozione delle eccellenze turistiche di quattro regioni del Sud Italia (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia), che si terrà il prossimo 15 ottobre a Madrid, nell’hotel NH Collection Eurobuilding.

SIGNA MARIS è un progetto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) – Organismo Intermedio del POIn “Attrattori culturali, naturali e turismo” che promuove le ricchezze culturali, naturalistiche e i sapori del territorio italiano attraverso la nascita di un nuovo sistema turistico che unisce ed integra mare e terra.

In particolare, i porti turistici coinvolti nel progetto diventano il punto di partenza di numerosi itineari attraverso i quali per scoprire le bellezze di un territorio unico al mondo. In ciascuno di essi y monumento, i musei, i paesaggi ed i prodotti enogastronomici ticpici raccontano le storie  e tradizioni del Mare Mediterraneo, che nel corso dei secoli ha modellato, custodito e trasportato le bellezze dell’Italia. Il progetto interpreta pertanto la rete dei porti turistici come motore dello sviluppo turístico dei territori coinvolti, al fine di incrementare i flussi turistici dall’Italia e dai principali mercati di emissione.

I porti turistici che ad oggi fanno parte della rete SIGNA MARIS sono 38: Campania, Puglia e Sicilia ne ospitano 10, mentre la Calabria 8.

Durante la presentazione del 15 ottobre veranno illustrati brevemente i principali itinerari che hanno come punto di partenza i porti della Baia di Napoli. Il capoluogo campano rappresenta infatti una destinazione facilmente raggiungibile per i turista proveniente dalla Spagna, grazie ai collegamenti aerei diretti con Madrid. Dal porto di Napoli – Santa Lucia, per esempio, raggiungere i centri termali di Ischia e dei Campi Flegrei, scoprire le bellezze del Parco Nazionale del vesuvio, visitare le aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Stabiae, oltre ad altri magnifici monumento come la Reggia di Caserta. Tutto questo degustando degustando i sapori e le ricette tipici del territorio.

Tutte le informazioni sul progetto, la rete dei porti che partecipano e gli itinerari proposti è disponibile nella web:www.signamaris.it/, disponibile in cinque lingue. Si tratta di una piattaforma di promozione turistica di facile acceso che costituisce uno strumento essenziale per tutti coloro che desiderino scoprire l’offerta turística delle quattro regioni coinvolte nel progetto.

È stata inoltre sviluppata una App, disponibile nei principali Stores, che funciona anche in modalità offline per i navigatori, fornendo informazioni sui porti, il territorio e la sicurezza nel mare.

Per maggiori informazioni: Progetto Signamaris

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X