Il lancio della nuova Fiat 500 in Spagna

Il lancio della nuova Fiat 500 in Spagna
Approfittando dell’occasione, la rete dei concessionari ha organizzato una festa di presentazione in tutte le sedi del territorio spagnolo, dove clienti ed interessati hanno potuto conoscere per primi la nuova Fiat 500
 
La commercializzazione in Spagna della nuova Fiat 500 è iniziata lo scorso 17 settembre e, per festeggiarla, la rete di concessionari di FCA Spain ha invitato clienti e persone interessate a conoscere l’auto in diretta, nella festa di presentazione che ha avuto luogo in tutte le concessionarie del marchio nel territorio nazionale. Durante l’evento, gli interessati all’acquisto della nuova 500 hanno potuto usufruire di un interessante sconto esclusivo, così come promozioni speciali nel resto dei modelli della gamma Fiat.

fiat

Le grandi novità che presenta la nuova Fiat 500 (circa 1900 nuovi componenti) ed il suo stile inconfondibile, motori efficienti, tecnologia in materia di sicurezza e infointrattenimento, e possibilità di personalizzazione, sono stati argomenti sufficienti perchè il volume di operazioni commerciali aumentasse più del 200% in questo primo giorno di vendita del nuovo modello. Con un totale di 115 unità vendute in un giorno solo in Spagna, la nuova Fiat 500 è stata lanciata triplicando la media giornaliera che aveva registrato la generazione precedente nell’accumulato del 2015 (9.070 unità da gennaio ad agosto, che suppone una media giornaliera di 38 operazioni al giorno). Un successo senza precedenti e che garantisce che il lider della categoria in Spagna ed in Europa continuerà ad essere il referente indiscutibile tra i veicoli urbani.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

La gastronomia italiana protagonista a Madrid

La gastronomia italiana protagonista a Madrid

Lo scorso 17 settembre si è svolto nell’Ambasciata d’Italia a Madrid un evento di promozione dei prodotti agroalimentari italiani in occasione della celebrazione dei 25 anni di attività del’impresa Negrini SL

Il prestigioso Palacio de Amboage, sede dell’Ambasciata d’Italia a Madrid, ha fatto da cornice ad una grande serata all’insegna della gastronomia italiana. Più di 400 invitati tra operatori del settore, stampa specializzata e rappresentanti della business community italo-spagnola e delle istituzioni italiane in Spagna, hanno potuto assistere all’evento co-organizzato dalla CCIS, lo scorso 17 settembre, per celebrare i 25 anni di attività dell’impresa Negrini SL, uno dei principali distributori di prodotti italiani in Spagna e socio della Camera.

L’evento ha visto la presenza dei rappresentanti di più di dieci marche di prodotti enogastronomici italiani (dalla pasta alle conserve, passando per gli insaccati, caffé vini e liquori) che trovano in Negrini un partner affidabile per consolidare la propria presenza nel mercato spagnolo.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Valencia ospiterà il maggiore polo dell’imprenditoria del Mediterraneo

Valencia ospiterà il maggiore polo dell’imprenditoria del Mediterraneo

Il Presidente ella catena spagnola di supermercati Mercadona, Juan Roig, ha inaugurato il 17 settembre scorso l’inizio delle attività nelle installazioni che ha promosso presso le vecchie basi della Coppa Ameirca, a Valencia, che ospitano il quartiere di Marina de Empresas

Con un’investimento di più di trenta milioni di euro per la sua costuzione, i promotori assicurano che si tratta del maggiore polo dell’imprenditoria del Mediterraneo.

Occupa 18.000 metri quadrati costruiti, in due dei padiglioni che hanno ospitato le squadre internazionali di vela nel 2007 e nel 2008, e che sono diventate la sede di start ups e di formazione di imprenditori.

In uno dei due edifici è situato Lanzadera, il programma di impuso alle imprese presentato da Juan Roig tre anni fa, e che nella sua attuale edizione guida lo sviluppo di venticinque compagnie emergenti. È inoltre la sede di Angels Capital,  società che finanzia attraverso “seed capital”  nuovi progetti imprenditoriali.

Nell’altro blocco è stata ubicata la scuola di imprenditori Edem, legata all’Associazione Valenciana di Imprenditori, che oltre a diversi master e corsi per professionisti e manageri, imparte il corso di Amministrazione di Imprese diretto ai giovani che vogliono diventare imprenditori.

Si prevede che l’attività di questo polo di imprenditori generi il passaggio di più di mille persone e che nel 2017 abbia favorito la creazione di piú di duecento imprese.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Con 4.886 prodotti tradizionali Italia leader nella biodiversità

Con 4.886 prodotti tradizionali Italia leader nella biodiversità

È quanto emerge dal Dossier Coldiretti su il “Made in Italy salvato dall’estinzione” presentato in occasione dell’inaugurazione della mostra “Gli antenati del Made in Italy, i cibi piu’ antichi”  ad Expo Milano lo scorso 24 settembre

 

L’Italia è l’unico Paese al mondo che puo’ contare su 4.886 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle regioni ottenuti secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, 272 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg. E’ quanto emerge dal Dossier Coldiretti su il “Made in Italy salvato dall’estinzione” presentato in occasione dell’inaugurazione della mostra “Gli antenati del Made in Italy, i cibi piu’ antichi” per la prima volta ad Expo nel Padiglione “No Farmers No Party” all’inizio del cardo sud.

Un risultato reso possibile – sottolinea la Coldiretti – dalla grande varietà del patrimonio vegetale e animale con la presenza sul territorio nazionale di 7.000 specie di flora, 58.000 specie di animali e 504 varietà iscritte al registro viti, ma anche di 533 varietà di olive , grazie al lavoro quotidiano di agricoltori e allevatori.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Bando per l’attrazione e lo sviluppo di nuove attività produttive nella provincia di Reggio Emilia

Bando per l’attrazione e lo sviluppo di nuove attività produttive nella provincia di Reggio Emilia

Con uno stanziamento di 200.000 euro, la Camera di Commercio locale intende favorire l’attrazione di investimenti nazionali ed esteri sul territorio

La Camera di Commercio di Reggio Emilia ha pubblicato un bando per l’attrazione e lo sviluppo di nuove attività produttive rivolto a imprese manifatturiere interessate a investire nella provincia italiana.

Con uno stanziamento di 200.000,00 euro, la Camera di Commercio intende:

  • favorire l’attrazione e lo sviluppo di attività e investimenti nazionali ed esteri sul territorio;
  • aumentare la competitività e la diversificazione del tessuto imprenditoriale e produttivo;
  • creare nuovi posti di lavoro.

Possono candidarsi le piccole, medie e grandi imprese manifatturiere costituite sotto forma di società di capitale o di persone che al momento della presentazione della domanda:

  • non abbiano sede legale, sedi secondarie e/o unità locali proprie o di società controllate nella provincia di Reggio Emilia; salvo in caso di rilocalizzazione di unità locali;
  • siano in attività, comprovata dalla iscrizione nel Registro imprese/REA territorialmente competente;
  • abbiano chiuso un bilancio almeno in pareggio per almeno 2 esercizi consecutivi (anni 2013-2014).

Le domande potranno essere presentate  in modalità telematica, con firma digitale, oppure a mezzo PEC o Raccomandata AR entro il prossimo 30 ottobre 2015.

La CCIAA di reggio Emilia elargirá un contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 50% della spesa ammissibile ed effettivamente sostenuta, fino ad un valore massimo di 100.000,00 euro. L’investimento minimo è pari a 60.000,00 euro.

Gli interventi ammessi a contributo dovranno rispettare tutte le seguenti condizioni:

  • l’apertura di una nuova unità locale o l’insediamento (per trasferimento sede legale) sul territorio della provincia di Reggio Emilia, ovvero la rilocalizzazione dall’estero o dal territorio nazionale (esclusa la provincia di Reggio Emilia) di una unità locale nella provincia di Reggio Emilia;
  • la realizzazione di un investimento produttivo di beni o servizi;
  • un incremento occupazionale non inferiore a 5 addetti. L’occupazione minima richiesta deve essere mantenuta per almeno 3 anni dalla conclusione dell’investimento.

Per maggiori informazioni: pagina informativa della CCIAA di Reggio Emilia

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Positivi gli ultimi dati sulla disoccupazione in Italia

Positivi gli ultimi dati sulla disoccupazione in Italia

Buoni segnali anche per la crescita dell’economia, rivista al rialzo rispetto alle stime di metà agosto

Secondo i dati diffusi dall’Istat, la disoccupazione in Italia è calata nel mese di luglio 2015 attestandosi al 12,0%.

In particolare, la stima dei disoccupati, pari a 3,074 milioni di persone, diminuisce del 4,4% (-143 mila) su base mensile e nei dodici mesi la disoccupazione diminuisce del 6,6% (-217 mila persone in cerca di lavoro). Nell’ultimo mese la stima della disoccupazione è in calo sia tra gli uomini (-3,5%) sia tra le donne (-5,6%). Lo stesso andamento si osserva per i tassi di disoccupazione: quello maschile, pari all’11,5%, cala di 0,4 punti percentuali, quello femminile, pari al 12,7%, cala di 0,6 punti. Nella media del periodo maggio-luglio, il tasso di disoccupazione rimane invariato per gli uomini, mentre diminuisce per le donne (-0,1 punti). Su base annua gli uomini vedono calare il tasso di disoccupazione (-0,5%), come anche le donne (-1,3%). L’Istat sottolinea anche come nel secondo trimestre si amplino i divari territoriali: dal 7,9% nelle regioni settentrionali, al 10,7% nel Centro fino ad arrivare al 20,2% nel Mezzogiorno.

Anche per la crescita i dati diffusi dall’Istat invitano all’ottimismo: L’incremento del PIL nel secondo trimestre dell’anno è stato rivisto al rialzo rispetto alle stime di metà agosto, passando dal +0,2% ad un più confortante +0,3% in termini intertrimestrali, e a +0,7% su base annua (da 0,5%). Si tratta dell’aumento tendenziale più alto da quattro anni.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X