Il Risparmio gestito in Italia e Spagna: l’opinione di Allfunds Bank

Il Risparmio gestito in Italia e Spagna: l’opinione di Allfunds Bank

L’entità bancaria con presenza in Spagna, Italia, Regno Unito, Cile, Dubai, Lussemburgo e Svizzera offre un’interessante analisi sulle dinamiche che caratterizzano la gestione degli investimenti nei mercati spagnolo e italiano 

L’industria italiana e spagnola del risparmio sta vivendo un ciclo positivo da almeno tre anni, nonostante la crisi, i tassi ai minimi, gli spreads altalenanti ed le incertezze politiche. Probabilmente alcune di queste caratteristiche ci segnalano 2 mercati dove la concentrazione della ricchezza è aumentata, e quindi molte difficoltà permangono.

A livello macroeconomico (fonte dati Bloomberg), l’immagine che abbiamo ad oggi e di 2 paesi che cercano di rialzarsi, e che partono da situazioni complesse e non proprio simili. L’Italia ha una crescita che mostra numeri molto timidi, nel primo trimestre 2015 la crescita si attesta su uno 0,3% su base trimestrale. Il mercato del lavoro da timidi segnali di ripresa, dato che in autunno scorso eravamo al 13,2% di disoccupazione mentre ad oggi siamo al 12,9. Aumenta la fiducia tra consumatori e produttori, e questo sembra fondamentale. Il grosso fardello rimane il debito. Infatti lo stato italiano può controllare il deficit annuale di bilancio al di sotto del 3%, come ha mostrato da anni, ma con una crescita intorno alle 0, questo deficit si finanzia comunque con nuovo debito, che rimane ai suoi massimi con un 132% del PIL.

La Spagna sta accelerando molto sulla crescita, che toccherà un +1% su base trimestrale. Ma la deflazione rimane forte e costante, il CPI è negativo da quasi un anno, -0.6% ad aprile 2015. Anche qui la disoccupazione scende, ma rimane ancora pericolosamente vicina al 24%. L’indicatore di fiducia pubblicato dall’Unione Europea è però in crescita. La Spagna deve affrontare una spesa corrente ancora troppo elevata, il deficit è al 5,8%; forse a livello governativo questo è la variabile più destabilizzante.

A livello di industria, abbiamo effettuato uno studio sulle masse intermediate dalla piattaforma per vedere la crescita e i movimenti di mercato.

In Allfunds Bank, ad aprile 2014, le masse intermediate da Italia e Spagna erano circa € 93 miliardi, ad aprile 2015 erano € 148 miliardi, circa + 59% su base annua. La crescita più forte in termini assoluti è avvenuta in Italia con +28 miliardi in un anno, circa il 50%, ma in termini relativi la Spagna ha visto un incremento eccezionale delle masse del 72%. Ad oggi l’Italia intermedia il 42% delle masse di tutta la piattaforma, la Spagna circa il 32%. Qui di seguito, prenderemo in considerazione quindi un campione di 150 miliardi circa, corrispondente alle masse intermediate nei due mercati, italiano e spagnolo.

La prima analisi riguarda la composizione dei due mercati ad aprile 2014.

grafico1 grafico2

Il mercato italiano è tradizionalmente un mercato obbligazionario, ad oggi il 40% è investito in prodotti obbligazionari, il 76%, circa tre quarti, è investito in prodotti azionari o obbligazionari. Il mercato spagnolo si presenta più differenziato. Entrambi i mercati hanno però sperimentato un raddoppio in un anno di investimenti in prodotti misti. Gli investitori spagnoli, che utilizzano la piattaforma, utilizzano maggiormente anche gli investimenti alternativi, in termini relativi ed assoluti, a discapito dei prodotti obbligazionari e a differenza degli investitori italiani. In entrambi i mercati, la concentrazione in prodotti obbligazionari era più elevata, il che dimostra che i tassi vicini allo zero hanno spinto alla ricerca di nuove opportunità.

Applicando all’universo studiato una categorizzazione interna del dipartimento di Investment Services, riportiamo quelle che sono le principali differenze o similitudini a livello di asset class. Premettiamo che nell’ultimo hanno la media è stata di un aumento in tutte le asset class a parte alcune eccezioni come in Italia i prodotti obbligazionari a media o corta duration e le utilities ed in Spagna real estate, convertibles, high yield e telecom.

C’è stato un fortissimo aumento in entrambi i mercati di investimenti in prodotti alternativi Global Macro, nei prodotti obbligazionari con duration lunghe, a rendimento garantito e prodotti mixed asset conservativi. Questo ci dimostra che c’è stata una ricerca di diversificazione; gli investitori hanno inoltre cercato migliori profili rischio/rendimento nel lungo periodo o prodotti misti che solitamente hanno fino al 80% di obbligazionario. Il mercato italiano è rimasto più stabile, mentre gli investitori spagnoli, hanno ridotto molti investimenti obbligazionari in favore di profili misti aggressivi e flessibili ed alcuni prodotti settoriali, come gli industrials e healthcare.

A fine aprile, la situazione può essere descritta dal seguente grafico.

grafico3

Si può dedurre, da questo grafico, la maggior propensione degli investitori spagnoli verso prodotti alternativi e misti, mentre quelli italiani rimangono più esposti a prodotti obbligazionari, tranne per quelli a duration corta, ed azionari. Le asset class sono state prese, come ricordato, dalle nostre classificazioni.

Facendo una suddivisione simile, possiamo osservare la differenza geografica degli investimenti che vede l’investitore italiano più differenziato ed esposto particolarmente ai mercati emergenti.

grafico4
L’investitore spagnolo predilige investimenti in categorie come Eurozone, USA ed global. L’investitore italiano è mediamente più esposto ai paesi emergenti e paesi europei anche non Euro. L’esposizione degli investitori italiani a paesi dell’eurozona, USA e Globali ammonta al 62.84% (86,26% se includiamo anche il resto d’Europa); quello spagnolo negli stessi paesi investe il 71,57%(93,3% se includiamo il resto d’Europa), circa il 9% in più.
grafico5La prossima parte di analisi scompone le masse investite attraverso la piattaforma per tipologia di cliente, come le società di gestione, private bank, insurance company, ecc. La scomposizione può essere esaminata sotto vari aspetti; ne abbiamo eseguite tre: una scomposizione per area geografica, per asset type e per asset class.
In prima analisi, la tipologia di investitore cambia molto da un paese all’altro; in Italia la principale tipologia di investitore è costituito dalle assicurazioni (45% del mercato), poi dalle società di gestione (24%) ed poi da banche commerciale medie/piccole e private banks (rispettivamente 16% e 13%). In Spagna invece il mercato è equamente ridistribuito tra società di gestione,banche commerciali o privates.
Se analizziamo i clienti e le loro preferenze geografiche, possiamo cogliere i trend che abbiamo già evidenziato precedentemente, quindi una forte predisposizione alle asset class globali per gli investitori spagnoli a livello generale, mentre per quelli italiani si evidenziano le già menzionate differenziazioni in paesi emergenti. Questa scomposizione è particolarmente evidente nei fondi italiani rispetto a quelli iberici.
Abbiamo appena analizzato le variazioni relative nell’ultimo anno per tipologia di cliente, evidenziando molte differenze tra i due paesi. Cominciamo questa ultima parte dell’analisi evidenziando come si differenziano i clienti per tipologia di investimenti e poi per strategie.
Asset managers: quelli italiani usano molti prodotti azionari ed obbligazionari, mentre quelli spagnoli utilizzano anche molti prodotti alternativi. Inoltre gli asset managers iberici sono stati molto più attivi nell’ultimo anno, raddoppiando la loro esposizione in praticamente tutte le tipologie di prodotti, azionario, bond, money market, settoriali, alternativi e mixed assets; questi ultimi sono stati quadruplicati in Italia e quasi sestuplicati in Spagna. A livello di strategie gli aumenti più significativi riguardano in Italia i mixed asset aggressive e flessibili, obbligazionari con duration lunga, alternativi global macro e corporates di qualità. In Spagna si sottolineano cambi rilevanti in mixed asset conservative, obbligazionari di lungo e long/short equity.
Le Banche commerciali e quelle private sono state le realtà più stabili, hanno visto aumenti equilibrati. Le tipologie di prodotti venduti sono rimaste abbastanza stabili a parte un forte aumento in entrambi i paesi di prodotti misti, conservativi e flessibili, e anche alternativi ma in maniera molto uniforme. Interessante come le banche commerciali spagnole abbiano aumentato molto a livello di strategie le esposizioni a prodotti con duration lunga mentre le banche private spagnole le hanno ridotte. L’aumento invece dell’esposizione delle banche private italiane su quella parte della curva è stato enorme.
Anche le assicurazioni in Italia hanno mostrato un forte aumento in prodotti misti, oltre alle strategie obbligazionarie convertible e corporate high yield. In Spagna il mercato è molto limitato.
Le altre categorie di investitori hanno generalmente seguito il mercato in maniera stabile, senza variazioni anormali. Come potete vedere dall’ultimo grafico, gli investimenti al di fuori delle tipologie di clientela descritte sono più delimitati.
Conclusioni
 
Il mercato dei fondi italiano e quello spagnolo hanno cavalcato entrambi alcuni trend mondiali di ripresa del settore finanziario e soprattutto dell’asset management, ma allo stesso tempo mantengono chiare differenze date dalla loro struttura interna.
• Investitori italiani: attività assicurativa molto sviluppata, forte preferenza per prodotti azionari ed obbligazionari, con una crescita esponenziale di asset misti. Maggiore differenziazione geografica.
• Investitori spagnoli: maggiore differenziazione tra asset managers, private bankers e banche commerciali. Maggior propensione per le strategie alternative, miste e settoriali. A livello geografico si concentrano di più sui paesi sviluppati.
 
 
 
 
Fonte dati: analisi sugli investimenti attuati attraverso la piattaforma di Allfunds Bank in Spagna ed in Italia, categorizzazione adattata alle esigenze della analisi e basata sulle classificazioni dei dipartimento di Investment Research. Dati economici dati rilevati da Bloomberg.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Claudio Carpentieri, nuovo Direttore di Fiat e Abarth per la Spagna

Claudio Carpentieri, nuovo Direttore di  Fiat e Abarth per la Spagna

Arriva a Madrid dopo essere stato responsabile della direzione di pianificazione di prodotto e relazioni istituzionali di Fiat, Abarth, Lancia e Chrysler in Italia.

D. Claudio Carpentieri (1965, Italia) è stato nominato nuovo Direttore delle marche Fiat e Abarth per Spagna. Carpentieri arriva a Madrid in seguito a un’importante esperienza al’interno del Gruppo FCA in cui ha ricoperto incarichi di responsabilità negli ultimi due anni.

Laureato e con un Master ottenuto all’ Università La Sapienza di Roma, Carpentieri ha svolto la prima fase della sua traiettoria professionale passando per Nissan, Renault e BMW fino ad arrivare a FCA nel 2013 per realizzare funzioni esecutive all’interno del dipartamento di prodotto e relazioni istituzionali per le marche Fiat, Abarth, Lancia e Chrysler.

FIAT_Claudio-Carpetieri_2015

Carpentieri prende il posto di Antoine Burguiere (che assume un nuovo ruolo in Italia) alla testa di Fiat e Abarth in un momento in cui entrambe le marche sono in piena crescita nel mercato.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Autogrill Iberia rinnova il suo accordo con Conway

Autogrill Iberia rinnova il suo accordo con Conway

La compagnia leader mondiale nei servizi di ristorazione e retail rivolti al viaggiatore, continuerà ad affidare a Conway la distribuzione integrale di 400 tipologie di prodotti

Autogrill Iberia e Conway hanno rinnovato il loro accordo di collaborazione fino al 2017. La compagnia leader mondiale nei servizi di ristorazione e retail rivolti al viaggiatore continua perciò ad affidare a Conway la distribuzione integrale di 400 tipologie di prodotti, attraverso i 65 punti vendita che possiede in Spagna.

Conway si incaricherà della ricezione degli ordini, la gestione degli stock, l’importazione dei prodotti, la gestione amministrativa e la distribuzione dei prodotti a tre temperature diverse: congelati, refrigerati e temperatura ambiente.

“Siamo molto soddisfatti di poter continuare la collabozione con una multinazionale del livello di Conway, in uno degli aspetti più vitali per una impresa come Autogrill Iberia, la distribuzione”, ha assicurato Octavio Llamas, presidente e direttore generale di Autogrill Iberia.

autogrill

Fonte: Restauración News 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Verona e il suo territorio protagonisti a Madrid

Verona e il suo territorio protagonisti a Madrid

La CCIS, in collaborazione con la Camera di Commercio di Verona, la Fondazione Arena di Verona e l’Aeroporto della città scaligera, ha organizzato l’evento di presentazione delle eccellenze turistiche, enogastronomiche e culturali della provincia veneta 

La Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna (CCIS), in collaborazione con la Camera di Commercio di Verona, la Fondazione Arena di Verona e l’Aeroporto “Valerio Catullo”, ha organizzato lo scorso 20 maggio, all’interno dell’hotel Hesperia di Madrid, un evento per la presentazione dell’offerta turistica, enogastronomica e culturale della provincia di Verona, in occasione dell’inaugurazione del volo diretto tra la città veneta e la capitale spagnola, operato da Iberia Express.

foto-5

Hanno preso parte all’evento il Segretario Generale della CCIS, Giovanni Aricò, il Consigliere Economico Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, Marco Rusconi, il Presidente dell’Aeroporto di Verona e membro della Giunta dela Camera di Commercio di Verona, Paolo Arena, il Direttore Commerciale e sviluppo aviation di SAVE SpA, Camillo Bozzolo, la Sales Manager di Iberia Express, Paloma Utrera e il Direttore Marketing della Fondazione Arena di Verona, Corrado Ferraro.

Camillo Bozzolo è stato l’incaricato di presentare le eccellenze del territorio veronese, dall’offerta gastronomica ai principali monumenti storici, passando per i punti di forza dell’economia locale e terminando con la presentazione dell’aeroporto “Valerio Catullo” che collega la città veneta con i principali scali nazionali ed europei.

foto-1

“Il territorio scaligero è tutto da scoprire per il turista spagnolo – ha commentato il Direttore Commerciale e sviluppo aviation di SAVE SpA – che potrebbe senz’altro conoscere meglio il fascino della città di Giulietta. La  Spagna è il 12º paese per flussi turistici in entrata in provincia con poco meno di 30mila presenza annue. Quest’anno Expo offre un’ulteriore occasione di visita in Italia. Possiamo agganciare parte di questi flussi, promuovendo Verona come destinazione. Occorre fare sistema per far conoscere maggiormente le bellezze di Verona all’estero poiché il turismo offre opportunità di business tutte da sviluppare”.

foto-3

Promozione che va sostenuta con un’adeguata offerta infrastrutturale, a cui rispondono sia il volo Verona – Madrid presentato durante la serata, sia il Verona-Barcellona operato da Vueling.

“La prossima estate il mercato spagnolo sarà collegato con Verona grazie ai voli di linea diretti con Madrid e Barcellona – ha aggiunto Paolo Arena, presidente dell’Aeroporto Catullo – I voli di linea si aggiungono ai collegamenti charter che rendono la Spagna e le sue isole una delle destinazioni principali per il nostro bacino, considerando che il mercato spagnolo vale per l’aeroporto di Verona oltre 145 mila passeggeri trasportati”.

La serata di presentazione è stata allietata da un concerto organizzato dalla Fondazione Arena di Verona per presentare la stagione lirica 2015, che ha visto l’esibizione della mezzosoprano Anna Malavasi e del tenore Cataldo Caputo, accompagnati dal pianista Fabio Fapanni.

foto-4

L’evento ha registrato un grande successo in termini di presenze. Sono stati oltre 220 i tour operator e giornalisti presenti, che hanno avuto anche la possibilità di scoprire vini di Verona Wine Top e di degustare una serie di ricette a base di prodotti tipici del territorio, elaborate da chef veronesi.

foto-7

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedIn

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

L'uso di cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione della nostra politica dei cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni.

X